Mentre la maggior parte delle persone è d’accordo sull’importanza dei vaccini, una cospicua minoranza ritiene, erroneamente, che spesso causino gravi effetti collaterali.

Quasi la metà delle persone in Europa ritiene – a torto – che i vaccini spesso causino gravi effetti collaterali, secondo un sondaggio a livello europeo pubblicato venerdì.

L’indagine Eurobarometro ha rilevato che l’88% delle persone ritiene che i vaccini siano importanti per proteggere se stessi e gli altri. Ma una gran parte di loro ha detto che i vaccini sono spesso legati a gravi reazioni avverse, una dichiarazione smentita da prove scientifiche.

Oltre un terzo delle 27.524 persone intervistate ha detto che i vaccini possono causare la malattia che dovrebbero combattere, il che è anche errato. (Alcuni vaccini come il vaccino antinfluenzale sono legati a sintomi lievi che assomigliano al virus infettivo).

I risultati illustrano la portata della sfida di garantire che gli europei dispongano di informazioni corrette sui vaccini, poiché malattie infettive come il morbillo stanno riapparendo in tutto il continente.
“La copertura vaccinale sta diminuendo e le malattie stanno aumentando e questo è un rischio per la salute pubblica e la sicurezza”, ha dichiarato il vicepresidente della Commissione europea Jyrki Katainen in una conferenza stampa. In ottobre la Commissione ha dichiarato che l’Europa è la regione con il più basso livello di fiducia dei vaccini al mondo.

Più di 12 000 casi di morbillo sono stati segnalati nello Spazio economico europeo e 35 persone sono morte l’anno scorso, ha detto Katainen, ma meno del 40% degli intervistati sapeva che il morbillo è ancora una causa di morte nell’UE.
Paesi come l’Italia e la Francia hanno aumentato il numero di vaccinazioni obbligatorie negli ultimi anni, mentre altri come la Germania stanno discutendo se renderle obbligatorie.

Mentre i vaccini possono causare alcuni lievi effetti collaterali, come la febbre o un gonfiore locale nel punto di somministrazione, “reazioni più gravi sono molto rare”, secondo il Centro europeo per la prevenzione e il controllo delle malattie. Gli esperti affermano che il potenziale di decessi o effetti duraturi sulla salute derivanti da malattie a prevenzione vaccinale supera di gran lunga i rischi.

Tuttavia, secondo il nuovo sondaggio,una moltitudine di persone in Belgio, Francia, Repubblica Ceca, Slovenia e Malta, ritiene ancora che i vaccini possano causare la malattia contro la quale proteggono.

L’indagine ha dimostrato che le persone non dubitano dell’efficacia dei vaccini: 85 per cento d’accordo che i vaccini possano essere efficaci nella prevenzione delle malattie infettive.

Ma più di un terzo delle persone che non hanno avuto vaccinazioni negli ultimi cinque anni ha detto che era perché “non hanno visto la necessità di essere vaccinati”. per alcune vaccinazioni, come il tetano e la difterite, è consigliato fare il richiamo ogni 10 anni.
Mentre la maggior parte degli europei si rivolge al loro medico per informazioni sui vaccini, circa il 20 per cento ha detto che consulta siti internet e social media, secondo l’indagine, anche se gli esperti sanitari hanno avvertito che questo comporta soltanto un aumento del livello di sfiducia.

I lettoni e lituani hanno indicato il prezzo dei vaccini come uno dei principali motivi per cui non hanno ricevuto alcuna vaccinazione negli ultimi cinque anni.

Il sondaggio avviene esattamente un anno dopo la comunicazione della Commissione sulla necessità di una maggiore cooperazione per quanto riguarda le malattie che si possono prevenire con i vaccini. Ma ha anche sottolineato il problema che l’UE deve affrontare per convincere i cittadini che le politiche sui vaccini devono essere elaborate congiuntamente. Il trentotto per cento degli intervistati ha dichiarato che i programmi di vaccinazione dovrebbero essere coordinati a livello nazionale, mentre il 29 per cento ha sostenuto il coordinamento a livello UE e il 36 per cento il coordinamento internazionale.

Anche se volessimo, non abbiamo il potere di agire ed è per questo che stiamo promuovendo la cooperazione volontaria”, ha detto Katainen, prendendo atto di un recente accordo guidato dalla Commissione tra alcuni paesi per l’approvvigionamento congiunto del vaccino contro l’influenza pandemica.

A dicembre i ministri della sanità dei Paesi membri hanno promesso di “esaminare la fattibilità” di allineare i programmi di vaccinazione tra i paesi dell’UE entro il 2020.

Condividi e seguici nei social
error

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here