Maxi rissa organizzata via Social ad Aci Catena (Catania)

0
586
maxi rissa organizzata

Una maxi rissa organizzata via Social con partecipanti armati con mazze, anche da baseball, e catene è stata scatenata il 29 marzo scorso ad Aci Catena, nel Catanese. Tutto è stato scatenato da una lite tra un sedicenne e un ventenne cominciata sui social cominciata sui social network dopo ‘l’intrusione’ del minorenne su una chat su ‘Houseparty’ e poi proseguita su ‘Instagram’.

Su quest’ultima piattaforma i due si sono dati ‘appuntamento’ in piazza Europa presentandosi per la maxi rissa organizzata via Social ‘accompagnati’ da amici e parenti, di età compresa tra 13 e 56 anni, picchiandosi selvaggiamente e lanciandosi contro anche una transenna. Tredici di loro sono stati identificati e denunciati dai carabinieri per rissa aggravata e danneggiamento. Nello scontro una persona è rimasta gravemente ferita, riportando un trauma cranico, ed è ancora ricoverato con la prognosi riservata nell’ospedale Cannizzaro di Catania.

I carabinieri di Aci Sant’Antonio e del comando provinciale etneo, grazie alla visione delle riprese di telecamere di sicurezza della zona sono riusciti ad identificare e denunciare tredici di loro. Uno ha minacciato di morte il ventenne, che stava per essere trasferito in ambulanza in ospedale, urlandogli “ti ammazzo, ci vediamo ad Acireale” e danneggiando con calci e pugni un’auto. Sul posto i carabinieri hanno sequestrato due mazze da baseball, uno sfollagente e una catena utilizzati durante la rissa 

Controlli dei prodotti ittici: sequestrati 500 kg di pesce a Catania

Catania – Nuova eruzione dell’Etna con forti boati e nuove fontane di lava (Video…

Aci Castello (Catania) – Catturata poiana che prendeva di mira i bambini di un…

Catania – Evento eccezionale dell’Etna: ecco l’eruzione infernale (Video)

Denunciati per la maxi rissa organizzata via social

Tredici di loro sono stati identificati e denunciati dai carabinieri per rissa aggravata e danneggiamento. Nello scontro una persona è rimasta gravemente ferita, riportando un trauma cranico, ed è ancora ricoverato con la prognosi riservata nell’ospedale Cannizzaro di Catania. I carabinieri grazie alla visione delle riprese di telecamere di sicurezza della zona sono riusciti a identificare e denunciare 13 di loro. Uno ha minacciato di morte il 20enne, che stava per essere trasferito in ambulanza in ospedale, urlandogli “ti ammazzo, ci vediamo ad Acireale” e danneggiando con calci e pugni un’auto. Sul posto i carabinieri hanno sequestrato due mazze da baseball, uno sfollagente e una catena utilizzati durante la rissa.