Vodka a base di mele e altri ingredienti di Chernobyl sequestrati in Ucraina

0
343

Un produttore di vodka era pronto a spedire alcune delle sue prime bottiglie di Vodka a base di mele nel Regno Unito, ma a quanto pare ha avuto qualche problema. I funzionari al confine con l’Ucraina hanno sollevato un problema con l’origine di alcuni degli ingredienti per l’alcol. Questo perché la vodka è stata prodotta con mele coltivate vicino alla zona di esclusione di Chernobyl.

Vodka a base di mele: è solo questione di origine delle mele?

La Chernobyl Spirit Company ha recentemente tentato di spedire 1.500 bottiglie della sua vodka Atomik nel Regno Unito, riporta il New York Post. Sfortunatamente, le bottiglie sarebbero state sequestrate dai pubblici ministeri di Kiev. Secondo la testata giornalistica, la questione sembra essere correlata ai bolli di accisa sulle bottiglie. Questi bolli, che dimostrano che le tasse obbligatorie sono state pagate, sembrano essere falsi. Il produttore di vodka, tuttavia, nega queste accuse e ha chiarito che le bottiglie hanno i bolli delle accise appropriati per il Regno Unito.


Atomik: dall’area contaminata di Chernobyl arriva la vodka


Con cosa è prodotta la Vodka Atomik

La vodka sarebbe stata prodotta con alcuni ingredienti raccolti nell’area vicino a Chernobyl. Sebbene gli ingredienti potessero essere ingredienti leggermente radioattivi, un team di scienziati che lavoravano per la società avrebbe confermato che non c’erano segni di radioattività dopo il processo di distillazione. Nonostante il nome, la bevanda non è apparentemente più radioattiva di qualsiasi altra vodka. Secondo quanto riferito, la società ha affermato che il suo obiettivoè aiutare a riportare posti di lavoro e altri investimenti in aree che stanno ancora subendo gli effetti del disastro del 1986.