Vercelli – Museo Borgogna: i prossimi eventi di giugno

0
723

A Vercelli il Museo Borgogna è al centro dei due prossimi eventi di giugno. Il primo è organizzato dall’ente stesso. Il secondo, invece, è frutto di un’ìdea del MUVV (Musei di Vercelli e Varallo).

Museo Borgogna, prossimi eventi di giugno: Un caffè con…” Elisabetta Dellavalle e le donne di Dante Alighieri

Giovedì 24 giugno il Museo Borgogna sarà lieto di invitarvi alla pausa pranzo delle 13.30 per l’appuntamento “Un caffè con…”. Ospite dell’evento sarà Elisabetta Dellavalle. La docente e giornalista vercellese avrà l’opportunità di commentare la figura del Sommo Poeta allacciandolo alle figure femminili che animano le sue opere letterarie.


Opere inedite di Carlo Carrà in mostra ad Alessandria


Chi è Elisabetta Dellavalle?

Lei si racconta così: “Il primo regalo del papà Piero è un’enorme scatola di pastelli: per la gioia dei genitori disegna con il più bello, quello rosso, tutte le pareti di casa. Nasce da qui la passione per l’arte e per la scrittura. Concretizza il tema ‘cosa farò da grande’ delle medie, sarò ‘maestra e giornalista’: è docente di lettere alle superiori dal 1986 e giornalista pubblicista dal 1987. Mamma e moglie, quando può fa le marmellate con la frutta del giardino e cuce collane con i preziosi fili e i vecchi bottoni dell’amata nonna ricamatrice. Credendo di avere 18 anni, d’estate guida ancora il suo Ciao bianco degli Anni Settanta, ma ne ha quasi 59 e un poco si sentono. Da qualche anno ha pure un cane, ovviamente una femmina del canile, che non credeva avrebbe amato così tanto. Ama le ciliegie, il profumo dei tigli dei viali in città, i pic nic in Valsesia. Adora Venezia, il mare e la montagna, ma fuori stagione. Spera sempre che troverà il coraggio di scrivere il romanzo della sua vita ma per ora è solo un’idea. O, forse, lo sta facendo da tempo e non se n’è mai accorta”.

Per partecipare

Per non perdersi questo appuntamento è necessario prenotarsi al numero 389.2116858. Il costo è di 5 euro a persona

Museo Borgogna, prossimi eventi di giugno

Martedì 29 giugno sarà invece la volta del percorso “Paroli d’na vira: una sera di ricordi tra i cortili dei musei di Vercelli e Varallo”, ideato dalla rete MUVV (Musei di Vercelli e Varallo) e inserito nella rassegna “Metti una sera… a Vercelli”, organizzata dal Comune.

Focus sull’evento

La serata inizierà alle 20.30 (in caso di maltempo mercoledì 30 giugno) con partenza dall’ex monastero di San Pietro Martire (area Pisu). A ogni tappa del percorso corrisponderà un museo di Vercelli. Si inizierà con il Museo Leone, che contiene le collezioni e i ritrovamenti dell’omonimo notaio (1830-1907). Poi sarà la volta del Museo Archeologico della Città di Vercelli, intitolato a Padre Bruzza (1813-1883). Il Museo Borgogna sarà la prossima tappa del percorso. Qui entrerà in scena un insolito personaggio che racconterà la storia, poco conosciuta, del filantropo e benefattore Antonio Borgogna (1822-1906). La serata terminerà con il Museo del Tesoro del Duomo, dove sarà possibile ascoltare alcuni aneddoti legati a ecclesiasti vercellesi del Settecento e dell’Ottocento. Ci sarà la partecipazione straordinaria del Palazzo dei Musei di Varallo, che ospita la Pinacoteca e il Museo di Storia Naturale Calderini. Qui si avrà modo di capire la storia delle due istituzioni valsesiane.

Per partecipare, norme anti-Covid e ulteriori informazioni

Sarà possibile partecipare all’evento previa prenotazione entro il 28 giugno scrivendo alla mail [email protected], oppure telefonando direttamente ai musei coinvolti, fino a esaurimento posti. Durante le visite non mancherà il rispetto delle norme per il contenimento del contagio. Prima di iniziare il percorso, i partecipanti saranno sottoposti alla misurazione della temperatura corporea, i musei saranno dotati di gel sanificante e dall’inizio alla fine della serata sarà garantito il distanziamento sociale. Obbligatorio l’uso della mascherina individuale. In tutti i luoghi toccati durante il percorso sarà possibile chiedere supporto non solo al personale museale, ma anche ai giovani volontari del Servizio Civile del progetto “Forma Mentis”.