La Audi prova a chiarire dubbi su guida autonoma

Audi è intervenuta per dare delle spiegazioni su alcuni aspetti della guida autonoma che non convincono gli automobilisti: dalla sicurezza alla questione parcheggi.

0
292
La Audi e la guida autonoma
Chiarimenti Audi su guida autonoma.

Il futuro del mondo delle auto sembra proiettato verso vetture che saranno in grado di guidare da sole. Si tratta però di uno scenario che non si verificherà a breve termine. Questa tecnologia, infatti, è ancora in fase di sviluppo e di perfezionamento. Inoltre tra i potenziali clienti ci sono diverse perplessità sulla reale utilità e sicurezza della guida autonoma. La Audi di recente ha provato a chiarire i principali dubbi emersi in questi anni.

La Audi prova a far luce sulla guida autonoma

La Audi ha chiarito innanzitutto che, l’introduzione della guida autonoma, non porterà ad avere delle automobili sostanzialmente uguali a quelle attuali esteticamente. L’azienda tedesca ha ricordato che l’aerodinamica è destinata a cambiare già con le vetture elettriche sempre più sofisticate. Verranno modificati gli interni perché mancheranno alcune componenti ad oggi irrinunciabili: volante, pedali e cambio. Qualcuno ritiene che avere un “pilota automatico” renderà più noiosi i viaggi lunghi perché non sarà possibile guidare e si sarà costretti ad essere inattivi. In realtà, da Ingolstadt hanno evidenziato che non ci sarà alcun divieto nel mettersi al volante: “I comandi saranno sempre disponibili a richiesta”.

Guida autonoma: Mercedes si assume la responsabilità legale

Nodi sicurezza e parcheggi

Un altro nodo importante da sciogliere sull’avvento della guida autonoma, è quello relativo alla sicurezza. Molte persone temono che queste vetture possano essere più facili da hackerare. La Audi anche in questo caso ha provato a dissipare i dubbi. Ha affermato che i veicoli del futuro avranno dei sistemi di protezione continuamente aggiornati, anche perché aumenteranno gli investimenti sulla cybersecurity. Infine la questione relativa al fatto che le auto con pilota automatico andranno ad occupare lo stesso numero di parcheggi. La società tedesca ritiene che non sarà necessariamente così. Infatti potrebbero aumentare i viaggi in condivisione, riducendo la mole di traffico, e inoltre dovrebbe incrementarsi il numero di coloro che riterranno non necessario mettersi alla guida.