Festival del Ciclo Mestruale 2024

0
32

Torna a fine maggio il Festival del Ciclo Mestruale 2024 che si terrà dal 24 al 26 maggio presso Rob de Matt, associazione di promozione sociale e culturale in
zona Dergano, un quartiere di Milano, con l’obiettivo di promuovere la salute e la parità di genere attraverso un’approfondita riflessione sulla tematica del ciclo mestruale. Andiamo ad approfondire.

Il Festival per Every-Body

Dal 24 al 26 maggio 2024 per la terza edizione torna il Festival del Ciclo Mestruale 2024, definito il Festival per Every-Body. Tema della nuova edizione è il corpo, e in particolare tutti i corpi. Si tratteranno gli argomenti della giustizia mestruale e diritti riproduttivi, accessibilità e Tampon Tax, crisi climatica e umanitarie, menarca e menopausa, sessualità e dolore.
Il Festival si terrà presso Rob de Matt, associazione di promozione sociale e culturale in
zona Dergano.

Obiettivo del Festival del Ciclo Mestruale

Il Festival del Ciclo Mestruale rappresenta un’opportunità e un’occasione per la promozione della salute e della parità di genere attraverso un’approfondita riflessione sulla tematica del ciclo mestruale.

E’ definito il Festival per “Every-Body”, cioè mette al centro i corpi. ‘Every-Body’ perché prende in considerazione ‘tutti i corpi’, grandi, piccoli, giovani e meno giovani. Quindi ‘corpi che mestruano, che non mestruano, che hanno mestruato o mestrueranno. Corpi soli o uniti. Che si sentono liberi o in gabbia. Corpi a rischio o al sicuro. Integri o vulnerabili. Corpi con o senza diritti, corpi che ne pretendono di più’.

La donna e il ciclo mestruale

Prima di addentrarci e conoscere i dettagli del Festival del Ciclo Mestruale, riteniamo opportuno e importante fornire almeno una panoramica sul ciclo mestruale e di come la donna si trasforma in relazione ai cambiamenti fisiologici, psicologici ed emotivi provocati dal ciclo.

Non si perde il benessere, ma la donna sperimenta cambiamenti ormonali che ne modificano il modo di pensare e il comportamento. Dunque, i cambiamenti si ripercuotono sull’aspetto emotivo.

Cos’è il ciclo mestruale?

Il ciclo mestruale è un evento mensile che scandisce il funzionamento biologico delle donne durante la loro vita, a partire dalla pubertà fino alla menopausa.

I cambiamenti a livello emotivo

Li abbiamo nominati poc’anzi. Dunque li andiamo quantomeno a nominare. I cambiamenti del modo di pensare e a livello del comportamento dovuti al ciclo mestruale sono quelli collegati all’ansia, alla depressione e all’irritabilità. Come pure a come le donne rispondono allo stress.

Sindrome pre-mestruale

Nello specifico, si parla di ‘sindrome pre-mestruale‘. Infatti, queste trasformazioni sono legate ai giorni prima del verificarsi delle mestruazioni.

Non solo cambiamenti a livello emotivo, ma anche a livello fisico e, appunto, di comportamento. Varia l’umore. Possono presentarsi senso di tristezza e irritabilità. E ancora scarsa capacità di concentrazione, variazioni dell’appetito e del sonno.

Come nasce il Festival del Ciclo Mestruale?

Il Festival del Ciclo Mestruale nasce nel 2022 come risultato delle sinergie e degli spunti generati dal primo podcast italiano sul ciclo mestruale “Eva in Rosso”, da novembre 2022 costituita associazione di promozione sociale.

Il Festival nasce per opera di varie figure impegnate nella divulgazione e nella sensibilizzazione riguardo al tema. Infatti, si presenta come un fine settimana di confronto e approfondimento sui temi legati al ciclo mestruale.

Programma

Il programma si presenta ricco di workshop, talk e momenti di intrattenimento.
Coinvolge diverse realtà e professionisti nel settore, tra gli altri WeWorld e SOS Mediterranee, oltre a ospiti. Ad esempio:

  • Luigi Fasolino, ginecologo;
  • Gaia Romani, Assessora del Comune di Milano;
  • Rosita Fattori di Coop;
    Flavia Carlini, attivista e scrittrice;
  • Michele Mezzanotte, psicoterapeuta.

