Scontri a Gaza: 10 palestinesi uccisi dai sodati israeliani

Da Hamas pioggia di razzi su Tel Aviv. Missili israeliani su un palazzo: otto bambini morti. Il premier israeliano Netanyahu: “L’operazione va avanti”

0
299
Scontri a Gaza

Continuano gli scontri a Gaza. Almeno 10 palestinesi sono stati uccisi dalle forze israeliane durante i violenti scontri in Cisgiordania, mentre le sirene hanno continuato a suonare per tutto il giorno a Israele. Il ministero della Salute palestinese ha riferito che almeno 126 persone sono morte durante i bombardamenti e oltre 950 sono rimaste ferite.  Il portavoce militare israeliano ha riferito che dall’inizio del conflitto da Gaza sono stati lanciati verso Israele 2.900 razzi.

Scontri a Gaza: cos’è successo?

Almeno 10 palestinesi sono stati uccisi dalle forze israeliane durante i violenti scontri in Cisgiordania, mentre le sirene continuavano a suonare per tutto il giorno in Israele, indicando un altro giorno di un incessante lancio di razzi a Gaza. Secondo quanto riferito dal ministero della Salute palestinese, i bombardamenti hanno ucciso almeno 126 persone, tra cui almeno 31 bambini e 20 donne. Il Ministero ha anche aggiunto che almeno 950 persone, tra cui 254 bambini, hanno riportato ferite.  Inoltre ha affermato che, da quando sono iniziati gli scontri, oltre 500 palestinesi sono rimasti feriti. Il Ministero ha sottolineato che la maggior parte dei feriti è stata colpita da veri e propri proiettili.

Un portavoce delle Forze di Difesa Israeliane (IDF) ha affermato che sono state usate vere munizioni dopo che i mezzi di dispersione della folla (gas lacrimogeni e proiettili di gomma) non sono riusciti a fermare i disordini. L’IDF ha stimato che circa 5 mila persone hanno partecipato in quelle che ha definito rivolte in tutta la Cisgiordania, con manifestanti che lanciavano pietre e ordigni incendiari contro soldati e posizioni militari.

Lanciati 2.900 razzi verso Israele

Il portavoce militare israeliano ha riferito che dall’inizio del conflitto da Gaza sono stati lanciati verso Israele 2.900 razzi, ma 450 di essi si sono rivelati difettosi. Inoltre afferma che le batterie Iron Dome hanno intercettato 1.150 razzi. Altri ancora sono caduti in zone aperte. Nelle ultime 24 ore, secondo il portavoce, Israele ha colpito a Gaza 90 obiettivi di Hamas e della Jihad Islamica. Un ufficiale militare israeliano ha detto che Israele è pronto a continuare a colpire “obiettivi di qualità” per un periodo di tempo prolungato. L’IDF ha affermato che le operazioni si concentrano sullo smantellamento di una rete sotterranea di tunnel dove Hamas ospita le sue capacità di attacco.

Un funzionario israeliano ha detto: “Siamo stati in grado di colpire molte strutture di produzione e stoccaggio. Ma la valutazione è che hanno ancora una notevole quantità di razzi. In termini di personale, abbiamo preso di mira con successo dozzine di leader di alto livello di Hamas e della jihad islamica. Secondo la nostra valutazione ciò ha fatto sorgere la sensazione tra i leader di alto livello di essere cacciati”. Il funzionario ha poi aggiunto che almeno 75 militanti sono rimasti uccisi da quando sono iniziati gli scontri.

Il Ministero della Salute palestinese a Gaza ha invece accusato l’IDF di “prendere di mira direttamente aree civili affollate”. Inoltre, di non aver adottato misure precauzionali per risparmiare vite civili, accusa che l’IDF respinge con forza.

Scontri al confine giordano-israeliano

Nel frattempo, le autorità giordane hanno disperso i manifestanti in carica verso il confine con Israele nella Valle del Giordano, secondo una dichiarazione rilasciata dal Dipartimento di Pubblica Sicurezza giordano. Secondo l’emittente pubblica giordana Al Mamlaka TV, centinaia di persone si erano radunate vicino al ponte di Re Hussein dalla Giordania a Israele, nella Valle del Giordano, per protestare contro gli attacchi aerei israeliani su Gaza e le attuali misure contro i palestinesi a Gerusalemme. I video della scena mostrano le forze giordane che lanciano gas lacrimogeni per disperdere la folla, dopo che un certo numero di manifestanti è giunto verso il confine nonostante gli avvertimenti delle autorità di non lasciare il luogo della protesta. Il dipartimento di pubblica sicurezza giordano ha detto che la polizia ha usato “forza proporzionata”. Negli ultimi giorni, i manifestanti hanno marciato in Giordania contro gli attacchi israeliani a Gaza.


Raid su Gaza: colpito il grattacielo sede dei media

Conflitto Israele Gaza: sale la tensione in Medio Oriente

Premier israeliano: speculazioni sulla guerra