Almanacco Del 23 Giugno 2021

0
242

Oggi mercoledì 23 giugno 2021 (08:50)

E’ il 174° giorno dell’anno, 25ª settimana. Alla fine del 2021 mancano 191 giorni.

A Roma il sole sorge alle 04:36 e tramonta alle 19:48 (ora solare)
A Milano il sole sorge alle 04:35 e tramonta alle 20:16 (ora solare)
Luna: 3.07 (tram.) 18.42 (lev.)
Perigeo lunare alle ore 11 – distanza: km. 359.962

Santi del Giorno

San Lanfranco Beccari (Vescovo di Pavia)
San Giuseppe Cafasso (Sacerdote)

San Tommaso Garnet (Martire in Inghilterra)
San Bili (Bilio, Vescovo e Martire)
San Liberto di Cambrai (Vescovo)
Sant’Eteldreda di Ely (Regina di Northumbria)
Santa Agrippina (Vergine e Martire)

San Giuseppe Cafasso è il protettore dei carcerati e dei condannati a morte.

Etimologia

 Lanfranco, dal longobardo “Lanfrank”, personale composto da “land”, “terra”, unito a “frank” appellativo del popolo franco, ovvero “uomo libero”, cela il significato di “libero nella sua terra”, o anche di “libero dalla schiavitù e dalle tasse”.

Proverbio del giorno

Quando imbrocca d’aprile, vacci col barile; quando imbrocca di maggio, vacci per assaggio; quando imbrocca di giugno, vacci col pugno.

Aforisma del giorno

Vedo di solito che gli uomini, nei fatti che loro si presentano, si dilettano volentieri a cercarne la ragione che a cercarne la verità: lasciano lì le cose, e si dilettano a trattar le cause. (M. de Montaigne)

Sei nato oggi?

 La tua natura è dolce ed estremamente sensibile. Purtroppo hai scarsa fiducia in te stesso e tendi a dipendere dagli altri. Nel lavoro cerca di essere più attivo ed indipendente. In amore fai attenzione a non idealizzare troppo l’oggetto dei tuoi desideri e segui i consigli delle persone più esperte.

Oroscopo quotidiano

Oroscopo di Mercoledì 23 Giugno 2021

Accadde Oggi

Brevettata la prima macchina da scrivere di successo

martedì 23 giugno 1868 (153 anni fa)

Brevettata la prima macchina da scrivere di successo: La macchina da scrivere andò a braccetto con il giornalismo fin dai suoi primordi. Fu infatti il direttore di un giornale di Milwaukee (Wisconsin), tale Christopher Latham Sholes, a perfezionarla e a farne un prodotto di successo commerciale.

Inventata nel 1714 da Henry Mill (con il nome di “macchina per trascrivere lettere”), la macchina da scrivere non era conosciuta ancora con questo nome ed era passata successivamente attraverso varie rivisitazioni (tra cui quella dell’italiano Giuseppe Ravizza nel 1846), legate a utilizzi diversi da quello per cui in seguito divenne famosa. L’obiettivo iniziale di Sholes era di creare un marchingegno per numerare le pagine di un libro, biglietti e così via.

Confrontandosi con l’amico tipografo, Samuel W. Soule, comprese le difficoltà del lavoro tipografico e decise di partire dalla risoluzione di queste per arrivare a uno strumento in grado di battere testi in maniera più rapida e funzionale. Nacque così la Typewriting machine (traduzione inglese di “macchina da scrivere”) che i due brevettarono nel giugno del 1868.

Questo modello presentava una tastiera simile a quella di un pianoforte con tasti neri e tasti bianchi, fatti rispettivamente di ebano e avorio, disposti in due file. Le lettere erano tutte in maiuscolo, mentre mancavano i numeri “zero” e “uno”, ritenuti superflui in quanto sostituibili con le lettere “O” e “I”.

Lavorando sul primo prototipo, Sholes ebbe un’intuizione straordinaria per il definitivo successo della sua invenzione. Si accorse della scarsa funzionalità della disposizione in ordine alfabetico delle lettere; di qui decise di adottare un diverso ordine che separava le coppie di lettere più utilizzate, facendo sì che i martelletti non si incastrassero. Denominato QWERTY (dalle prime cinque lettere della fila più in alto), quel sistema venne poi adottato anche per le tastiere dei computer.

