Pescara – Venezia 1-0

Nell’ultima giornata del girone d’andata di Serie B, allo stadio Adriatico si sfidano Pescara e Venezia.

La formazione di Zeman, reduce dal pareggio per 1-1 contro l’Ascoli in trasferta, insegue al 12° posto, mentre il Venezia è 8°, ultimo posto valido per l’accesso ai play-off.

Parte subito forte la squadra di Inzaghi, che al 3′ colpisce un palo con il numero 10 Fabiano: cross di Marsura e conclusione dell’esterno, palla sul legno, si salva il Pescara.
Al 28′ ancora squadra ospite pericolosa con Marsura: conclusione da parte dell’attaccante, palla a lato non di molto.
Al 43′, altro legno per i veneti con Pinato: assist di Garofalo, conclusione del centrocampista, palla che quasi entra dopo aver colpito il palo, ma poi esce. Si salva ancora il Pescara.
I delfini si svegliano e tra il 44′ ed il 46′ vanno vicino al gol in due occasioni con il numero 17 Pettinari.

Nel 2° tempo, ancora pericoloso il Venezia sempre con il numero 17 Marsura: conclusione dell’attaccante, Fiorillo però è attento e neutralizza il tentativo.
Al 75′ occasione Pescara con Brugman: tiro del centrocampista, Audero respinge come può e la palla esce di pochissimo. Solo corner per la squadra di casa.
All’80’, veneti ancora pericolosi: cross di Garofalo, Zigoni fa da sponda per Marsura che, però, non riesce nell’impatto con la palla. La sfera è di Fiorillo.
Quando la partita sembra essersi incanalata sul binario della parità, incredibilmente arriva la doccia fredda per il Venezia: Valzania segna incredibilmente il gol del vantaggio dei delfini. Grande conclusione dalla distanza per il centrocampista, beffato Audero: il Pescara la sblocca a pochi minuti dal novantesimo.

Allo stadio Adriatico finisce 1-0 con la vittoria dei padroni di casa del Pescara di Zeman. Vittoria preziosissima conquistata grazie al gol di Valzania, niente da fare per il Venezia di Pippo Inzaghi.

Perugia – Empoli 2-4

Allo stadio Curi va in scena la sfida tra Perugia ed Empoli, match valido per la 21a giornata di Serie B, l’ultima del girone d’andata.

Per quanto riguarda le formazioni, pochissime le sorprese, da ambo le parti.
Breda inserisce Terrani come esterno alto di destra, davanti Cerri e Di Carmine, Han va in tribuna.
Andreazzoli conferma in blocco l’undici di partenza visto nel suo debutto della scorsa giornata: davanti c’è Zajc trequartista alle spalle dei due attaccanti Donnarumma e Caputo.

Subito Empoli in vantaggio grazie al suo attaccante Donnarumma: il numero 9 riceve la sponda arretrata di Zajc, si sistema la palla per il mancino dal limite, che bacia il palo di Nocchi e si insacca in rete.Al 19′ pareggia la squadra di casa con Di Carmine: sponda perfetta di Cerri, che lancia Terrani in campo aperto, il trequartista appoggia dolcemente sul secondo palo, dove arriva il numero 10 che batte a porta vuota.
Al 22′ ancora avanti i toscani con Caputo. Angolo giocato corto, combinano Pasqual e Zajc: splendido tocco di ritorno del trequartista per il capitano, appoggio basso in area di rigore sul quale il più lesto di tutti è il numero 11.
Al 36′, tris dell’Empoli con Donnarumma, che sigla la sua doppietta personale. Caputo trova completamente scoperta la difesa umbra: pallone largo verso Krunic, che avanza indisturbato e recapita un pallone basso al centro per il numero 9, che segna con il più facile dei tap-in.

Finisce il 1° tempo che ha visto lo spettacolo offensivo della squadra ospite: sugli scudi Donnarumma, autore di una doppietta.

La 2a frazione inizia così come era finita la prima, con l’Empoli all’arrembaggio e pronto a calare il poker con Caputo: doppietta anche per il numero 11 dei toscani.
Al 58′ il Perugia prova a riaprirla con Di Carmine: su calcio d’angolo arriva il tocco aereo di Dossena, Cerri ripropone sul secondo palo, dove si avventa l’attaccante di casa per il tap-in aereo ravvicinatissimo. Doppietta anche per il numero 10 degli umbri.

L’Empoli espugna lo stadio Curi piegando il Perugia con un rotondo 2-4. Serata di sole doppiette: Di Carmine per i padroni di casa, ma soprattutto Donnarumma e Caputo tra gli ospiti.

Cremonese – Cesena 1-0

Nella 21a giornata del campionato di Serie B allo stadio Giovanni Zini di Cremona va in scena il match tra Cremonese e Cesena, arbitra il match il signor Daniele Martinelli della sezione di Roma.

Per quanto riguarda le formazioni,  il tecnico della Cremonese Attilio Tesser deve fare i conti con qualche assenza: la squalifica Arini e il lieve infortunio di Claiton non convocato, al suo posto Marconi in difesa. Out anche Scarsella e Mokulu, Macek non è al meglio mentre Garcia Tena ha smaltito l’influenza. A centrocampo rientra Pesce, in attacco Brighenti in coppia con Paulinho, alle loro spalle Piccolo preferito a Castrovilli. Seconda convocazione per Juanito Gomez.

Tre assenze per infortunio per il tecnico Fabrizio Castori: Di Noia e Schiavone (per entrambi problemi alla caviglia), out anche Esposito per un guaio all’adduttore destro. Torna Cascione a centrocampo con Dalmonte esterno sinistro. Immancabili le accelerazioni di Jallow: già nove le reti segnate finora dall’attaccante classe 1995 alle cui spalle si muove Laribi, con Cacia in panchina.

Parte bene la squadra di casa che tra il 18′ e il 21′ ha una doppia occasione con Brighenti, che manca l’appuntamento col gol.

Il 2° tempo vede il Cesena provare ad agguantare il gol della vittoria: Cacia, appena entrato in campo, scuote subito la traversa con un sinistro al volo da centro area. L’arbitro però ferma il gioco per una posizione di fuorigioco dell’attaccante.

Al 77′ gol della Cremonese con Paulinho: bellissima azione personale di Castrovilli, che semina tutta la difesa avversaria e mette in mezzo per Scappini che devia verso la porta. Il portiere respinge e sul pallone si avventa il numero 10 che in due tempi ribadisce in rete il gol del vantaggio.

Finisce qui il match tra Cremonese e Cesena, ai grigiorossi basta il gol di Paulinho nella ripresa per chiudere al meglio il 2017: in piena zona playoff al giro di boa, con 32 punti al 6° posto.

Condividi e seguici nei social

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here