venerdì, Aprile 19, 2024

La navicella spaziale russa precipitata è probabilmente la causa di un nuovo cratere sulla Luna

La navicella spaziale russa Luna-25 stava cercando di diventare la prima ad atterrare sul polo sud della Luna, ma si è schiantata sulla superficie ed è stata battuta sul traguardo dalla navicella indiana Chandrayaan-3 pochi giorni dopo.
La NASA ha trovato un nuovo cratere sulla Luna, probabilmente causato dall’impatto di una sonda russa precipitata il mese scorso.

Luna-25, un lander robotico, ha incontrato la sua fine prematura mentre stava per toccare il polo sud della superficie lunare.


La Russia sperava di passare un anno a raccogliere campioni di roccia e polvere da un’area della Luna che si pensa contenga ghiaccio d’acqua, una potenziale fonte di carburante e un modo per sostenere una base umana.

Pochi giorni dopo l’incidente, che l’agenzia spaziale Roscosmos di Mosca ha attribuito alla sua decennale pausa nell’esplorazione lunare, il velivolo indiano Chandrayaan-3 è stato il primo ad atterrare sulla Luna.

La NASA ha dichiarato di aver individuato il probabile impatto dell’incidente di Luna-25 utilizzando il suo Lunar Reconnaissance Orbiter.

Ha pubblicato le immagini del sito dopo che Roscosmos aveva pubblicato la propria stima del punto di impatto.

Gli esperti russi hanno affermato che il velivolo, precipitato il 19 agosto, ha subito un’anomalia prima del tentativo di discesa.

Secondo le immagini della NASA, il nuovo cratere ha un diametro di circa 10 metri e si trova sul ripido bordo interno di Pontecoulant G, un cratere esistente a 250 miglia dal punto di atterraggio previsto da Luna-25.

L’agenzia spaziale statunitense ha confrontato l’immagine con una scattata nella stessa zona nel giugno 2022 e ha concluso che il nuovo cratere proviene probabilmente dal velivolo precipitato.


Il tentativo della Russia di dimostrare le proprie credenziali spaziali

La missione Luna-25 è stata la prima impresa lunare lanciata dalla Russia in quasi 50 anni.

È stata portata nello spazio da un razzo proveniente dallo spazioporto di Vostochny, un progetto di Vladimir Putin.

La Roscosmos vuole dimostrare di essere una “superpotenza spaziale” da quando, con l’invasione dell’Ucraina, i suoi esperti hanno perso l’accesso alla tecnologia occidentale.

Prima del lancio, la Roscosmos ha dichiarato di voler dimostrare che la Russia “è uno Stato in grado di consegnare un carico utile sulla Luna” e di “garantire alla Russia l’accesso alla superficie lunare”.

Il Paese sta attualmente lavorando al proprio avamposto orbitale, mentre si prepara a lasciare la Stazione Spaziale Internazionale.
internazionale.

Related Articles

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

- Advertisement -spot_img

Latest Articles