Pillola anticoncezionale in commercio

giovedì 23 giugno 1960 (61 anni fa)

Pillola anticoncezionale in commercio: All’inizio dell’estate del 1960, le donne americane poterono acquistare per la prima volta questo nuovo farmaco anticoncezionale chiamato Enovid. La scoperta risaliva a due anni prima, grazie agli studi effettuati da tre medici (Garcia, Rock e Pincus) che, partendo dalle prime ricerche effettuate nel 1931 dal ginecologo austriaco Haberlandt, sperimentarono una pillola che inibiva il processo ormonale all’origine dell’ovulazione.

Il 9 maggio dello stesso anno la Food and Drug Administration (Agenzia per gli Alimenti e i Medicinali) diede il via libera alla commercializzazione dell’Enovid 10 mg per uso contraccettivo.

In Europa la scoperta arrivò l’anno successivo con nome e composizione chimica differenti. Oggi è utilizzata anche per il trattamento di alcune patologie.

Muore Enrico Cuccia

23 Giugno 2000

Muore Enrico Cuccia, protagonista della finanza e dell’economia italiana. Nato nel 1907, dal 1946 dirige Mediobanca e con essa il “salotto buono” delle maggiori famiglie del capitalismo italiano. Personaggio celebre anche per la sua estrema riservatezza e per il suo rifiuto di parlare davanti ai microfoni, resta per tutta la vita una sorta di mistero vivente. Mantiene fino alla morte la guida nell’istituto di via Filodrammatici, mostrando sempre una grande abilità nel tessere trame a colpi di scalate e scambi azionari. Fra le sue operazioni più brillanti, quella legata alla Montedison con la fusione nel 1966 della Montecatini, azienda chimica in difficoltà finanziaria, e la Edison, ricca di disponibilità derivanti dalla nazionalizzazione dell’energia elettrica.

Accordo italo-belga

23 Giugno 1946

De Gasperi firma un accordo con il ministro belga Van Hacker che prevede l’acquisto di carbone a un prezzo di mercato favorevole in cambio dell’invio in Belgio di 50 mila lavoratori italiani destinati al duro e pericolosissimo lavoro in miniera. Fra il ’46 e il ’57  in Belgio arrivano 140 mila lavoratori italiani. Il contratto prevede 5 anni di miniera, con l’obbligo tassativo -pena l’arresto- di farne almeno uno. Nel 1948 verranno finalmente abolite le discriminazioni di trattamento fra operai italiani e belgi.

Nasce Alan Turing

23 Giugno 1912

Nasce a Londra Alan Turing, matematico e logico, considerato uno dei padri dell’informatica e uno dei più grandi scienziati del Novecento. Durante la seconda guerra mondiale fa il “decrittatore” essendo l’unico in grado di decifrare qualsiasi codice segreto utilizzato dai diplomatici e militari delle potenze dell’Asse. Nel 1950 scrive, sulla rivista “Mind” un articolo dal titolo “Computing machinery and intelligence” in cui descrive quello che poi si sarebbe chiamato “il test di Turing”: uno studio del tutto innovativo, rimasto per sempre alla base di tutti i successivi studi sull’intelligenza artificiale. Turing muore a soli 42 anni nel 1954.

Primo congresso olimpico

23 Giugno 1894

In occasione del primo congresso olimpico, tenuto a Parigi su iniziativa del barone Pierre De Coubertin, viene costituito il Comitato Olimpico Internazionale. Nella sede dell’Università della Sorbona, De Coubertin illustra il suo progetto. L’idea è quella di utilizzare lo sport come strumento per promuovere la pace e la comprensione tra i popoli. Fare in modo che i giovani si possano confrontare su un terreno sano e leale, piuttosto che in guerra. I partecipanti al congresso accolgono con entusiasmo la proposta di De Coubertin e per la prima Olimpiade viene stabilita come sede Atene, il luogo originario dei giochi olimpici.

Nati in questo giorno

Arnaldo Pomodoro

data di nascita: mercoledì 23 giugno 1926 (95 anni fa)

Arnaldo Pomodoro: Scultore di rilievo mondiale, fratello del celebre Giò Pomodoro, le sue forme geometriche, per lo più sfere di bronzo, campeggiano su strade e piazze delle principali città del mondo.

