Generale arabo dell’Interpol accusato di tortura

0
115

Il generale Ahmed Nasser Al-Raisi, generale arabo dell’Interpol, capo delle forze di sicurezza degli Emirati Arabi Uniti, ha cercato l’elezione al ruolo in gran parte cerimoniale e volontario dallo scorso anno. Ciò segue anni di generosi finanziamenti per l’ente con sede a Lione, in Francia, da parte del regime degli Emirati e le accuse secondo cui il sistema dell’Interpol dei cosiddetti “avvisi rossi” per i sospetti ricercati è stato utilizzato per perseguitare i dissidenti politici.

Le elezioni e il ruolo del generale arabo dell’Interpol

Solo la ceca Sarka Havrankova, un ufficiale veterano che sovrintende alla cooperazione internazionale del paese in materia di polizia, si schiera contro Raisi alle elezioni dell’Assemblea generale dell’Interpol di quest’anno in Turchia per il mandato di quattro anni. “L’elezione del generale Al Raisi minerebbe la missione e la reputazione dell’Interpol e pregiudicherebbe gravemente la capacità dell’organizzazione di svolgere efficacemente la sua missione”, hanno scritto tre membri del Parlamento europeo in una lettera datata 11 novembre alla presidente della Commissione europea Ursula Von der Leyen. Mentre la posizione del presidente è simbolica, l’approvazione del generale da parte dei 195 membri del gruppo “invierebbe un segnale ad altri governi autoritari” che usare l’Interpol per perseguire i critici all’estero “va bene”, ha affermato Edward Lemon, un assistente professore specializzato in repressione transnazionale. alla Texas A&M University.

L’accusa di ‘Tortura e barbarie’

Nell’ottobre 2020, 19 ONG, tra cui Human Rights Watch, hanno espresso preoccupazione per la possibile scelta di Raisi, che hanno descritto come “parte di un apparato di sicurezza che continua a prendere di mira sistematicamente critici pacifici“. Nei mesi scorsi contro il generale sono state presentate denunce di “tortura” in Francia e Turchia, che questa settimana ospita l’assemblea generale a Istanbul. Uno dei denuncianti, il cittadino britannico Matthew Hedges, ha affermato di essere stato detenuto e torturato tra maggio e novembre 2018 negli Emirati Arabi Uniti, dopo essere stato arrestato con false accuse di spionaggio durante un viaggio di studio. In un’altra denuncia, gli avvocati del Gulf Center for Human Rights accusano il generale degli Emirati di “atti di tortura e barbarie” commessi contro il critico del governo Ahmed Mansoor. Mansoor è detenuto dal 2017 in una cella di quattro metri quadrati (43 piedi quadrati) “senza materasso o protezione contro il freddo” e “senza accesso a un medico, igiene, acqua e servizi igienici”, hanno affermato gli avvocati . Tali denunce non hanno dato luogo ad alcun procedimento formale nei confronti di Raisi.

Le reazioni

Il segretario generale dell’Interpol Jurgen Stock, che si occupa della gestione quotidiana dell’organizzazione, ha detto ai giornalisti di essere “a conoscenza di queste accuse, che attualmente sono una questione tra le parti coinvolte”. “Sarà giovedì il ruolo dei paesi membri dell’Interpol a decidere” se Raisi dovesse ottenere il ruolo, ha detto Stock, a cui è stato assegnato un secondo mandato quinquennale nel 2019. Il sudcoreano Kim Jong-yang è presidente dell’organizzazione dall’arresto nel 2018 del suo predecessore Meng Hongwei in Cina, dove era stato vice ministro della pubblica sicurezza. “La discutibile reputazione di Raisi… meritata o meno, è un fattore importante per l’organizzazione”, ha affermato Mathieu Deflem, professore di sociologia all’Università della Carolina del Sud e autore di libri sull’Interpol. Un rapporto di un ex direttore dei pubblici ministeri britannico, Sir David Calvert-Smith, pubblicato a marzo, ha concluso che gli Emirati Arabi Uniti hanno dirottato il sistema di avvisi rossi – avvisi di ricerca internazionale – per fare pressione sugli oppositori.


Il Presidente dell’Interpol, Meng Hongwei sotto inchiesta in Cina

La Riforma di Stymie

Se verrà eletto giovedì, Raisi “probabilmente lavorerebbe con governi che la pensano allo stesso modo per ostacolare gli sforzi di riforma che spingono per una maggiore trasparenza nell’Interpol”, ha affermato Lemon di Texas A&M. Lemon ha affermato che gli Emirati Arabi Uniti hanno donato 54 milioni di dollari (48 milioni di euro) all’Interpol nel 2017, un importo quasi equivalente ai contributi richiesti di tutti i 195 paesi membri dell’organizzazione. Questo è stato pari a $ 68 milioni (60 milioni di euro) nel 2020. Gli Emirati Arabi Uniti hanno dato o avevano promesso all’Interpol circa 10 milioni di euro nel 2019, circa il sette percento del suo budget annuale totale. “Tali finanziamenti riducono la capacità degli altri membri di influenzare l’organizzazione”, ha affermato Lemon. Gli Emirati hanno ospitato l’assemblea generale nel 2018 e volevano ospitarla di nuovo nel 2020, ha affermato. Quell’incontro è stato rinviato a causa di Covid ed è andato invece in Turchia, sebbene anche il governo di Recep Tayyip Erdogan debba affrontare accuse di detenzioni di massa, abuso del processo e repressione. Anche la candidata ceca Havrankova crede che queste “accuse molto gravi” potrebbero impedire l’elezione della sua rivale. “Sto solo cercando di portare l’alternativa”, ha detto. “Spetta alle delegazioni decidere come vogliono che sia guidata la loro organizzazione”.