Roma, rogo alla discarica abusiva sulla Collatina, M5S: “Guerra dei rifiuti”

0
368
Roma: l'incendio alla Collatina sarebbe doloso.

Attimi di paura si sono vissuti nella serata di giovedì 25 aprile a Roma, quando un incendio di vaste proporzioni è divampato in una discarica abusiva nei pressi di Via Collatina Vecchia. Un’enorme colonna di fumo nero si è innalzata in poco tempo, accompagnata da un forte e insopportabile odore di bruciato che è stato avvertito dai residenti di numerosi quartieri circostanti, facendo temere il peggio. Dopo aver lavorato per diverse ore, i vigili del fuoco nella mattinata hanno comunicato di essere riusciti a domare le fiamme, aggiungendo però che ci vorrà del tempo per portare a termine tutte le operazioni di bonifica previste nell’intera zona.

La vicenda ha scatenato subito un vespaio di polemiche, poiché il rogo si è sviluppato lungo un’area che lo scorso mese di febbraio era stata posta sotto sequestro dalla polizia di Roma Capitale, durante un’operazione che aveva portato all’abbattimento di ben 35 baracche e almeno 6 tende abbandonate da coloro che le avevano occupate fino a quel momento. In quell’occasione, i sigilli erano stati apposti dietro provvedimento degli inquirenti per reati di ordine ambientale, e da quel momento era iniziata la lunga attesa affinché dalla Procura giungesse il via libera alle attività di bonifica. Il comandante della polizia locale, Antonio Di Maggio, parlando delle cause che avrebbero originato le fiamme non ha avuto alcun dubbio, dichiarando senza mezzi termini che si tratta di incendio doloso, ovvero di un “gesto criminale” attuato probabilmente da coloro che avrebbero voluto gestire autonomamente (e illegalmente) gli interventi di risanamento della zona: “avvelenando chi abita qui”.

I comitati cittadini hanno immediatamente fatto sentire la propria voce, ricordando che in diverse occasioni si sono rivolti alle istituzioni locali per chiedere l’inizio dei lavori di bonifica al più presto nell’area sequestrata alla Collatina. Soprattutto il Cdq Cittadini di Colli Aniene-Bene Comune ha fatto sapere di avere inviato copiose lettere e comunicazioni affinché si procedesse con la rimozione dei rifiuti e dei materiali rimasti abbandonati dopo l’abbattimento delle baracche, ma fino ad oggi non sarebbe mai stato organizzato un piano specifico per la bonifica e lo sgombero. Al quotidiano Repubblica, il suddetto comunicato ha anticipato che nei prossimi giorni si riunirà per trovare finalmente una via d’uscita a quella che è stata definita una “situazione inaccettabile” che finora non ha trovato alcun riscontro tra le istituzioni. Roberto Torre del Cdq ha aggiunto: “Povera città, una Capitale allo sbando in mano a personaggi da circo equestre”.

In queste ore si registra anche una reazione del Movimento 5 Stelle, finito nel mirino delle critiche ancora una volta per quella che sarebbe una gestione piuttosto carente del Comune di Roma da parte dell’amministrazione Raggi. Ilaria Fontana, capogruppo della Commissione Ambiente alla Camera dei deputati, ha risposto alle polemiche affermando che in questo momento la Capitale “è sotto attacco”, giacché in questi ultimi mesi si sono verificati degli incendi dolosi in due impianti di smaltimento rifiuti, con oltre 600 cassonetti bruciati in appena due anni, ai quali vanno ad aggiungersi i diversi episodi criminali degli ultimi tempi, compreso quello di giovedì sera alla Collatina.

Ilaria Fontana: “Roma è sotto attacco”.

La deputata pentastellata, dopo aver ringraziato i vigili del fuoco per il tempestivo intervento che ha permesso di domare l’incendio senza gravi conseguenze, ha sottolineato che il Movimento 5 Stelle è convinto che questi episodi non siano affatto casuali, perché a Roma sarebbe in atto una vera e propria “guerra dei rifiuti” che, in realtà, non coinvolgerebbe solo la Capitale ma tutta l’Italia, dietro la quale potrebbe esserci la mano della criminalità organizzata. Per contrastare questa piaga, la grillina 35enne ha dichiarato che bisogna fare squadra, essere uniti e ricorrere a tutti gli strumenti necessari per evitare che si verifichino altri roghi sia a Roma che nel resto del Paese.

Se vuoi leggere altre notizie di Cronaca, puoi cliccare al seguente link: https://www.periodicodaily.com/category/cronaca/

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here