‘All that is mine’: 5 artiste ungheresi sulla liberazione sessuale

0
263
all that is mine

Ospitato dalla galleria londinese Arcadia Missa, All that is mine. Corpo e psiche nel lavoro di cinque artisti ungheresi presentano creatori di diverse generazioni, tra cui Nikolett Balázs, Andrea Éva Győri, Katalin Ladik, Kata Tranker e Zsuzsi Ujj. Mostra il lavoro prodotto tra la fine degli anni ’70 fino al 2021, spaziando tra performance art, disegno, scultura e fotografia.

All that is mine: quali sono le opere che fanno parte di questa mostra?

Tra i punti salienti c’è Study for Bridal I, un’opera d’arte del 1986 di Zsuzsi Ujj. Il pezzo è un autoritratto audace e inquietante del fotografo, cantante e poeta, figura chiave dell’underground ungherese dalla metà degli anni ’80. Raffigura l’artista seduta a quattro zampe sopra un abito maschile, il suo corpo coperto da spessi pennelli di vernice nera. “Non solo il lavoro ha esteticamente un’inquietante atemporalità, ma opera su molti livelli – forse come un commento all’idea di diventare una sposa come una morte di sé, ma anche come una presa interdisciplinare, rendendo lo Studio per la sposa ho anche attingere al campo della pittura e della performance art”, ha detto la co-curatrice Rózsa Farkas al Calvert Journal.


Trees di Cartier: sostenibilità attraverso la mostra d’arte


Le altre opere

Lo spettacolo online presenta anche Ingredients di Nikolett Balázs, un’artista con base a Budapest nata nel 1990 che nella sua arte utilizza materiali di scarto. Rotondo come la luna, Ingredienti è fatto per metà di terra e per metà di stoffa macchiata di sangue e trucioli di metallo. Per la co-curatrice Róna Kopeczky, l’opera riflette le “dualità che modellano l’identità dell’artista come giovane donna: proveniente da una zona rurale dell’est dell’Ungheria, mentre vive e lavora in un ambiente urbano frenetico, accettando ed esplorando l’ampia scala tra la sterilità e sporcizia.”