venerdì, Giugno 14, 2024

Guerra Russia-Ucraina: atteso il colloquio Lavrov-Kuleba

Atteso per oggi il colloquio tra il ministro degli Esteri russo Sergey Lavrov e il suo omologo ucraino Dmytro Kuleba per cercare un compromesso per risolvere la guerra Russia-Ucraina. Intanto, continuano i bombardamenti. Le forze russe hanno colpito un ospedale pediatrico a Mariupol. “È un crimine di guerra. A Mariupol è in atto un genocidio”, ha affermato il presidente ucraino Zelensky. Gli USA lanciano l’allarme: la Russia potrebbe usare le armi chimiche.

Guerra Russia-Ucraina: atteso per oggi il colloquio Lavrov-Kuleba?

È atteso per oggi il colloquio tra il ministro degli Esteri russo Sergey Lavrov e il suo omologo ucraino Dmytro Kuleba. Il meeting si svolgerà ad Antalya, in Turchia, a margine del Forum sulla diplomazia. L’incontro si svolgerà in formato trilaterale, sarà infatti presente anche il ministro degli Esteri turco Mevlut Cavusoglu. Il presidente turco, Recep Tayyip Erdogan ha auspicato che i colloqui possano “aprire la strada a un cessate il fuoco duraturo”. Ma quali sono le condizioni di Mosca per fermare la propria avanzata? Il Cremlino chiede la smilitarizzazione e la “neutralità” dell’Ucraina, insieme al riconoscimento della Crimea come territorio russo e delle repubbliche del Donbass come indipendenti. Dal canto suo, il presidente ucraino Zelesnky ha aperto a qualche compromesso, pur di fermare Putin. Tuttavia, il ministro Kuleba nutre poche speranze che si possa trovare un compromesso con la controparte russa.  

A Mariupol colpito un ospedale pediatrico

Intanto, in Ucraina proseguono i bombardamenti. A Mariupol le bombe russe hanno colpito un ospedale pediatrico e i reparti di maternità. Le autorità ucraina hanno riferito che nell’attacco molte donne sono rimaste ferite e uccise. “Per quanto ancora il mondo sarà complice ignorando il terrore?”, ha chiesto il presidente Zelensky, definendo il bombardamento all’ospedale un “crimine di guerra”. “Non abbiamo fatto né avremmo mai niente come questo crimine di guerra nelle città del Donetsk o del Lugansk, o di qualche altra regione… perché’ siamo persone. Ma voi lo siete?“, ha detto in un messaggio in cui ha parlato in russo. Zelensky ha poi continuato: “A Mariupol è in atto un genocidio e gli europei ora non possono dire di non aver visto cosa sta succedendo agli ucraini e quindi devono fare dure pressioni sulla Russia affinché si sieda con noi a parlare e finisca questa guerra. Noi non avremmo mai fatto e non faremo mai una cosa simile a nessuna delle città del mondo perché siamo umani e voi?”.  

Un altro bombardamento da parte delle forze armate russe ha colpito un edificio residenziale vicino alla città di Kharkiv causando quattro morti, di cui due bambini. I Servizi di emergenza statale hanno riferito anche che nell’attacco è stata ferita una bambina di 5 anni, portata d’urgenza all’ospedale. I soccorritori continuano le operazioni di ricerca per estrarre i corpi dalle macerie. Gli aerei russi hanno anche bombardato Okhtyrka e un villaggio di Bytytsya, distruggendo quartieri residenziali e infrastrutture.


Leggi anche: Chernobyl: Kyiv lancia l’allarme su rischio radioattività

Related Articles

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

- Advertisement -spot_img

Latest Articles