lunedì, Marzo 4, 2024

Inizia la costruzione del motore a fusione nucleare che potrebbe portarci su Marte in poche settimane

Il razzo dell’azienda britannica Pulsar potrebbe dimezzare il tempo di viaggio verso Marte. Il progetto prevede di iniziare i test nel 2025 e di raggiungere le temperature di fusione entro il 2027.

L’azienda aerospaziale britannica Pulsar Fusion ha già iniziato a costruire il suo motore a fusione nucleare che promette velocità fino a 800.000 km/h o, in altre parole, viaggi su Marte in metà tempo. Se ci riusciranno, non solo saremo in grado di raggiungere più facilmente ogni angolo del sistema solare, ma potremo anche farlo utilizzando solo una frazione del carburante attualmente impiegato dai propellenti tradizionali.


I motori a razzo che utilizziamo oggi devono utilizzare una grande quantità di carburante per sfuggire alla gravità terrestre e lanciarsi nello spazio. Inoltre, non sono molto veloci. Un viaggio verso Marte può durare circa sette mesi per ogni tratta, il che significa che gli astronauti in missione devono trascorrere lunghi periodi di tempo nello spazio, mettendo a rischio la loro salute e, in molti casi, la loro vita. La tecnologia di propulsione a fusione nucleare di Pulsar potrebbe cambiare il modo di concepire l’esplorazione spaziale, contribuendo a estendere il raggio delle nostre missioni spaziali nel sistema solare, sia con equipaggio che con sonde, a un costo molto inferiore. Ma l’azienda sostiene che i suoi potenti motori consentiranno anche di effettuare viaggi interstellari.


“La domanda da porsi è: l’umanità può fare la fusione? Se non possiamo, allora tutto questo è irrilevante”, afferma Richard Dinan, CEO di Pulsar, parlando con TechCrunch. Se possiamo, e possiamo, allora la propulsione a fusione è assolutamente inevitabile. È irresistibile per l’evoluzione umana dello spazio. Sta accadendo, perché l’applicazione è irresistibile.

Finora, il veicolo spaziale più veloce che abbiamo inviato nello spazio è la Parker Solar Probe, che è riuscita a superare i 247.000 km/h, molto meno degli 800.000 km/h promessi dal motore Pulsar. Questo dimezzerebbe il tempo di viaggio verso Marte o ridurrebbe il tempo di viaggio verso la luna di Saturno Titano a due anni invece che a 10 anni.

Ma perché ciò accada, devono prima terminare lo sviluppo del motore e dimostrarne il funzionamento. Pulsar ha già iniziato la costruzione della camera di fusione di otto metri a Bletchley, un villaggio inglese a nord di Londra. “I nostri attuali motori satellitari, che produciamo oggi presso Pulsar, producono una velocità di scarico fino a 40 chilometri al secondo. Con la fusione contiamo di raggiungere una velocità più che decuplicata”, afferma l’amministratore delegato di Pulsar.

Una delle sfide più importanti è capire come controllare il plasma nel suo reattore a confinamento magnetico. A questo scopo, l’azienda ha recentemente stretto una partnership con la statunitense Princeton Satellite Systems, che le permetterà di utilizzare simulazioni di intelligenza artificiale sul suo supercomputer per capire meglio come si comporterà il plasma sotto il confinamento elettromagnetico e all’uscita dal razzo. Il piano prevede di iniziare i test di accensione del reattore nel 2025 e di raggiungere la temperatura di fusione – almeno 100 milioni di gradi Celsius – entro il 2027.

“Terremo informati i nostri attuali partner in ogni fase del percorso, e anche quando inizieremo i primi test di accensione nel 2025, sapremo se siamo sulla strada giusta”, ha dichiarato Dinan secondo quanto riportato da Space Daily. “Pulsar dovrebbe poi effettuare un lancio di prova in orbita. Per la comunità della fusione, l’IA ha davvero il potenziale per permetterci di ottenere motori in grado di viaggiare nello spazio interstellare”.


Una volta raggiunto questo obiettivo, il motore sarà testato in orbita, dove il vuoto dello spazio e le sue bassissime temperature potrebbero essere più favorevoli per sostenere una reazione di fusione rispetto alle condizioni terrestri, secondo l’azienda. Se Pulsar avrà successo, sarà il primo sistema di propulsione a fusione nucleare che vedremo nello spazio. “L’umanità ha un enorme bisogno di aumentare la velocità di propulsione nella nostra economia spaziale in forte espansione e la fusione offre una potenza 1.000 volte superiore rispetto ai propulsori ionici convenzionali attualmente utilizzati in orbita”, spiega Dinan. “Crediamo che la propulsione a fusione sarà dimostrata nello spazio decenni prima che si possa sfruttare la fusione per l’energia sulla Terra”.

Related Articles

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Stay Connected

0FansLike
0FollowersFollow
0SubscribersSubscribe
- Advertisement -spot_img

Latest Articles