Artemis: la NASA sceglie il sito d’atterraggio

0
222
Artemis:

La NASA invierà il rover Viper sulla Luna. Il piccolo astronauta robotico, selezionato nell’ambito del progeto Artemis, cercherà tracce di ghiaccio in un cratere situato nel Polo Sud del nostro satellite.

Cos’è Artemis?

Artemis è un programma di volo spaziale con equipaggio. Artefice principale è la NASA, che si avvale di aziende di voli spaziali commerciali statunitensi e di partner internazionali come l’ESA, la JAXA e la Canadian Space Agency (CSA). L’obiettivo è quello di far sbarcare “la prima donna e il prossimo uomo” sulla Luna, nella regione del Polo Sud lunare, entro il 2024. La NASA vede Artemis come il prossimo passo utile a stabilire, in un prossimo futuro, una presenza autosufficiente sulla Luna. Ciò che l’agenzia spaziale vuole è gettare le basi per costruire un’economia lunare e, più in là, mandare gli astronauti su Marte. Il rover Viper avrà un ruolo fondamentale. Qualora trovasse il ghiaccio, potremmo estrarlo e utilizzarlo come acqua potabile e carburante per i missili. E il progetto della NASA, che vorrebbe creare una presenza stabile sul nostro satellite, subirebbe un’accelerata.

Artemis: l’estrazione del ghiaccio

Daniel Andrews, project manager di Viper presso l’Ames Research Center della Nasa, afferma che l’esplorazione del rover aiuterebbe gli scienziati a comprendere le difficoltà di estrazione del ghiaccio. “Se le risorse sono abbondanti e accessibili, cambierà davvero la natura del sostentamento degli umani [sulla Luna] e riusciremo anche a capire come recuperare quelle risorse”, ha spiegato Andrews. Vari riscontri suggeriscono che ci sono tonnellate di ghiaccio lunare, rinchiuse in crateri polari, che non vedono mai la luce del sole. Lì, in quei crateri, le temperature scendono fino a -223°C.

Il rover Viper

Esistono ostacoli all’esplorazione di questa regione sconosciuta e ricca di ghiaccio. Gli ingegneri dovranno pianificare attentamente il percorso attraverso lo studio del paesaggio lunare. Il rover dovrà sfidare l’oscurità quando gli verrà comandato di entrare in crateri permanentemente in ombra. Per riuscirci, Viper sarà il primo rover della NASA a montare fari anteriori, che aiuteranno a individuare e mappare i depositi di ghiaccio.