Gelo siderale sul Nord Europa avanza inarrestabile

0
282
Gelo siderale

INVERNO che avanza inarrestabile, GELO SIDERALE sul Nord Europa. Brividi di gelo invernale invadono tutto il Continente. In Lapponia temperature scese fin sotto i -35 gradi

L’Italia è stretta nella morsa del primo episodio di meteo ovunque invernale, con una circolazione ciclonica ben alimentata dall’afflusso di correnti fredde artico marittime. Le nevicate scendono a quote diffusamente collinari al Centro-Sud, con sconfinamenti a bassa quota durante i rovesci più intensi. Questa fine di novembre ha assunto un volto decisamente invernale per un’ampia parte dell’Europa, con un fiume di correnti artiche dilagate fin sul Mediterraneo. Quest’aria fredda è trainata lungo il ramo discendente di un imponente vortice ciclonico centrato sul comparto baltico-scandinavo.

Su gran parte del Continente affluisce aria d’estrazione dall’Artico Groenlandese. Diversa la situazione in Scandinavia, dove staziona una massa d’aria ben più gelida connessa al Vortice Polare che si è “continentalizzata” ed adagiata nei bassi strati. Le temperature sono precipitate in picchiata. Quella odierna è stata una mattinata decisamente rigida per la Scandinavia, con valori minimi che sulla Svezia Settentrionale hanno addirittura sfondato la soglia dei -35 gradi. Pur trattandosi della Lapponia, si tratta di valori più eccezionali per il periodo.

Europa sommersa dalla Neve: in Svezia -37°C! Germania in tilt

Ancora allerta meteo fino a rossa sulla Calabria e Basilicata

Meteo Invernale: violenta grandinata al Sud della Spagna

Gelo persistente in settimana I picchi più bassi hanno raggiunto i -37°C a basse quote nelle località di Nattavaara e Nikkaloukta. Questi valori così rigidi sarebbero i più bassi degli ultimi 40 anni per quanto concerne il mese di novembre. Il clima rigido non risparmia il resto della Scandinavia, con le capitali ben sottozero anche in pieno giorno.

Il gelo così estremo è destinato a protrarsi anche nei prossimi giorni, con valori ancora che potrebbero raggiunte punte da record per il periodo. Non mancheranno anche situazioni favorevoli per neve anche copiosa. Non è escluso un ulteriore raffreddamento verso il fine settimana almeno in quota, con termiche inferiori ai -15°C a 1500 metri di quota. In questa fase saremo a dicembre pienamente avviato, mese decisamente più propizio per il gelo intenso a queste latitudini.

Fonte: Meteo Giornale