India annuncia legge per ban delle criptovalute

0
114

Il governo indiano introdurrà un disegno di legge per il ban delle criptovalute private e per creare un quadro per una moneta digitale sostenuta dalla banca centrale, ha detto il parlamento in un annuncio shock martedì scorso.

Cosa prevede le legge per il ban delle criptovalute

La proposta di legge “cerca di vietare tutte le criptovalute private in India“, ha affermato il Lok Sabha, e arriva dopo che il primo ministro Narendra Modi ha avvertito la scorsa settimana che Bitcoin rappresenta un rischio per le generazioni più giovani e potrebbe “viziare la nostra giovinezza” se finisce “nelle mani sbagliate”. È l’ultima mossa del genere da parte di una grande economia emergente, dopo che la Cina ha dichiarato illegali tutte le transazioni di criptovaluta a settembre.

Le criptovalute in India

Il mercato delle criptovalute in India è esploso da quando la Corte Suprema del paese ha annullato un precedente divieto nell’aprile dello scorso anno, crescendo di oltre il 600 percento nell’ultimo anno secondo una ricerca di Chainalysis. Si stima che tra 15 e 100 milioni di persone nella terza economia asiatica possiedano criptovalute, con partecipazioni totali nell’ordine di miliardi di dollari. I loro investimenti dovranno ora affrontare un futuro incerto.


Le autorità svedesi pensano a restrizioni sulle criptovalute
La Cina vieta il trading di criptovalute: i bitcoin crollano


La moneta digitale indiana

La banca centrale indiana ha annunciato a giugno che sta lavorando per introdurre la propria valuta digitale entro la fine dell’anno, avvertendo di avere “serie preoccupazioni” sulle criptovalute private come Bitcoin, Ethereum e altre. Il disegno di legge, che verrà prima della nuova sessione legislativa, consentirà alcune eccezioni per promuovere la tecnologia delle criptovalute, secondo il bollettino del parlamento sugli affari imminenti, ma non sono stati rilasciati ulteriori dettagli sulla legislazione proposta. Il prezzo di mercato di Bitcoin è apparso inalterato ed è aumentato dell’1,67 percento negli scambi di martedì.

La legge sul ban delle criptovalute e la paura del mercato

Ma la formulazione della proposta di legge ha lanciato un campanello d’allarme tra i commercianti e gli appassionati locali. “La formulazione ha creato il panico”, ha affermato Kashif Raza, fondatore della piattaforma di cripto-educazione Bitinning, aggiungendo che l’industria si aspettava che il governo prendesse una visione più favorevole dopo le recenti consultazioni con l’industria. “Ovviamente ci sarà una chiusura del settore”, ha aggiunto. “L’industria morirà in modo naturale. Il capitale intellettuale si allontanerà, gli investitori subiranno perdite”.

L’esame delle criptovalute

Le criptovalute sono state esaminate dai regolatori indiani sin dal primo ingresso nel mercato locale nel 2013. Un’ondata di transazioni crittografiche fraudolente a seguito della demonetizzazione di quasi tutte le banconote da parte del governo Modi nel 2016 ha portato la banca centrale del paese a vietare le transazioni crittografiche nell’aprile 2018. La Corte Suprema ha revocato il divieto due anni dopo e da allora gli investimenti sono aumentati. Gli indiani sono stati bombardati negli ultimi mesi con annunci pubblicitari per CoinSwitchKuber, CoinDCX e altri scambi di criptovalute locali attraverso canali televisivi, servizi di streaming online e social media. Queste piattaforme hanno speso più di 500 milioni di rupie (6,7 milioni di dollari) in spot pubblicitari durante la Coppa del mondo di cricket T20 recentemente conclusa, secondo una ricerca di TAM Sports, con gli spettatori sottoposti a una media di 51 pubblicità di criptovaluta per partita. Gli analisti affermano che la regolamentazione sarebbe fondamentale per affrontare i rischi per la sicurezza, con gli scambi di criptovalute sempre più presi di mira dai criminali informatici man mano che i prezzi delle valute virtuali aumentano.