Formazione 4.0, proroga del credito d’imposta 2020

Viene prorogato per il 2020 il credito d'imposta per la formazione nella tecnologia 4.0

0
852

La Legge di Bilancio 2020 prevede la proroga, per l’anno 2020, del credito d’imposta per le spese inerenti la formazione nel settore tecnologico.

La disciplina del credito d’imposta

Il credito d’imposta è stato introdotto nell’ambito del Piano Nazionale Impresa 4.0, destinato a tutte le aziende che investono nella formazione del personale in ambito tecnologico.

Il beneficio è destinato a tutte le imprese residenti nel territorio dello Stato, indipendentemente dall’attività esercitata, dalla forma giuridica e dalle dimensioni. Bisogna precisare, che il bonus è destinato anche agli enti non commerciali.

Quali sono le spese ammissibili?

Il Decreto Ministeriale del 4 maggio 2018, che introduce le disposizioni attuative, individua le spese ammesse al credito d’imposta, ovvero l’importo che costituisce la base del credito.

È stabilito anzitutto che assumo rilievo solo le spese relative al personale impiegato dall’azienda come discenti, limitatamente al costo sostenuto dall’azienda in riferimento alle ore e/o giornate di formazione.

È espressamente previsto che sono ammissibili anche le spese sostenute per il personale dipendente impiegato in tali attività in veste di docente o tutor.

Quali sono le attività di formazione ammissibili?

Le attività di formazione rilevanti sono quelle finalizzate all’acquisizione o al consolidamento delle competenze tecnologiche per la realizzazione e attuazione di processi di trasformazione tecnologica e digitale.

Il Decreto Ministeriale ha previsto un elenco, non esaustivo, delle attività ammesse, inerenti le seguenti tecnologie:

  • cyber security;
  • integrazione digitale dei processi aziendali;
  • internet delle cose e delle macchine;
  • interfaccia uomo macchina;
  • stampa tridimensionale;
  • robotica avanzato o collaborativa;
  • cloud e fog computing;
  • big data e analisi dei dati;
  • sistemi cyber-fisici e simulazione.

Bisogna specificare, che tali attività risultano ammissibili a condizione che il loro svolgimento sia espressamente disciplinato in contratti collettivi aziendali o territoriali, depositati presso l’Ispettorato territoriale del lavoro competente e che sia rilasciata a ciascun dipendente l’attestazione, con dichiarazione del legale rappresentate dell’impresa dell’affettiva partecipazione formativa.

La misura del credito e le modalità di fruizione

il credito è attribuito alle piccole imprese nella misura del 50 per cento delle spese sostenute per la formazione, è concesso nella misura del 40 per cento per le medie imprese e ridotta al 30 per cento per le grandi imprese. 

Il massimale annuale è previsto nel limite di euro 300.000 per le piccole e medie imprese, mentre scende ad euro 200.000 per le grandi imprese.

La norma prevede che il credito d’imposta possa essere utilizzato esclusivamente in compensazione, mediante modello F24 da presentare tramite i servizi telematici dell’Agenzia delle Entrate, con esclusione pertanto di ogni possibilità di richiesta di rimborso.

L’utilizzo in compensazione del credito d’imposta è ammesso a partire dal periodo d’imposta successivo a quello di sostenimento delle spese ammissibili, subordinatamente all’avvenuto adempimento degli obblighi di certificazione.

Obblighi dichiarativi e documentali

Ai fini dell’ammissibilità al credito d’imposta per le spese di formazione nel settore delle tecnologie 4.0, è introdotto l’obbligo di certificazione dei costi da parte del soggetto incaricato della revisione legale o da un professionista iscritto nel Registro dei revisori legali.

Tale soggetto dovrà verificare l’effettività delle spese sostenute per le attività di formazione e la corrispondenza delle stesse alla contabilità predisposta dall’impresa.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here