USA: recuperati 30 milioni di dollari in criptovaluta dagli hacker nordcoreani   

0
323
USA: recuperati 30 milioni di dollari in criptovaluta dagli hacker nordcoreani   

Gli USA hanno annunciato che sono stati recuperati 30 milioni di dollari in criptovaluta rubati dagli hacker nordcoreani. Secondo Washington, Pyongyang utilizza le rapine per finanziare i suoi programmi nucleari.

USA: recuperati 30 milioni di dollari in criptovaluta rubati

Gli USA hanno recuperato 30 milioni di dollari in criptovaluta dagli hacker nordcoreani. Chainalysis, una società statunitense, ha affermato di aver collaborato con le forze dell’ordine per recuperare i soldi rubati dagli hacker all’inizio di quest’anno. La società ha riferito che i fondi recuperati rappresentano circa il 10% del valore attuale della criptovaluta rubata.

Questa è la prima volta in assoluto che viene sequestrata una criptovaluta rubata da un gruppi di hacker nordcoreano e siamo fiduciosi che non sarà l’ultima”, ha affermato Chainalysis in una nota. “Abbiamo dimostrato che con i giusti strumenti di analisi blockchain, investigatori di livello mondiale e professionisti della conformità possono collaborare per fermare anche gli hacker e i riciclatori più sofisticati. C’è ancora del lavoro da fare, ma questa è una pietra miliare nei nostri sforzi per rendere più sicuro l’ecosistema delle criptovalute”, ha aggiunto. L’azienda ha definito il furto “altamente sofisticato”. Ha evidenziato che gli hacker hanno sfruttato più di 12.000 diversi indirizzi crittografici fino ad oggi per riciclare i fondi. 

Nel marzo di quest’anno un gruppo di hacker nordcoreani ha rubato oltre 600 milioni di dollari in criptovalute. Lazarus Group, un’organizzazione criminale informatica associata al governo nordcoreano, ha rubato i fondi ai giocatori del gioco virtuale pay-to-play Axie Infinity. Il totale dei fondi rubati comprendeva 173.600 ethereum e 25,5 milioni di USDC, una criptovaluta legata al dollaro USA.

Pyongyang utilizza le rapine per finanziare i suoi programmi nucleari  

I funzionari statunitensi hanno lanciato l’allarme che la Corea del Nord sta utilizzando sempre di più le sue rapine in criptovalute per finanziare i suoi programmi di armi nucleari e missilistici. L’amministrazione Biden ha sottolineato che stanno adottando molteplici misure per contrastare le minacce informatiche di Pyongyang, tra cui l’imposizione di sanzioni contro i gruppi criminali e il sequestro di risorse digitali rubate. Il Dipartimento del Tesoro ha imposto delle sanzioni contro il mixer di criptovalute Tornado Cash. Secondo il dipartimento, il gruppo ha aiutato gli hacker nordcoreani e altri a riciclare fondi rubati.


Leggi anche: Corea del Nord: rapine crittografiche per finanziare le armi nucleari