Operazione “Acqua verde”: 21 arresti dei carabinieri di Trento

0
250
Operazione “Acqua verde”

Operazione “Acqua verde”: 21 arresti complessivi, 9 divieti di dimora in varie province e 47 indagati.

Operazione “Acqua verde”: 21 arresti complessivi, 9 divieti di dimora in varie province e 47 indagati. Scoperte ramificazioni e canali di approvvigionamento della marijuana dalle province limitrofe e troncata  la filiera che riforniva di marijuana Roma e il nord-est fino a Trento, in particolare piazza Dante.

Alle prime ore di oggi, tra le province di Trento, Bolzano, Roma, Mantova, Verona, Vicenza e Treviso i Carabinieri del Comando Provinciale del capoluogo tridentino, con la
collaborazione dei reparti territorialmente competenti, hanno dato esecuzione a
un’ordinanza di custodia cautelare emessa dal locale G.I.P. nei confronti di 16 persone
(13 nigeriane, 2 italiane e 1 albanese) ritenute responsabili a vario titolo di associazione
per delinquere, finalizzata al traffico e spaccio di sostanze stupefacenti e ai conseguenti
45 decreti di perquisizione personale e locale, che hanno interessato anche i Reparti di
Piacenza e Lecce.

L’operazione, conseguente all’attività investigativa condotta tra ottobre 2019 e dicembre
2020, dai Carabinieri del Nucleo Investigativo di Trento, sotto la direzione della locale
Procura della Repubblica – Direzione Distrettuale Antimafia, ha individuato e smantellato
una rete di spaccio, che alimentava prioritariamente il settore di piazza Dante, nei pressi
della Stazione ferroviaria.

Gli sforzi dei militari, che si sono anche avvalsi di intercettazioni, hanno consentito di
assicurare alla giustizia i responsabili di un vero e proprio “centro nazionale di
smistamento”, gestito da un gruppo di italiani su Roma, i quali avvalendosi di
un’organizzazione criminale nigeriana, effettuavano spedizioni a richiesta in gran parte
della penisola, con particolari interessi nel Nord-Est, compresi Trento, Bolzano e Trieste,
dove venivano recapitate ogni giorno diverse decine di chilogrammi di marijuana, giunta in Italia dall’Albania, attraverso il canale d’Otranto.

Gli investigatori dei Carabinieri hanno documentato come lo stupefacente per giungere a
Trento con i corrieri nigeriani, arruolati all’esigenza, fosse fatto viaggiare anche a bordo di
treni ad alta velocità e per nasconderne il tipico odore e eludere i controlli, venisse avvolto in più strati di cellophane, impregnati di mentolo.

Siglato protocollo tra GdF e il centro di Scienze della Sicurezza e Criminalità degli…

Trentola Ducenta (Caserta) – Assalto a portavalori davanti ufficio postale: ferito vigilante

Cortesano (Trento) – Imprenditore uccide l’ex moglie a colpi di accetta: poi tenta il…

Monitorando i movimenti dei corrieri, i Militari sono riusciti ad individuare diversi canali di
approvvigionamento e a porre in atto numerosi sequestri, accertando che diverse
province del Nord-Est, da cui proveniva la droga spacciata in Trentino, erano a loro volta
rifornite dal gruppo di nigeriani, operante su Roma.

Attraverso una lunga e meticolosa attività di osservazione, analisi e riscontro, i Carabinieri sono stati in grado di documentare puntualmente i movimenti dei consociati e acquisire elementi fondati sulla gerarchia interna del sodalizio, le modalità di gestione e controllo dello spaccio sul territorio, delineando i profili di una vera e propria struttura organizzata, in grado di assicurare la protezione agli affiliati, sia sul piano dell’assistenza legale, per le vicissitudini giudiziarie, sia per la difesa fisica degli adepti dai gruppi criminali concorrenti.

Ulteriore prova della floridezza del traffico intercettato è stata la rapida espansione del
locale gruppo criminale nigeriano, che in breve tempo è andato strutturandosi e ha esteso la propria capacità operativa anche nella confinante provincia di Bolzano.

Infatti, l’attività nel complesso ha portato a operare oltre che nelle province atesine e di
Roma, anche a Lecce, Mantova, Piacenza, Treviso, Verona e Vicenza, con l’arresto di 21
persone, la sottoposizione di ulteriori 9 al divieto di dimora nelle realtà in cui vivono, il
sequestro diretto di 16 chilogrammi di marijuana, destinati a rifornire le piazze trentine e
all’acquisizione di elementi di reità a carico di ulteriori 31 indagati, riconducendo al gruppo, nel periodo, i sequestri di altri 604 chili di marijuana e 17 hashish.