venerdì, Giugno 14, 2024

Il virus mortale di Marburg si diffonde per la prima volta in Tanzania

La Tanzania ha segnalato il primo focolaio del letale virus di Marburg dopo che otto persone hanno sviluppato sintomi quali febbre, vomito, emorragie e insufficienza renale. I test effettuati dal Paese dell’Africa orientale hanno confermato la presenza della malattia altamente virulenta che provoca febbre emorragica, ha dichiarato l’Organizzazione Mondiale della Sanità in un comunicato diffuso martedì. Cinque degli otto casi registrati nella regione nord-occidentale di Kagera in Tanzania sono morti e altri 161 contatti sono stati identificati e vengono monitorati, ha dichiarato l’OMS.

Gli altri casi del virus Marburg

La Tanzania è il secondo Paese africano quest’anno a segnalare il primo focolaio di Marburg, dopo che a febbraio la Guinea Equatoriale aveva rilevato la malattia. Si sospetta che undici decessi siano stati causati dal virus, che appartiene alla stessa famiglia di quello che causa l’Ebola. Nel luglio dello scorso anno, il Ghana ha annunciato il suo primo focolaio. Una valutazione del rischio effettuata dall’OMS a settembre ha mostrato che la Tanzania è ad alto o altissimo rischio di epidemie di malattie infettive, poiché i suoi confini si estendono su diversi Paesi, tra cui la regione dei Grandi Laghi africani. Tuttavia, la Tanzania ha recentemente dovuto rispondere ad altre emergenze sanitarie, tra cui il colera e la dengue, e i sistemi messi in atto per gestirle saranno utili, ha dichiarato Matshidiso Moeti, direttore regionale dell’OMS per l’Africa. Il Marburg ha un tasso di mortalità dell’88%. Sebbene non esistano vaccini o trattamenti antivirali approvati per la cura del virus, la sopravvivenza migliora con cure di supporto come la reidratazione con liquidi per via orale o endovenosa e il trattamento di sintomi specifici.

Sowmya Sofia Riccaboni
Sowmya Sofia Riccaboni
Blogger, giornalista scalza (senza tesserino), mamma di 3 figli. Guarda il mondo con i cinque sensi, trascura spesso la forma per dare sensazioni di realtà e di poter toccare le parole. Direttrice Editoriale dal 2009. Laureata in Scienze della Formazione.

Related Articles

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

- Advertisement -spot_img

Latest Articles