Guerra del Nagorno-Karabakh: circa 5mila morti nel conflitto

Si riuscirà a giungere ad un accordo pacifico in questa regione contesa? I morti sono ormai troppi.

0
222
Guerra del Nagorno-Karabakh

Secondo quanto riferito dalle autorità russe, quasi 5.000 persone sono state uccise nella guerra del Nagorno-Karabakh tra l’Azerbaigian e le forze armene. Si tratta di un numero molto più alto del bilancio delle vittime rispetto a quelli dati dai due schieramenti in lotta.

Guerra del Nagorno-Karabakh: cosa ha detto Putin?

L’onorevole Putin ha detto di essere in “costante” comunicazione, ogni giorno, con il primo ministro armeno Nikol Pashinyan e il presidente dell’Azerbaigian Ilham Aliyev e che non si schiererà nel conflitto. Ha poi aggiunto di non essere d’accordo con la Turchia sul conflitto, la quale ha promesso di inviare soldati e fornire supporto militare per l’Azerbaigian se richiesto.
Il presidente russo ha anche invitato gli Stati Uniti a contribuire alla ricerca della pace nella regione, a “lavorare all’unisono” con la Russia per porre fine ai combattimenti.

Quando e come è scoppiato il conflitto?

Armenia e Azerbaigian si sono accusate a vicenda di violare il cessate il fuoco umanitario nel Nagorno-Karabakh.
I combattimenti sono scoppiati il ​​mese scorso sul territorio, riconosciuto a livello internazionale come parte dell’Azerbaigian ma gestito da armeni di etnia. Questa è la peggiore violenza nella regione da quando una guerra di sei anni sul territorio si è conclusa con un cessate il fuoco nel 1994.

Guerra del Nagorno-Karabakh: i numeri non corrispondono

La Russia ha un’alleanza militare con l’Armenia e ha una base militare nel paese, ma ha anche stretti legami con l’Azerbaigian. “Ci sono molte vittime da entrambe le parti, più di 2.000 da ciascuna parte”, ha detto Putin in una riunione televisiva, aggiungendo che il numero “si avvicinava alle 5.000”.
Questo è molto più alto rispetto alle stime precedenti, con il numero di morti ufficiali più recenti a meno di 1.000. Le autorità governative del Nagorno-Karabakh hanno affermato che 874 dei suoi militari e 37 civili hanno perso la vita dal 27 settembre. L’Azerbaigian dice che 61 civili azeri sono stati uccisi, ma non ha annunciato le sue vittime militari. Un accordo di cessate il fuoco non è riuscito a fermare le uccisioni nel Nagorno-Karabakh.

La mediazione tra Armenia e Azerbaigian

I colloqui tra Armenia e Azerbaigian dovrebbero svolgersi a Washington venerdì, quando il segretario di Stato americano Mike Pompeo incontrerà i ministri degli esteri dei due paesi. Gli Stati Uniti, la Russia e la Francia sono copresidenti del gruppo di mediazione dell’OSCE di Minsk, che ha chiesto un cessate il fuoco.

Cosa succede nel frattempo nel Nagorno-Karabakh?

Nonostante una tregua mediata dalla Russia concordata nel fine settimana, i combattimenti sono continuati e centinaia sono morti. L’Azerbaigian ha riferito di aver combattuto in diverse aree giovedì e ha accusato l’Armenia di aver lanciato tre missili balistici in Azerbaigian. Anche l’Armenia ha riferito di aver combattuto in più località e i funzionari hanno detto che la città di Martuni e i villaggi vicini erano stati bombardati. Il primo ministro armeno afferma che non esiste una soluzione diplomatica “in questa fase”.

Leggi anche: Conflitto del Nagorno-Karabakh: gli scontri continuano, Nagorno-Karabakh, trovato accordo per il cessate il fuoco, Diplomazia fallimentare UE riguardo il conflitto del Nagorno Karabakh

Commenti