Il programma completo é disponibile qui: https://ilfestivaldelciclomestruale.com/programma-2024/

Tra le iniziative, due workshop:

  • “Guendaluna: crescere è cambiare”;
  • “Utero felice e ciclicità consapevole”.

Period Up, il Report

Sarà restituito ai presenti e visitatori un lavoro di advocacy di un anno che ha coinvolto realtà e professionisti in tavole rotonde, e da cui è scaturita una pubblicazione dal titolo “Period Up: il Report”. E’ disponibile in versione digitale e cartacea, raccoglie le riflessioni e le esperienze fatte finora su ciclo mestruale, salute sessuale e riproduttiva. Come pure i contributi di specialisti/e (come ginecologi/ghe, ricercatrici, giornalisti/e) che se ne occupano per professione.

Queste attività specifiche legate al Festival sono state rese possibili grazie al finanziamento di ActionAid International Italia E.T.S e Fondazione Realizza il Cambiamento, nell’ambito del progetto The CARE – Civil Actors for Rights and Empowerment, cofinanziato dall’Unione Europea.

La mostra “Corpo a Corpo”

E’ organizzata una mostra fotografica sul tema “Corpo a Corpo”, che vede la partecipazione di fotografi/e provenienti da tutto il mondo. Sono state selezionate opere che saranno esposte durante i giorni del Festival.
Abbattere questo tabù aiuta a rivoluzionare la narrazione intorno al ciclo mestruale, riconoscendolo come un tema fondamentale per la salute e la parità di genere per le donne e in generale per le persone che mestruano di tutte le età. Attraverso un approccio inclusivo e informativo, creando uno spazio di ascolto, riflessione e supporto, per
promuovere un futuro mestruale equo
”, commenta questa edizione Valentina Lucia Fontana, presidente di Eva in Rosso e co-organizzatrice del Festival. E continua: “Quest’anno l’impegno del Festival in ottica intergenerazionale si è tradotto nel coinvolgimento delle studentesse e degli studenti delle Università Bicocca, Politecnico e Statale di Milano, che apriranno quattro momenti portando la voce della generazione Z.

Chi organizza e sostiene il Festival del Ciclo Mestruale?

Il Festival del Ciclo Mestruale è organizzato da Eva in Rosso, Promise, Errante, Rob de Matt e Studio But Maybe.

Promise ed Errante sono due associazioni focalizzate sull’empowerment femminile. Studio But Maybe è uno studio specializzato in comunicazione, grafica e digital design. E Rob de Matt è un bistrot situato nel quartiere Dergano di Milano, che rappresenta anche un’ associazione di promozione sociale.

Attraverso il sostegno di ActionAid e Fondazione Realizza il Cambiamento con il progetto THE CARE, è stato possibile sostenere le seguenti attività specifiche legate al Festival:

  • “Open Period: l’osservatorio”;
  • “Period Up: il Report”.

E poi “Period Up: Quando il ciclo mestruale entra nel dibattito pubblico” è finanziato da ActionAid International Italia E.T.S e Fondazione Realizza il Cambiamento nell’ambito del progetto “THE CARE – Civil Actors for Rights and Empowerment”, cofinanziato dall’Unione Europea.

I due workshop “Guendaluna: crescere è cambiare” e “Utero felice e ciclicità consapevole” sono in parte finanziati attraverso il progetto “Period Up: Quando il ciclo mestruale entra nel dibattito pubblico”, realizzato grazie al sostegno di ActionAid International Italia
E.T.S e Fondazione Realizza il Cambiamento nell’ambito del progetto “THE CARE – Civil Actors for Rights and Empowerment” cofinanziato
dall’Unione Europea.


Il progetto The CARE – Civil Actors for Rights and Empowerment è cofinanziato dall’Unione Europea e promosso da Fondazione Realizza il Cambiamento e ActionAid International Italia E.T.S. mira a promuovere, proteggere e far rispettare i Diritti e i Valori dell’Unione Europea con un approccio fondato sulla partecipazione dei/delle portatori/trici di diritti e sull’empowerment degli/delle stessi/e nel rivendicare i propri diritti.

Il progetto coinvolge 70 realtà attive in tutta Italia, creando così una rete del cambiamento in grado di ascoltare e rispondere ai bisogni specifici e concreti di ogni territorio e comunità.

http://thecare.actionaid.it

http://ilfestivaldelciclomestruale.com

https://www.periodicodaily.com/ciclo-mestruale-si-sta-accorciando-le-possibili-cause/