martedì, Giugno 25, 2024

Giornata mondiale degli Elefanti: l’esempio dell’orfanotrofio di Reteti

Ieri si è celebrata la Giornata Mondiale degli Elefanti. A questo proposito vorremmo parlare dell’orfanotrofio per elefanti vicino a Reteti, in Kenya.

Il primo orfanotrofio per elefanti a gestione indigena

Istituito nel 2016, l’orfanotrofio di Reteti salva e riabilita i giovani elefanti per reintrodurli in natura. È di proprietà e gestito dalla comunità Samburu nelle montagne del nord del Kenya. È il primo di proprietà e gestione indigena. L’orfanotrofio non riguarda solo il salvataggio degli elefanti, ma anche l’abbattimento degli stereotipi e la ridefinizione della gestione della fauna selvatica. Qui il popolo Samburu sperimenta un modo diverso di relazionarsi con gli animali selvatici. Perciò l’orfanotrofio fa bene non solo agli elefanti, che potranno un giorno ricongiungersi allo loro mandrie, ma anche all’uomo.


Elefanti e uomini: convivenza possibile e sostenibile


La vita nell’orfanotrofio di Reteti

I custodi forniscono assistenza 24 ore su 24 agli elefanti più vulnerabili, rimanendo con loro tutta la notte. Gli orfani arrivano qui a causa di conflitti uomo-elefante, problemi legati alla siccità e, in un raro caso, bracconaggio. Vengono curati e rimessi in salute, quindi rispediti in libertà. Da settembre 2016, la squadra di Reteti ha salvato più di 35 elefanti e ne ha riportati 10 in libertà.

Gli esempi di Mary e Rimland

Mary Lengees è una delle prime detentrici di elefanti a Reteti. Era presente quando entrò nell’orfanotrofio Suyian, primo ospite in assoluto. Suyian è stata salvata nel settembre 2016 quando aveva solo quattro settimane. Rimland Lemojong ha detto: “Quando ero un ragazzino, prima mi occupavo dei capretti delle capre, poi delle capre, poi i miei genitori mi hanno promosso per prendermi cura di mucche. Poi sono andato a scuola. Sono così felice perché allevavo le mucche della mia famiglia qui, e ora allevo elefanti. È incredibile. Quando torno a casa, la mia comunità chiede per nome come sta ogni elefante”.

L’orfanotrofio di Reteti esempio di emancipazione femminile

L’orfanotrofio consente alle donne Samburu, come Sasha L. Dorothy, di essere le prime detentrici di elefanti in Africa. “Prima avevo paura degli animali selvatici, in particolare degli elefanti, ma ora li vedo in modo diverso”, dice. All’inizio, la comunità non pensava che ci fosse un posto per le donne sul posto di lavoro. Ora, grazie a queste guardiane, sembra aprirsi un nuovo spiraglio alle ragazze che sperano di perseguire i propri sogni.

L’orfanotrofio coinvolge tutta la comunità

L’orfanotrofio sta anche cambiando il numero di persone nella comunità legate agli elefanti. Quando le persone si rendono conto che possono trarre beneficio da popolazioni di elefanti sane, sono orgogliose di prendersi cura della fauna selvatica. Anche le scolaresche possono visitare il posto, permettendo ai bambini di vedere elefanti per la prima volta e da vicino. Alcuni escono con l’ambizione di diventare un veterinario o un custode di elefanti. L’intero villaggio di Reteti è coinvolto, contribuendo a fornire latte fresco di capra per gli orfani.

Dal latte in polvere a quello di capra grazie… al Covid

Ogni elefante riceve latte appositamente formulato per le sue particolari esigenze nutrizionali. Uno dei lati positivi della pandemia è arrivato dopo che l’orfanotrofio non ha potuto ottenere il costoso latte in polvere che usavano di solito e ha dovuto provare a sperimentare con il latte di capra. Dopo molte ricerche, grazie al contributo di Pauline Lepuyapui, che lo ha preparato, il tasso di sopravvivenza tra gli orfani appena arrivati ​​è passato dal 50% al 100%. Una soluzione sostenibile che faceva bene sia agli elefanti, sia all’ambiente, sia all’economia della comunità Samburu.

All’orfanotrofio è dedicato un cortometraggio

Per la Giornata Mondiale degli Elefanti, è disponibile online fino al 31 agosto un cortometraggio pluripremiato interamente dedicato all’orfanotrofio di Reteti. Titolo della pellicola è Shaba. Il film parla di un elefante orfano di nome Shaba, che è arrivato all’orfanotrofio traumatizzato dopo che i bracconieri hanno ucciso sua madre di fronte a lei. Ci sono volute settimane perché si andasse a creare un legame con i guardiani di Reteti. Alla fine Shaba è diventata la matriarca dell’intero branco di orfani. Ancora oggi il suo supporto, prezioso per l’orfanotrofio, aiuta i custodi a migliorarsi. Il ricavato della vendita dei biglietti per Shaba andrà direttamente a sostenere l’orfanotrofio di Reteti.

Related Articles

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

- Advertisement -spot_img

Latest Articles