Proud Boys affrontano accuse penali per attacco al Campidoglio

0
240
Assalto a Capitol Hill: l’ira di Trump contro la commissione d’inchiesta

Quattro membri del gruppo di estrema destra Proud Boys affrontano accuse penali per l’assalto al Campidoglio USA. Circa 40 imputati presumibilmente affiliati a gruppi di estrema destra come Proud Boys, Oath Keepers e Three Percenters sono stati accusati di aver cospirato per impedire al Congresso o alle forze dell’ordine di proteggere il Campidoglio.

Proud Boys affrontano accuse penali per l’assalto al Campidoglio?

Proseguono le indagini per l’assalto al Campidoglio USA avvenuto lo scorso 6 gennaio. Un giudice statunitense ha autorizzato un procedimento penale contro quattro membri del gruppo di estrema destra Proud Boys. In una sentenza scritta, il giudice distrettuale Timothy Kelly ha respinto le argomentazioni dei quattro imputati dei Proud Boys secondo cui le accuse di ostruzione dovrebbero essere respinte. Gli imputati sono Ethan Nordean, Joseph Biggs, Zachary Rehl e Charles Donohoe. I quattro sono accusati di aver violato una legge federale che rende reato ostacolare un procedimento ufficiale del governo.

Gli imputati dei Proud Boys hanno affermato che la legge sull’ostruzione è incostituzionale perché è scritta in modo vago. Inoltre affermano che potrebbe ostacolare il diritto alla libertà di parola. Kelly, che risiede nel Distretto di Columbia, ha respinto tale argomento. “Indipendentemente dalle motivazioni politiche degli imputati o da qualsiasi messaggio politico che desiderassero esprimere, questa presunta condotta semplicemente non è protetta dal Primo Emendamento”, ha affermato Kelly nella sua sentenza. 


Leggi anche: Proud Boys: il movimento di estrema destra pro Trump