Nato a Morciano di Romagna, in provincia di Rimini, insieme a Lucio Fontana ha preso parte al gruppo informale “Continuità” e, nel 1995, ha realizzato una scultura in memoria del grande regista scomparso Federico Fellini, su commissione del Comune di Rimini. Insignito di diversi titoli accademici (tra cui la laurea honoris causa in Lettere dal Trinity College dell’Università di Dublino), nel 1994 ha ricevuto il Premio della Presidenza del Consiglio dei Ministri.

Impegnato anche come scenografo teatrale, nel 2014 ha curato la scenografia dell’Orestea di Eschilo, rappresentata al Teatro greco di Siracusa.

Alan Turing

data di nascita: domenica 23 giugno 1912 (109 anni fa)
data morte: lunedì 7 giugno 1954 (67 anni fa)

Alan Turing: Scienziato tra i più brillanti del Novecento, è universalmente riconosciuto come il padre dell’informatica e dell’intelligenza artificiale.

Nato a Londra e morto a Wilmslow nel giugno del 1954, durante la Seconda guerra mondiale lavorò come crittografo al servizio del “Department of Communications” inglese, decifrando i codici usati nelle comunicazioni tedesche. Finita la guerra, gli fu imposto il massimo riserbo sull’attività di decrittazione, cosa che gli impedì di divulgare le sue scoperte e ricevere riconoscimenti in campo scientifico.

Di tali attività se ne cominciò a parlare solo nel 1974, vent’anni dopo la morte. Su tutte va ricordata la macchina di Turing, un sistema di calcolo capace di qualsiasi tipo di operazione logica o matematica descrivibile attraverso un “algoritmo”. Uno studio che si rivelò basilare per il futuro concetto di intelligenza artificiale e lo sviluppo del moderno computer.

Nel 1966, in suo onore la “Association for Computing Machinery” (ACM) creò il Turing Award, massima riconoscenza nel campo dell’informatica, dei sistemi intelligenti e dell’intelligenza artificiale. Nel 2009 il governo del Regno Unito, attraverso il primo ministro Gordon Brown, si scusò per il trattamento riservato allo scienziato, vittima di omofobia.

Giambattista Vico

data di nascita: sabato 23 giugno 1668 (353 anni fa)
data morte: giovedì 23 gennaio 1744 (277 anni fa)

Giambattista Vico: Nato a Napoli (nell’odierna via San Biagio dei Librai, come ricorda una lapide lungo la strada), è considerato il più grande filosofo dell’epoca moderna, oltre ad essere ricordato come storico e giurista.

Cresciuto in un ambiente povero e costretto ai più diversi lavori per prendersi cura dei genitori anziani e dei sette fratelli, lavorò come precettore fino al 1699 quando vinse la cattedra di Retorica all’Università di Napoli. Scomparso a 76 anni (gennaio 1744), venne sepolto nella chiesa dei Girolamini.

Formatosi nell’ambito della cultura umanista napoletana, attraverso le letture di Bacone, Gassendi, Descartes e Hobbes, le sue opere includono le “orazioni inaugurali”, saggi di filosofia e di diritto. La più importante è la Scienza nuova, dove in polemica con Cartesio difende il valore dello studio delle lettere e della storia, rispetto al primato cartesiano delle scienze matematiche e fisiche.

La “scienza nuova” è la storia che, secondo Vico, deve fondarsi sulla filologia e sulla filosofia e cui va attribuito un valore di verità come per la matematica.

Fabio Volo

data di nascita: venerdì 23 giugno 1972 (49 anni fa)

Fabio Volo: Da mattatore radiofonico ad autore di successo, è uno dei protagonisti del mondo dello spettacolo e della cultura.

Nato a Calcinate, in provincia di Bergamo, Fabio Bonetti inizia come cantante e assume il nome d’arte “Volo”, derivandolo dall’omonimo titolo di un suo singolo “dance” degli anni Novanta. Messosi in luce a Radio Capital, nel 1998 sbarca in TV con Le iene e ne diventa un personaggio di punta per tre edizioni.

Il 2000 saluta l’esordio come scrittore e i numeri lo spingono a proseguire: il primo romanzo, Esco a fare due passi, vende 300mila copie e inaugura una sestina di opere, che nel 2011 registra oltre 5 milioni di copie vendute in Italia.

