lunedì, Marzo 4, 2024

Leader africani a Putin: è il momento di negoziare

“Questo è il momento di negoziare per porre fine ai combattimenti”. Con queste parole i leader africani si sono rivolti al presidente russo Vladimir Putin. Il presidente sudafricano Cyril Ramaphosa ha poi presentato un piano di pace in 10 punti. Il presidente ucraino Volodymyr Zelensky ha bocciato il piano, considerato inspirato da Mosca.

Cosa hanno detto i leader africani a Putin?

“Questa è una guerra che il mondo non vuole”, così il presidente sudafricano Cyril Ramaphosa durante il suo viaggio a Kyiv. Ramaphosa si è poi recato a San Pietroburgo per un bilaterale con il presidente russo Vladimir Putin, che sarà poi aperto agli altri sei Paesi africani in missione per esporre una proposta di pace in 10 punti, per lo più diplomatici. Via dalla Bielorussia le truppe e le armi nucleari russe, alleggerimento delle sanzioni soprattutto sull’esportazione di fertilizzanti e granaglie vitali per l’Africa, rispetto di una generica sovranità secondo le Nazioni Unite e nullaosta penale per Putin condannato dalla Corte dell’Aia per poterlo invitare ospite d’onore al vertice BRICS a Pretoria a fina agosto.

Il presidente sudafricano ha anche menzionato i bambini che soffrono a causa del conflitto. “Un altro problema correlato a questo è che i bambini che sono stati coinvolti in questo conflitto dovrebbero essere riportati da dove sono venuti, le loro case”, ha detto Ramaphosa. Il piano africano include un appello affinché tutti i bambini coinvolti nel conflitto vengano riportati da dove sono venuti, ma Putin ha affermato che la Russia non sta impedendo a nessun bambino ucraino di tornare a casa.

È tempo di negoziare la fine dei combattimenti che stanno danneggiando il mondo intero”, hanno detto i leader africani. “E diamo questo contributo con il massimo rispetto per entrambi i Paesi, rispettando le posizioni che hanno espresso ma anche credendo che possa emergere una posizione comune. Una posizione che può portare alla pace. E crediamo che questo sia il momento per entrambe le parti di negoziare. Per negoziare la fine di questa guerra perché questa guerra sta causando una grande quantità di instabilità e danni a vari paesi in tutto il mondo”, ha detto Ramaphosa.

Putin: è tutta colpa dell’Occidente

Il presidente russo Putin ha interrotto le osservazioni di apertura dei leader africani che cercavano di mediare nel conflitto ucraino per fornire un elenco di motivi per cui riteneva che molte delle loro proposte fossero fuorvianti. Dopo le presentazioni dei leader comorani, senegalesi e sudafricani, è intervenuto per contestare i presupposti del piano prima che il giro di commenti di tutti i rappresentanti potesse proseguire. Putin ha ribadito la sua posizione secondo cui l’Ucraina e l’Occidente avevano iniziato il conflitto molto prima che la Russia inviasse le sue forze armate oltre il confine nel febbraio dello scorso anno. Ha detto che l’Occidente, non la Russia, è responsabile di un forte aumento dei prezzi alimentari globali all’inizio dello scorso anno.


Leggi anche: Ucraina: il piano di pace non deve essere a favore della Russia

Related Articles

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Stay Connected

0FansLike
0FollowersFollow
0SubscribersSubscribe
- Advertisement -spot_img

Latest Articles