25 aprile: incendiata libreria antifascista di Roma

0
622
incendio a Roma

Brucia nella notte fra il 24 e il 25 aprile uno dei simboli dell’antifascismo romano. Nel quartiere Centocelle, in via delle Palme 158 a Roma, è scoppiato un incendio nella storica caffetteria/libreria “La pecora elettrica”.

A causare l’incendio è stata l’esplosione di un ordigno artigianale posizionato all’ingresso del locale. Le fiamme sono divampate intorno alle 3.20 di mattina e, oltre a distruggere il locale, hanno bruciato tutti i libri. La serranda del locale risulta visibilmente forzata.

“La pecora elettrica” si trova nei pressi di Forte Prenestino, uno dei più grandi centri sociali di Roma. Ricordiamo infatti che qui, a sudest della capitale, i partigiani tennero comizi e volantinaggi prima ancora che il fascismo cadesse, proclamando una specie di repubblica autonoma, facendo riconoscere il valore della lotta antifascista proclamato proprio lo scorso anno con la medaglia al valore civile per il contributo dato alla Resistenza.

libreria antifascista a Roma

Sul proprio profilo Facebook il locale ha pubblicato un post per diffondere le immagini dei danni causati e a raccontare l’accaduto.

«Il locale ha subito ingenti danni – raccontano i gestori – Al nostro arrivo la soglia in marmo era distrutta, le serrande divelte e all’interno una squadra di vigili del fuoco stava spegnendo le fiamme che hanno devastato gli spazi e bruciato i nostri preziosi libri. All’arrivo delle forze dell’ordine, il registratore di cassa è stato trovato aperto. Ma non è stato sottratto denaro né altro ad eccezione di un computer».

Fortunatamente, la comunità di quartiere, i clienti di sempre e gli utenti del web stanno dimostrando alla libreria grande solidarietà e in molti sono scesi in strada il 25 aprile a sostenere i gestori del locale.

Commenti