venerdì, Giugno 14, 2024

Gli esperti non avevano idea dell’esistenza di questi ritratti di Rembrandt

Per 200 anni, due ritratti del maestro olandese Rembrandt sono stati completamente sconosciuti agli studiosi. Quest’estate saranno venduti da Christie’s.

Nel 1824, una coppia di ritratti del maestro olandese Rembrandt fu venduta alla casa d’aste Christie’s. I piccoli dipinti furono poi persi nella storia, la loro esistenza era completamente sconosciuta agli studiosi d’arte, una dimenticanza insolita per un artista del calibro di Rembrandt.

Quasi due secoli dopo, Henry Pettifer, Vice Presidente Internazionale di Christie’s per i Dipinti Antichi, scoprì i ritratti nella collezione di una famiglia inglese. La famiglia non aveva idea che i dipinti fossero di Rembrandt.

“Questa è una delle scoperte più interessanti che abbiamo fatto negli ultimi anni nel campo degli Old Master”, ha dichiarato Pettifer in un comunicato, definendo i ritratti “eccezionalmente rari”.

I dipinti sono stati autenticati dopo un’ampia indagine accademica e un’analisi scientifica effettuata presso il Rijksmuseum di Amsterdam e si preparano ora a tornare sotto il martello.

Ritenuti l’ultima coppia di ritratti di Rembrandt rimasta in mani private, saranno venduti da Christie’s a Londra quest’estate, con una stima di 5-9 milioni di euro (5-8 milioni di sterline).

Una visione unica di Rembrandt come artista


Alti 20 cm, i pezzi sono ritratti intimi di una coppia di anziani che erano vicini a Rembrandt e alla sua famiglia, offrendo una visione unica del ruolo del maestro olandese come pittore all’interno della sua cerchia.

“Dipinti con un profondo senso di umanità, questi sono tra i ritratti più piccoli e intimi che conosciamo di Rembrandt e aggiungono qualcosa di nuovo alla nostra comprensione di lui come ritrattista di indiscusso genio”, ha dichiarato Pettifer.


I soggetti sono il ricco idraulico Jan Willemsz van der Pluym e sua moglie Jaapgen Carels, che vivevano a Leida, città natale del pittore olandese, ed erano intimamente legati a Rembrandt e alla sua famiglia.

Nel 1635, anno in cui furono completati i ritratti, quando Rembrandt viveva ad Amsterdam da quattro anni, la coppia aveva appena acquistato il giardino accanto alla casa della madre di Rembrandt a Leida.

Il figlio sposò una cugina di Rembrandt da parte di madre e si ritiene che il nipote nato da questo matrimonio, anch’egli artista, abbia studiato con Rembrandt negli anni successivi.

Un lungo viaggio attraverso le collezioni private


I ritratti rimasero nella famiglia dell’anziana coppia fino al 1760, quando furono venduti per la prima volta all’asta ad Amsterdam.

In seguito passarono attraverso collezioni private a Varsavia, Parigi e nel Regno Unito prima di essere acquisiti da Christie’s attraverso un antenato degli attuali proprietari nell’Ottocento.


Venduti come lotto 76 all’asta di Christie’s del 18 giugno 1824, i dipinti erano elencati come: “Rembrandt – molto vivaci e finemente colorati”. Da allora sono rimasti nella stessa collezione privata britannica.

I ritratti saranno in tournée a New York e Amsterdam nel mese di giugno prima di tornare a Londra, dove potranno essere ammirati dal pubblico dal 1° al 6 luglio in occasione della mostra pre-asta della Settimana Classica, prima della vendita del 6 luglio.

Christie’s detiene il record mondiale d’asta per Rembrandt, stabilito nel 2009 quando il “Ritratto di uomo con le braccia aperte” fu venduto per 23.225.579 euro (20.201.250 sterline).

Related Articles

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

- Advertisement -spot_img

Latest Articles