martedì, Aprile 16, 2024

25 gennaio 1961: JFK ospita la prima conferenza stampa presidenziale in diretta televisiva

Le notizie inquietanti sulla guerra fredda con l’Unione Sovietica dominano l’evento del 25 gennaio 1961, che offre agli americani il primo sguardo in diretta al corpo dei giornalisti presidenziali. “Il fatto è che quando il Presidente Kennedy iniziò a trasmettere le conferenze stampa in televisione, c’erano solo tre o quattro giornali in tutti gli Stati Uniti che riportavano una trascrizione completa di una conferenza stampa presidenziale”, ha dichiarato l’addetto stampa di Kennedy, Pierre Salinger, alla JFK Presidential Library in una storia orale del 35° Presidente. “Pertanto, ciò che la gente leggeva era un distillato… Pensavamo che dovessero avere l’opportunità di vederla per intero”.

Il Presidente aveva prestato giuramento solo cinque giorni prima


La conferenza stampa si tenne nel nuovo auditorium del Dipartimento di Stato a Washington, D.C. La guerra fredda incombeva pesantemente sui lavori. Il nuovo presidente fece una serie di tre annunci, il primo dei quali riguardava le discussioni sul divieto di test atomici a Ginevra, in Svizzera. Durante la conferenza, trasmessa in diretta dal nuovo auditorium del Dipartimento di Stato, il Presidente ha dichiarato di voler chiedere che i negoziati di Ginevra con la Russia per un trattato di divieto di test nucleari siano rinviati a fine marzo. Ha poi affrontato il tema dei soccorsi nel contesto della guerra civile in corso in Congo, che è diventata una guerra per procura tra fazioni concorrenti sostenute dai sovietici e dagli Stati Uniti. Kennedy ha anche annunciato che gli ufficiali dell’aeronautica statunitense, il capitano John R. McKone e il capitano Freeman “Bruce” Olmstead, sono stati liberati dall’Unione Sovietica dopo oltre sei mesi di prigionia. Altri quattro aviatori rimasero uccisi quando il loro bombardiere RB-47 fu abbattuto da un caccia sovietico nello spazio aereo conteso del Mare di Bering il 1° luglio 1960, poche settimane dopo il più famoso incidente dell’U2 del maggio 1960. La Guerra Fredda è stata un tema molto sentito durante la prima conferenza stampa presidenziale trasmessa in televisione.

Il Presidente ha poi aperto la parola alle domande

“Concepisce circostanze che potrebbero giustificare la ripresa di voli come quello dell’U2?”, ha chiesto un giornalista nella prima domanda posta dai media a un presidente davanti a un pubblico televisivo in diretta. “I voli di aerei americani che penetrano nello spazio aereo dell’Unione Sovietica sono stati sospesi dal maggio 1960”, rispose Kennedy. “Ho ordinato che non vengano ripresi”. Un secondo giornalista ha chiesto a Kennedy delle voci secondo cui il premier sovietico Nikita Kruscev avrebbe potuto far visita al presidente a Washington a marzo per discutere del disarmo nucleare dopo le riunioni delle Nazioni Unite a New York. “Non ho sentito parlare ufficialmente di alcuna proposta da parte del signor Kruscev di venire negli Stati Uniti”, disse Kennedy.

Le conferenze stampa dopo il 25 gennaio 1961.

“Nel periodo precedente la presidenza Kennedy, le norme che regolavano le conferenze stampa favorivano il presidente”, scrive l’Associazione storica della Casa Bianca. “Le sessioni erano eventi non registrati da Woodrow Wilson a Harry Truman. Se il presidente diceva qualcosa che riteneva inopportuno, poteva modificare la citazione”. Woodrow Wilson tenne la prima conferenza stampa presidenziale il 15 marzo 1913. Il Presidente Eisenhower tenne la prima conferenza stampa televisiva il 19 gennaio 1955, utilizzando filmati di repertorio.
“Il presidente John F. Kennedy è stato il primo a utilizzare il mezzo televisivo per rivolgersi al popolo americano in diretta, senza ritardi o montaggi”, riporta l’Ufficio editoriale del governo degli Stati Uniti.

L’uso della televisione si rivelò essenziale per l’ascesa di Kennedy allo Studio Ovale

In particolare, la maggior parte degli americani concordava sul fatto che Kennedy avesse una migliore proiezione televisiva durante una serie di dibattiti con il vicepresidente Richard Nixon nell’autunno del 1960. La sua immagine televisiva si rivelò fondamentale in un’elezione che JFK vinse con un margine bassissimo: ottenne il 49,7% del voto popolare, contro il 49,6% di Nixon I dibattiti Kennedy-Nixon “cambiarono il modo in cui venivano condotte le campagne presidenziali, poiché il potere della televisione portò le elezioni nei salotti degli americani”, sottolinea il National Constitution Center. La televisione cementò anche l’immagine duratura di Kennedy come giovane, vibrante ed energico leader americano, che rimase in carica meno di tre anni prima di essere assassinato il 22 novembre 1963. “Le conferenze stampa del Presidente Kennedy portavano con sé il fascino di un giovane leader, un’agenda politica attivista e una tensione tra il Presidente e il suo gruppo di giornalisti”, afferma l’Associazione storica della Casa Bianca. “I giovani reporter accorrevano a Washington per seguire il nuovo presidente”, afferma la stessa fonte. “I giornalisti erano più disposti a sfidare il nuovo presidente di quanto non lo fossero negli anni di Eisenhower… L’incidente dell’aereo spia U2 ha cambiato il rapporto di molti giornalisti con il loro governo. È stato un incidente in cui il governo degli Stati Uniti è stato colto in flagrante”.

Sowmya Sofia Riccaboni
Sowmya Sofia Riccaboni
Blogger, giornalista scalza (senza tesserino), mamma di 3 figli. Guarda il mondo con i cinque sensi, trascura spesso la forma per dare sensazioni di realtà e di poter toccare le parole. Direttrice Editoriale dal 2009. Laureata in Scienze della Formazione.

Related Articles

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

- Advertisement -spot_img

Latest Articles