L’ultimo giornale libero di Hong Kong sta per chiudere

0
365
Hong Kong

L’ultimo giornale baluardo della democrazia ad Hong Kong, il tabloid Apple Daily, sta per chiedere a causa del congelamento patrimonio attuato dal governo di Carrie Lam.

Perchè Apple Daily rischia di chiudere?

La redazione, già martoriata, dagli arresti effettuati la scorsa settimana dalla polizia potrebbe chiudere. Il governo filo-cinese di Hong Kong ha accusato Apple Daily di collusione con potenze straniere. Per mezzo della legge di sicurezza nazionale, il governo può congelare i beni della società proprietaria di Apple Daily: la Next Digital. Altre tre società legate al quotidiano sono state accusate: la Apple Daily Limited, Apple Daily Printing Limited e AD Internet Limited. Quando il governo si è introdotto nella redazione di Apple Daily ha congelato circa 18 milioni di dollari hongkonghesi in assets e bloccato i conti che contengono più di 500 milioni di dollari. La mossa, avvenuta prima che qualsiasi procedimento giudiziario fosse iniziato, ha lasciato l’azienda incapace di pagare i costi operativi futuri o i salari del proprio personale. Perciò, il giornale rischia di chiudere nel fine settimana.


Gli arresti dei dirigenti del giornale di Jimmy Lai


L’accusa ai dirigenti

Giovedì scorso la polizia, con pochi poliziotti, solo 500, ha arrestato 5 dirigenti del giornale. Nell’incursione, la polizia ha arrestato cinque alti dirigenti e accusato l’amministratore delegato della società madre Next Digital, Cheung Kim-hung, e il caporedattore di Apple Daily, Ryan Law, di aver violato la legge sulla sicurezza nazionale. Il giornale è accusato dal governo di aver pubblicato più di 30 articoli che chiedevano sanzioni nei confronti del governo di Pechino e verso l’amministrazione speciale di Hong Kong. Però, alla richiesta di prove riguardo tali articoli le autorità non hanno specificato se questi erano notizie oppure opinioni.

Prossime mosse per Apple Daily

Se il Security Bereau di Hong Kong non risponde alla richiesta di sboccare i fondi, il consiglio di amministrazione ha annunciato che l’ultima edizione del quotidiano potrebbe essere stampata nelle prime ore di sabato. Mentre fermerà la sua produzione online prima della mezzanotte dello stesso giorno.

Giornalisti allo sbaraglio

Vi è in corso un esodo di massa dei giornalisti a seguito di un precedente annuncio della società che controlla Apple Daily: la Next Digital. Le pubblicazioni sono, in questo momento, al minimo. Siccome vi sono pochi giornalisti rimasti in redazione. Difatti, sia la sezione finanziaria, l’edizione in inglese e il dipartimento video hanno già in parte cessato le operazioni. Dopo gli arresti della settimana scorsa, gli scrittori temono di poter essere arrestati all’improvviso. In particolare, quelli che sono incaricati di scrivere articoli sensibili o critici. La maggior parte, però, è orgogliosa di aver lavorato per Apple Daily come riporta un anonimo reporter a Hong Kong Free Press. Inoltre, questi ha dichiarato che il giornale non lo hai mai deluso come datore di lavoro. E che le buste paga sono sempre arrivate indipendentemente dal fatto che l’azienda fosse in rosso o meno.

L’atteggiamento governativo contro Apple Daily

Il cambio di atteggiamento nei confronti del giornale è avvenuto nel 2019, l’anno appunto delle grandi proteste di massa nella città. A cui il fondatore Jimmy Lai ha partecipato e per questo è stato accusato, dal proprio governo, di aver organizzato la grande protesta pro democrazia nell’agosto del 2019. L’allora marcia si era tenuta contro i presunti abusi di potere della polizia e per chiedere il ritiro della legge sull’estradizione.


Jimmy Lai destinato al carcere


Dichiarazioni di Carrie Lam su Apple Daily

Carrie Lam ha dichiarato che l’azione della polizia contro Apple Daily non è stata un attacco contro la libertà di stampa. E non riguarda il “normale lavoro giornalistico”. Ma riguarda, atti che mettono in pericolo la sicurezza nazionale. Le persone, perciò, non si possono nascondere dietro lo scudo del giornalismo. Inoltre, la capa dell’esecutivo di Hong Kong ha descritto il congelamento dei beni aziendali in linea con le norma internazionali e con la legge di sicurezza nazionale. Se la mossa del governo porterà a controversie sui salari, sarà il governo stesso a fornire aiuto legale ai lavoratori indipendentemente da chi sia il loro datore di lavoro.

L’ultima edizione video

L’augurio della conduttrice che ha diretto l’ultima edizione video del notiziario finanziario, venerdì 17 giugno, è stato un invito a tutti i giornalisti di Hong Kong, i quali dovranno rimanere fermi nel loro lavoro di difensori della verità. “Fino a quando non ci incontreremo di nuovo, gli hongkonghesi sono pregati di fare attenzione”.