Libano entra nella peggiore crisi economica

0
269
Libano: nuovo governo dopo 13 mesi di stallo

Secondo un rapporto pubblicato dalla Banca Mondiale, il Libano entra nella peggiore crisi economica. Il rapporto evidenzia che oltre la metà della popolazione vive al di sotto della soglia di povertà, la disoccupazione ha superato il 40% e lo stipendio medio è di 200 dollari per persona. Il motivo principale di questa crisi è la politica del governo, che è totalmente carente.

Libano entra nella sua peggiore crisi economica

Un rapporto della Banca Mondiale descrive la grave e prolungata depressione economica del Libano. Secondo i dati, l’economia libanese si contrarrà di quasi il 10% e non vi è alcuna inversione di tendenza in vista. Il Paese, andato in default lo scorso anno, è devastato dalla povertà, dalle conseguenze della pandemia di coronavirus e dalle conseguenze dell’esplosione al porto di Beirut dello scorso agosto. Oltre la metà della popolazione vive al di sotto della soglia di povertà e la disoccupazione continua a crescere. Molti cittadini lottano per accedere ai servizi essenziali, compresa la sanità. Inoltre, a tutto questo si aggiunge la necessità di provvedere al crescente numero di rifigurati siriani, insieme a quelli palestinesi e iracheni.

Cosa dice il rapporto della Banca Mondiale?

Il Libano è entrato nella peggiore crisi economica perché il sistema ha fallito per vari motivi. Il motivo principale riguarda la politica del governo, che è totalmente carente e ha rovinato e derubato il Paese. Il Libano ormai è un Paese che ha bisogno di essere curato. Ha perso quasi tutto, dall’istruzione – l’emigrazione dei cervelli è enorme – al potere d’acquisto che ormai è totalmente inesistente. Il rapporto della Banca Mondiale afferma che oltre il 60% della popolazione vive sulla soglia di povertà, mentre il potere d’acquisto ha perso circa il 90% del suo valore. Inoltre, il dollaro che veniva scambiato a 1.500 lire libanesi oggi è a 3.000, la disoccupazione ha superato il 40% e i salari sono rimasti fermi. Oggi lo stipendio medio è di circa 200 dollari al mese per persona.


Leggi anche: Medio Oriente: il Papa preoccupato per la pace in Libano