Nicolas Cage: non ama essere definito un “attore”

0
253
Nicolas Cage

Nicolas Cage è un vincitore dell’Academy Award famoso per le sue interpretazioni memorabili e completamente originali in una vasta gamma di film amati: il successo d’azione “Face/Off”, il dramma bruciante “Via da Las Vegas” e il meravigliosamente surreale “Adaptation”.

Perchè Nicolas cage non preferisce il termine “attore”?

In un’intervista rilasciata a Variety ha detto: “Per me implica sempre, ‘Oh, è un grande attore, quindi è un grande bugiardo'”, dice Cage. “Quindi, con il rischio di sembrare uno stronzo pretenzioso, mi piace la parola ‘attore’ perché attore significa che stai andando nel tuo cuore, o stai andando nella tua immaginazione, o nei tuoi ricordi o nei tuoi sogni, e sei riportare qualcosa per comunicare con il pubblico”.

I suoi ruoli

Parlando dei suoi ruoli ha detto: “Mia zia Talia Shire è stata la prima a dirmi ‘Naturalismo è uno stile’. Ed ero anche un grande sostenitore della sincronicità artistica e di ciò che si poteva fare con una forma d’arte e con un altro significato. Con la pittura, ad esempio, si può essere astratto, fotorealistico, impressionista, perché non fare lo stesso con le interpretazioni cinematografiche“?

Imitare

Stanislavski ha detto che la cosa peggiore che possa fare un attore è imitare. Essere un po’ un ribelle, volevo andare contro quella regola. Quindi ho provato con Cuore selvaggio, un approccio in stile Warhol al personaggio di Sailor Ripley. Nel film come Prisoners of the Ghost Land o Face/Off – Due facce di un assassino o Stress da vampiro stavo sperimentando qualcosa che chiamavo Western Kabuki. Liberandomi del naturalismo ed esprimendo un modo più ampio di realizzare una performance“.

“Pig”

Ma l’attore ammette che stava cercando di tornare a uno stile più sottile. Cage sta attualmente guadagnando punti per il suo turno in “Pig”, in cui interpreta Rob, un ex chef solitario che ora va a caccia di tartufi con il suo amato maiale. Quando il maiale viene rapito, Rob intraprende un viaggio per recuperarla che finisce per rivelare molto del suo passato. È una splendida meditazione sull’amore e il dolore del regista esordiente Michael Sarnoski, a cui Cage si riferisce come “Arcangelo Michele”.