giovedì, Febbraio 29, 2024

Trump: incriminano me per attaccare voi

Parlando alla Faith & Freedom Coalition’s Road to Majority Policy Conference, l’ex presidente americano Donald Trump ha affermato che “incriminano me per attaccare voi”. Trump ha poi attaccato il presidente Biden e ha parlato dell’aborto, un tema molto importante per gli evangelici presenti all’evento.

Donald Trump: incriminano me per attaccare voi

L’ex presidente americano Donald Trump ha parlato alla Faith & Freedom Coalition’s Road to Majority Policy Conference. “Incriminano me per attaccare voi. Provano a silenziare me per silenziare voi”, ha esordito Trump. L’ex presidente ha poi definito le accuse contro di lui un “grande segno di coraggio”. “Ogni volta che i democratici, i marxisti, i comunisti e i fascisti della sinistra radicale mi accusano, lo considero un grande segno di coraggio”, ha detto Trump. “Sono stato incriminato per voi e credo che voi siate più di 200 milioni di persone che amano il nostro paese”, ha aggiunto. Il tycoon usa poi lo stesso copione di sempre, da Biden è corrotto e il peggior presidente della storia americana alla giustizia “manipolata” che ha lanciato una “caccia alle streghe nei suoi confronti”. Trump fa anche notare che ha praticamente “la vittoria in tasca” nel 2024. “I sondaggi dicono che sono avanti di 11 punti”, ha affermato il tycoon.

Trump e la politica estera

Trump ha anche parlato di politica estera, ripetendo anche in questo caso sempre le stesse cose. “Con me presidente Mosca non avrebbe invaso l’Ucraina e la Cina non parlerebbe in questi termini di Taiwan”, ha affermato Trump. “Se fossi io presidente darei alla Cina 24 ore di tempo per togliere le sue spie da Cuba”, ha aggiunto, commentando la notizia dei giorni scorsi di unità di intelligence di Pechino sull’isola caraibica, smentita però dal governo americano.  Trump ha poi puntato il dito contro il presidente Biden. “Non è in grado di fare nulla“, ha tuonato.

Trump non ha però parlato degli avvenimenti che si stavano verificando in Russia. Si è limitato ha solo a scrivere un post criptico su Truth Social, nel quale avverte di “fare attenzione a quello che vi augurate, il prossimo potrebbe essere molto peggio!“, con la parola “next” che probabilmente si riferiva a un eventuale successore di Vladimir Putin.

Il tycoon e l’aborto

Trump ha concluso il suo discorso con una questione molto importane per gli evangelici repubblicani presenti all’evento, l’aborto. “Sono il presidente più pro-life della storia americana e anche il primo che ha partecipato ad una marcia contro l’aborto qui a Washington“, ha detto Trump presentandosi come il leader che ha aperto la strada alla storica sentenza della Corte Suprema.


Leggi anche: Trump: io rispetto la legge

Related Articles

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Stay Connected

0FansLike
0FollowersFollow
0SubscribersSubscribe
- Advertisement -spot_img

Latest Articles