Apprezzato anche sul set come attore (nel 2002 è candidato al David di Donatello per “Casomai”) e sceneggiatore, in alcuni casi di film tratti dai suoi libri, dal 2000 è protagonista su Radio Deejay del programma Il Volo del mattino. Nel 2015 pubblica, per Mondadori, l’ottavo libro “È tutta vita”. Nel novembre 2017 arriva nelle librerie il romanzo Quando tutto inizia. Due anni dopo pubblica il decimo romanzo Una gran voglia di vivere.

Nati… sportivi

Francesca Schiavone

data di nascita: lunedì 23 giugno 1980 (41 anni fa)

Francesca Schiavone: Nata a Milano, è un’ex tennista. È stata la prima donna italiana (e il terzo italiano in assoluto, dopo Nicola Pietrangeli e Adriano Panatta) ad aver vinto un torneo del Grande Slam, nel singolare.

Nella classifica mondiale WTA la sua migliore posizione è il quarto posto, raggiunto il 31 gennaio 2011, unica tennista italiana ad arrivare così in alto.

Nel 2010 ha vinto il torneo singolare agli Open di Francia. Con la Nazionale ha vinto tre volte (2006, 2009 e 2010) la Fed Cup (la Coppa Davis al femminile).
Il 5 settembre 2019 ha annunciato il ritiro dall’attività agonistica e l’intenzione di diventare allenatrice.

Alessia Filippi

data di nascita: martedì 23 giugno 1987 (34 anni fa)

Alessia Filippi: Nata a Roma, è un’ex nuotatrice. Ha cominciato nelle gare a dorso e nei misti, per poi ottenere le migliori prestazioni negli 800 e 1500 metri stile libero. In quest’ultima gara, il 28 luglio 2009 nel corso dei campionati mondiali, ha vinto l’oro e stabilito il nuovo primato europeo con il tempo di 15’44″93.

Oltre a numerosi titoli italiani, ha vinto anche un argento olimpico a Pechino 2008 negli 800 metri sl, tre ori (nel 2006 prima donna italiana a vincere un titolo europeo in vasca lunga) e due bronzi ai campionati europei.

Il 12 ottobre 2012, a 25 anni, ha annunciato il ritiro dall’attività agonistica. Tra le presenze televisive, la partecipazione come concorrente a “Ballando con le stelle” (2011) e nella giuria di “Jump! Stasera mi tuffo” (2013).

Zinédine Yazid Zidane

data di nascita: venerdì 23 giugno 1972 (49 anni fa)

Zinédine Yazid Zidane: Nato a Marsiglia, è un ex calciatore francese di origini berbero-algerine. Dal 1998 al 2006, gioca nel Cannes, Bordeaux, Juventus e Real Madrid. Con i bianconeri conquista due scudetti (96/97 e 97/98), una Supercoppa italiana ed una UEFA e una Coppa Intercontinentale. Nel 1998 vince il Pallone d’oro.

In Spagna, dove arriva nell’estate del 2001 dopo un esborso di 150 miliardi di lire (77 milioni e mezzo di euro), conquista uno scudetto (2002/03), due Coppe nazionali, una Coppa Intercontinentale, una Supercoppa UEFA e una Champions League.

Nel luglio 2011 diventa un dirigente sportivo del Real Madrid e due anni dopo è per una stagione il vice di Carlo Ancelotti alla guida dei blancos. Dal campionato 2014/15 allena la seconda squadra del Real fino al gennaio 2016, quando sostituisce l’esonerato Rafael Benítez sulla panchina della prima squadra, condotta poi alla conquista della Champions League. Nella stagione successiva aggiunge nella ricchissima bacheca madridista una Coppa del mondo per club, lo scudetto e la Champions League. Nel 2018 arriva la terza Champions consecutiva ma il 31 maggio rassegna le dimissioni dalla guida del club madridista.
I negativi risultati dei suoi successori fanno sì che l’11 marzo 2019 ritorni ad allenare il Real Madrid fino a maggio 2021.

In Nazionale ha 108 presenze con 31 reti. Vince il mondiale del 1998 e arriva secondo in quello del 2006, facendosi espellere durante la finale per una testata rifilata al difensore italiano Materazzi. È anche campione d’Europa, grazie alla vittoria della Francia a Euro 2000.

