Otto e mezzo: Conte ospite di Lilli Gruber

0
394
Otto e mezzo: Conte da Gruber

Ieri sera Giuseppe Conte è stato ospite ad Otto e Mezzo, il programma d’approfondimento di Lilli Gruber. La conduttrice lo ha bombardato con una serie di domande. Con lei Giuseppe Conte ha affrontato tutta una serie di temi: Covid, vaccino, misure per Natale, zone rosse, apertura dei negozi. La lunga chiacchierata avrà chiarito i dubbi e le ansie degli italiani in ascolto?

Cos’ha detto Conte ad Otto e Mezzo?

“Stiamo agendo con responsabilità, metodo e trasparenza. Ce la stiamo mettendo tutta”, dice Conte. “Oggi si dice che siamo impreparati alla seconda ondata, ma abbiamo controllato la curva nella prima ondata, in tempi anche relativamente brevi. Abbiamo approvato tutti i possibili protocolli per assicurare un’estate in sicurezza agli italiani. La seconda ondata ha sorpreso tutta l’Europa. Noi abbiamo lavorato al massimo. A luglio ho chiesto in Parlamento la proroga dello stato d’emergenza e sono stato duramente attaccato. È difficile mettere d’accordo tutti. L’importante è avere un metodo e proseguire su questa linea. Venerdì spero che l’indice Rt si avvicini a 1. Vorrebbe dire che siamo riuscirti a cristallizzare la curva”.

Cosa accadrà a Natale

“Il periodo natalizio richiede misure ad hoc”, ha proseguito Conte. “Si rischia altrimenti di ripetere il ferragosto e non ce lo possiamo permettere. Consentire tutte le occasioni di socialità tipiche del periodo natalizio non è possibile. Sullo spostamento tra regioni a Natale stiamo lavorando, se continuiamo così a fine mese non avremo più zone rosse. Siamo in piena seconda ondata, riprendere il controllo della curva è un conto, consentire tutte le occasioni di socialità è un’altra questione. Sappiamo quanto vale il Natale. Abbiamo stanziato 2 miliardi aggiuntivi ed è previsto uno scostamento di 8 miliardi.”

Conte parla del vaccino e di riapertura negozi

“Non c’è un orientamento per l’obbligo del vaccino, ma lo raccomandiamo. L’obbligo è scelta forte. Io lo farò senz’altro perché quando sarà ammesso sarà sicuro e testato. Sarà disponibile prima per le categorie vulnerabili ed esposte. Penso che il vaccino ci sarà da fine gennaio. Per quanto riguarda i negozi, l’indirizzo del governo è contenere le occasioni di socialità ma consentire la tradizione dello scambio di doni. Cercheremo di dilatare l’orario dei negozi. Vogliamo far correre l’economia nel rispetto dei protocolli ed evitando gli assembramenti”.

Commenti