mercoledì, Febbraio 28, 2024

Immigrazione: ipocrisia, ideologia o solo convenienza?

I migranti aspirano a un futuro più luminoso in Europa, ma la maggior parte del continente non ha ancora risolto i problemi sociali ed economici che impediscono un’integrazione riuscita.

Migliaia di africani e altri migranti sono bloccati a Lampedusa. Le istituzioni italiane e dell’Unione europea sembrano impotenti. Cosa si può fare?

Il presidente francese Emmanuel Macron ha risposto prontamente rafforzando i controlli alle frontiere franco-italiane per impedire ai migranti di entrare nel territorio francese. Queste azioni sembrano ipocrite, dato che Macron parla continuamente di solidarietà europea e spesso punta il dito contro l’Italia e i Paesi dell’Europa centrale per le loro politiche migratorie.

Welfare, integrazione e manovre politiche


La Germania, un tempo paladina della Willkommenskultur, ha già rafforzato i controlli alle frontiere con Austria e Francia e ora sta aumentando la sicurezza intorno a Polonia e Repubblica Ceca. L’Italia è sempre più isolata. La Commissione europea ha risposto elaborando politiche che consentirebbero ai Paesi di tenere i migranti in cerca di asilo nei campi più a lungo. I Verdi tedeschi, che fanno parte della coalizione al governo in Germania, hanno cercato di opporsi a questa mossa, ma sono stati scavalcati dai loro partner di coalizione. Sebbene la nuova legislazione europea possa funzionare come misura di emergenza, non affronta il problema alla radice.

La questione centrale sembra essere la percezione diffusa che la vita sia migliore in Europa grazie ai sistemi di sicurezza sociale, soprattutto in Germania, Norvegia, Svezia e Regno Unito. Per molti questa è un’attrazione irresistibile, ma si basa su idee sbagliate.

È emerso che molti migranti presenti sul territorio tedesco inviano una parte dei loro sussidi previdenziali ai Paesi d’origine. Queste rimesse sono diventate una fonte di reddito significativa per alcune nazioni del Nord Africa. È chiaro che questa non era l’intenzione originaria del sistema di sicurezza sociale tedesco. Di conseguenza, è in corso un crescente dibattito sulla possibilità di limitare queste rimesse.

L’Unione europea non è riuscita a trovare una via di mezzo.

È essenziale chiarire che i rifugiati che affrontano minacce alla loro vita e alla loro libertà in sistemi autoritari, simili a quelli dell’ex Unione Sovietica, dovrebbero essere accolti. Tuttavia, dovrebbero rispettare e adattarsi ai costumi e alle leggi dei Paesi che li ospitano. Dopo tutto, hanno cercato rifugio in queste nazioni credendole più sicure e superiori alle loro. L’Europa ha bisogno di una migrazione regolata per contrastare l’invecchiamento della popolazione, ma deve essere controllata e i migranti devono contribuire positivamente all’economia.

Tuttavia, le rigide tutele del lavoro in molti Paesi europei possono rendere difficile l’integrazione dei migranti nella forza lavoro. Se qualcuno non ha esperienza lavorativa ma guadagna un salario minimo significativo, e se è difficile licenziare un individuo così poco qualificato, perché un’azienda prudente dovrebbe prendere in considerazione la sua assunzione? L’economista Milton Friedman ha detto la cosa migliore: “Non si può avere contemporaneamente un’immigrazione libera e uno stato sociale”. L’incentivo principale per gli immigrati dovrebbe essere quello di integrarsi e contribuire al paese ospitante, piuttosto che ricevere solo benefici assistenziali. Questo è il dibattito che l’Europa deve affrontare oggi.

L’Unione Europea non è riuscita a trovare una via di mezzo. Idee come un sistema di quote per distribuire i migranti – spesso indesiderati – tra i Paesi membri sono mal concepite. Penalizzare le nazioni che non partecipano è altrettanto sbagliato.

Cosa potrebbe funzionare meglio? Un maggiore controllo da parte di Frontex, l’avvio di procedure di immigrazione controllata nei Paesi di origine dei migranti e l’alleggerimento delle leggi sul lavoro per una maggiore flessibilità delle imprese. Gli immigrati devono comprendere e rispettare le tradizioni e le regole dei Paesi che li ospitano.

Allo stesso tempo, è fondamentale affrontare con cautela i programmi di alcuni ideologi, come i Verdi tedeschi, autoproclamatisi “progressisti”. È probabile che sfruttino la compassione dell’opinione pubblica per gli immigrati per far valere le loro ragioni politiche.

Sowmya Sofia Riccaboni
Sowmya Sofia Riccaboni
Blogger, giornalista scalza (senza tesserino), mamma di 3 figli. Guarda il mondo con i cinque sensi, trascura spesso la forma per dare sensazioni di realtà e di poter toccare le parole. Direttrice Editoriale dal 2009. Laureata in Scienze della Formazione.

Related Articles

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Stay Connected

0FansLike
0FollowersFollow
0SubscribersSubscribe
- Advertisement -spot_img

Latest Articles