Eventi Sportivi

Nasce il CIO

sabato 23 giugno 1894 (127 anni fa)

Nasce il CIO: A Parigi, per iniziativa del barone de Coubertin, viene costituito il CIO (dal francese Comité International Olympique), Comitato Olimpico Internazionale, per organizzare i Giochi Olimpici dell’era moderna. La prima edizione si svolge in Grecia nel 1896.

Tra i nove presidenti del CIO, il più influente è senz’altro Juan Antonio Samaranch, che dal 1980 al 2001, tra proteste e scandali, guida lo sport olimpico superando l’apertura al professionismo, agli sponsor e ai media.

I Doodle di Google

Alan Turing

23 giugno

Alan Turing: In tanti si chiedono come sarebbe andata la storia dell’informatica, e non solo, se Alan Turing non fosse esistito. Personalità bizzarra e in anticipo rispetto ai suoi tempi, si confrontò con le complesse leggi della matematica, partendo da un trascorso scolastico di ultimo della classe.

Cercando una soluzione al quesito sulla decidibilità posto da David Hilbert, congegnò una macchina universale capace di effettuare qualsiasi tipo di operazione logica o matematica descrivibile attraverso un algoritmo, cioè una successione di un numero finito di istruzioni. Quella macchina, che prese il suo nome, aprì la strada alla scienza informatica e al concetto di computer. Non meno preziosa l’altra sua invenzione, il British Bombe, che consentì di decrittare i messaggi in codice dei nazisti.

Per omaggiare Turing, in occasione del centenario, Google ha pubblicato nel 2012 un doodle globale interattivo, in cui bisogna cercare l’algoritmo esatto per risolvere l’enigma.

Angolo Lettura

“I Miserabili” di Victor Hugo

domenica 23 giugno 2013 (8 anni fa)

“I Miserabili” di Victor Hugo: Questa volta vi segnaliamo il capolavoro di Victor Hugo, “I Miserabili”, un libro molto profondo la cui lettura vi lascerà, sicuramente, un segno. Il libro narra la storia di Jean Valjean e della sua vita di “redenzione”, sullo sfondo della Francia post-rivoluzionaria.

Vi riportiamo un brano in cui l’autore descrive in modo mirabile la disperazione di un uomo che ha un incontro (non molto felice) con le sabbie mobili: «Capita talvolta, su certe coste della Bretagna o della Scozia, che un uomo, un viaggiatore o un pescatore, camminando alla bassa marea sopra il greto sabbioso, lontano dalla riva, si accorga all’improvviso che da parecchi minuti egli stenta a camminare. La spiaggia, sotto i suoi piedi, sembra pece; la suola vi si appiccica. Non è più sabbia, è vischio. Il greto è perfettamente asciutto; ma, ad ogni passo che si muove, non appena s’è alzato il piede, l’impronta da esso lasciata si riempie d’acqua. L’occhio, del resto, non s’è accorto di nessun cambiamento; l’immensa spiaggia è unita e tranquilla, tutta la sabbia ha lo stesso aspetto e nulla distingue il suolo solido da quello che non lo è più e la gioconda nuvoletta degli insetti marini continua a saltellare coprendo alla rinfusa i piedi del viandante. L’uomo continua la sua strada, va innanzi e si dirige verso terra, cercando di avvicinarsi alla costa. Non è inquieto; e di che lo sarebbe? Solo, sente qualche cosa, come se la pesantezza dei suoi piedi crescesse ad ogni passo: ad un tratto, si guarda i piedi: sono scomparsi e la sabbia li copre. Ritira i piedi dalla sabbia, vuol tornare sui suoi passi e torna indietro; ma sprofonda ancor di più. La sabbia gli arriva alla caviglia e se egli se ne strappa e si butta a sinistra, la sabbia gli arriva a mezza gamba; se si butta a destra la sabbia gli giunge ai garretti. Allora riconosce con indicibile orrore d’essersi avventurato nella sabbia mobile e d’aver sotto di sé quel luogo spaventoso in cui l’uomo non può camminare più di quanto il pesce non possa nuotarvi: butta via il fardello, se ne ha uno, e s’alleggerisce come una nave in pericolo; ma non è più in tempo, perché la sabbia gli copre le ginocchia. Egli chiama, agita il capello o il fazzoletto, e la sabbia lo ghermisce sempre più».