Sanzioni contro i Paesi che collaborano con le brigate mediche cubane

0
497
Sanzioni Cuba

Una delle più sorprendenti espressioni della politica reazionaria “Trumpite” durante la crisi globale del coronavirus si è verificata di recente. Tre senatori repubblicani di estrema destra – Ted Cruz, Rick Scott e Marco Rubio. Con molta insistenza hanno introdotto un disegno di legge che chiede sanzioni contro i Paesi che collaborano con le brigate mediche cubane.

Minaccie di sanzioni a paesi più piccoli

Questo significa effettivamente che gli Stati Uniti di Donald Trump minacciano i Paesi più piccoli con sanzioni. Motivandole perchè hanno ricevuto – o per il fatto di voler ricevere in futuro – assistenza medica da Cuba. Sopratutto durante l’attuale pandemia, che continua a causare morte e devastazione in tutto il mondo.

Non contenti di presiedere una risposta disastrosa alla crisi del coronavirus negli stessi Stati Uniti, i repubblicani vogliono anche negare l’assistenza medica ad alcune delle persone più povere e vulnerabili del mondo. Come se le loro continue sanzioni omicide su paesi come Cuba, Venezuela e Iran non stessero già facendo un altro danno umanitario.

Cuba ha già inviato in più di 30 paesi oltre 3.000 medici durante questa crisi, salvando vite umane in tutto il mondo.

Le Brigate Mediche Cubane in aiuto a tutti

Le immagini dei professionisti della salute cubani in Italia sono state viste in tutto il mondo. Hanno anche assistito in luoghi diversi come Andorra e la Martinica francese, oltre a numerose nazioni caraibiche e latinoamericane vicine.

Questa straordinaria opera umanitaria internazionale ha portato a una crescente campagna globale per l’assegnazione del Premio Nobel per la Pace 2021 alle Brigate Mediche di Cuba. Tra l’altro che gode di un sostegno molto importante anche negli stessi Stati Uniti.

Le richieste reazionarie dei senatori repubblicani

Queste richieste reazionarie dei senatori repubblicani di colpire le brigate mediche cubane con sanzioni vengono fatte in un contesto politico particolare. Solo l’anno scorso l’amministrazione Trump ha annunciato sanzioni più severe contro Cuba da quando il blocco illegale degli Stati Uniti è stato introdotto dal 1962.

Queste mosse includevano la fine di praticamente tutti i viaggi non familiari a Cuba. Nuovi limiti sulla quantità di denaro che i cubano-americani possono mandare a casa alla famiglia.

Da questo passo si allontanano enche altre amministrazioni di destra. All’epoca fu anche annunciato che il governo degli Stati Uniti avrebbe attuato pienamente il Titolo III della legge Helms-Burton.

Altri annunci aggressivi dell’amministrazione Trump hanno incluso l’implementazione di nuove importanti restrizioni di viaggio per le visite a Cuba da parte di cittadini statunitensi. Incluso il divieto di viaggi educativi e culturali conosciuti come viaggi “people-to-people”. Tali misure potrebbero causare gravi danni al settore turistico di Cuba.

Anche prima di queste sanzioni dell’amministrazione Trump, il blocco degli Stati Uniti costituisce il più lungo regime di sanzioni economiche contro qualsiasi Paese della storia.


Le Brigate Mediche Cubane


L’opposizione della comunità internazionale contro le sanzioni

Dal 1962 ò’embargo è costato all’economia cubana più di 735 miliardi di sterline. Gli Stati Uniti hanno continuato a perseguirlo nonostante l’opposizione quasi unanime della comunità internazionale, come conferma il voto schiacciante dell’Onu ogni anno contro il blocco.

Negli ultimi mesi, con la crisi del coronavirus, il blocco illegale degli Stati Uniti ha impedito le spedizioni di ventilatori a Cuba.

Cuba e il popolo cubano resistono alle sanzioni

L’aumento dei livelli di aggressività e di ostilità da parte dell’amministrazione Trump, mira a forzare un “cambio di regime” illegale a Cuba. E’ importante ricordare che Cuba ha sconfitto gli Stati Uniti in passato e che la sua rivoluzione è sopravvissuta per oltre 60 anni.

Nonostante sia a soli 90 miglia dalla più grande potenza imperialista del mondo, la Rivoluzione cubana non solo è sopravvissuta, ma ha ottenuto importanti risultati in settori come la salute, la scienza, l’istruzione e lo sviluppo di politiche ambientali.

Il contributo cubano all’umanità

Ha anche condiviso questi successi a livello internazionale. Come ha recentemente notato Rob Miller della Campagna di solidarietà di Cuba. La storia dell’internazionalismo di Cuba va ben oltre l’attuale crisi sanitaria e comprende il ruolo di Cuba in Africa nella lotta contro l’apartheid.

Operazione Miracolo, che ora ha curato più di quattro milioni di pazienti con operazioni salvavista. Il trattamento di 25.000 bambini che soffrono degli effetti dell’avvelenamento da radiazioni dopo il disastro di Chernobyl nel 1986″.

Nel corso della Rivoluzione cubana sono 400.000 gli operatori sanitari dell’isola abbiano risposto ai disastri naturali. Nonchè aver contribuito a costruire servizi sanitari in un totale di 164 Paesi. Questo merita ammirazione e rispetto, non sanzioni e sbavature.

Sostegno a CUBA

E’ neccessario Cuba sostenere non solo per la campagna internazionale per l’assegnazione del Premio Nobel per la Pace 2021 alle Brigate Mediche di Cuba. Ma anche continuare quindi a sostenere cuba come in passato contro il blocco degli Stati Uniti.

Tutti i socialisti e i progressisti internazionali devono sostenere pienamente il diritto di Cuba all’autodeterminazione.

Deve essere parte del nostro lavoro di campagna contro la più ampia agenda reazionaria di Trump in America Latina, America Centrale e Caraibi, che ha incluso anche la guerra e le minacce di colpo di stato contro il Venezuela, il colpo di stato contro il governo di Evo Morales in Bolivia e continua a sostenere il regime reazionario del colpo di stato in Honduras.

Commenti