La Lazio si dimostra sempre più una squadra da Europa battendo il Sassuolo in rimonta per 2-1, grazie anche all’autogol sul finale del secondo tempo del portiere Consigli.

I biancocelesti sopratutto nella seconda frazione fanno qualcosa in più dei padroni di casa per cercare la vittoria, ma senza mai riuscire veramente ad impensierire e a mettere le mani sul pallino del gioco.

https://www.youtube.com/watch?v=3vL9fYDNAo4

PRIMO TEMPO – Dopo i primi minuti iniziali di stallo e di studio da parte di entrambe le squadre, la partita si accende con una ripartenza di Berardi che servito dall’ottimo lancio lungo di Missiroli e scappato dalla marcatura di Radu, arriva sulla palla in area, Strakosha dopo un attimo di esitazione decide di uscire, ma frana sull’attaccante avversario decretando così il calcio di rigore; dal dischetto va lo stesso Berardi che con una botta centrale porta in vantaggio il suo Sassuolo segnando il primo gol dopo il lungo infortunio e portando a 5 i gol fatti contro la Lazio (quattro di questi arrivati proprio da calcio di rigore).

I padroni di casa credono nella vittoria e tentano subito il raddoppio con due buone opportunità, prima con Defrel che lanciato in velocità in contropiede scavalca Strakosha con un tocco sotto, ma la palla esce a lato del palo di pochi centimetri, e poi con Lirola, ottima azione corale del Sassuolo, il terzino destro riceve palla sulla corsia laterale, guarda la porta e calcia di prima intenzione, ma il tiro non è preciso e la conclusione si spegne sul fondo.

Nel momento migliore dei neroverdi la Lazio riesce a trovare il gol che mette in equilibrio il risultato, ancora una volta con Immobile che arriva a quota 20 in questo campionato, Felipe Anderson riceve palla al limite dell’area piccola, finta di calciare e si allarga servendo un assist perfetto per l’imbucata dell’attaccante biancoceleste che con un bel tocco ad incrociare firma l’1-1.

Sul finale di primo tempo la Lazio galvanizzata va ad un passo dal vantaggio, servito da Lulic ancora Immobile va alla conclusione, il suo tiro, deviato da Acerbi, finirebbe dritto in porta, ma Cannavaro si inventa un salvataggio miracoloso, con una rovesciata riesce a mandare la palla sulla traversa e poi fuori dalla porta, mandando le squadre negli spogliatoi in pareggio.

SECONDO TEMPO – Ad inizio ripresa è il Sassuolo ad accusare qualche problema in difesa e sull’impostazione della palla, lasciando troppo spesso spazio alle incursioni biancocelesti.

Al 54° uno scatenato Immobile cercando la doppietta personale, si accentra dalla fascia e calcia, ma Consigli attento non si fa superare. Due minuti più tardi Inzaghi apporta due cambi alla propria formazione, mettendo in campo Keita per Lulic per cercare maggiore spinta in attacco e poi facendo entrare Lukaku per Hoedt.

La partita va nuovamente in una situazione di stallo, con la Lazio che cerca di più il gol del vantaggio ma che non riesce mai ad essere realmente incisiva sotto porta; al 64° anche Di Francesco usa le sostituzioni a disposizione, rilevando prima Missiroli per Duncan, favorendo maggiormente le ripartenze, poi alcuni minuti più tardi togliendo Defrel e mettendo in campo Matri.

La gara come successo nel primo tempo si infiamma solo nei minuti finali, dove il Sassuolo subito con Matri ha una buona occasione colpendo il palo, ma l’arbitro ferma tutto per fuorigioco. Inzaghi tenta l’ultimo cambio a disposizione, fuori Felipe Anderson per l’innesto di Lombardi, cambio azzeccato quel del tecnico biancoceleste in quanto proprio Lombardi sfuggito sulla fascia dalla marcatura arriva fino in fondo, mette in mezzo un pallone teso che impatta prima su Acerbi e poi su Consigli finendo per ultimo in rete, portando in vantaggio così la squadra laziale.

All’84° Di Francesco finisce i cambi, inserendo Ragusa per Politano; il Sassuolo non vuole perdere e tenta di riagguantare il pareggio e sfiora il 2-2 ma il palo gli nega la gioia del gol all’89° dopo una buona girata di testa di Pellegrini su un ottimo assist di Duncan.

La gara di apertura della 30° giornata di Serie A finisce quindi con la vittoria della Lazio al Mapei Stadium che non smette più di vincere e con questo risultato si porta a cinque lunghezze di distanza dall’Inter e a meno tre punti dal Napoli, mentre pesante sconfitta per il Sassuolo che non trova ormai la vittoria da diverse giornate.

 

Condividi e seguici nei social
error

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here