NATO: conclusa la conferenza dei Direttori nazionali degli Armamenti

0
331
NATO: al via esercitazione nucleare top secret

Si è conclusa la conferenza dei Direttori nazionali degli Armamenti della NATO. Al centro della discussione la guerra in Ucraina e l’implicazione che la guerra sta avendo nel settore degli armamenti. I Direttori hanno anche discusso di come ridurre alcuni alleati dalla dipendenza delle attrezzature di fabbricazione russa.

Conclusa la conferenza dei Direttori nazionali degli Armamenti NATO: di cosa hanno discusso?

Si è conclusa la conferenza dei Direttori nazionali degli Armamenti della NATO che si è tenuta presso il Quartier Generale dell’Alleanza atlantica a Bruxelles. L’incontro è stato aperto dal Segretario Generale della NATO, Jens Stoltenberg, che ha sottolineato l’importanza del ruolo dei Direttori Nazionali degli Armamenti. Ha poi illustrato le attività dell’Alleanza in questo momento storico, reso ancor più complicato dalla guerra in Ucraina. i Direttori hanno discusso le principali implicazioni della guerra in Ucraina nel settore degli armamenti. In particolare, hanno discusso le principali opzioni per ricostruire le scorte e incanalare l’aumento della spesa per la difesa in nuove capacità, compresa la riduzione della dipendenza di alcuni alleati dalle attrezzature di fabbricazione russa.

Hanno anche discusso l’importanza di accelerare l’innovazione nel campo della Difesa attraverso il Defence Innovation Accelerator for the North Atlantic (DIANA). Il progetto DIANA consiste nella realizzazione di una rete federata di centri di sperimentazione e acceleratori d’innovazione con il compito di supportare l’Alleanza Atlantica e i Paesi alleati nel proprio processo di innovazione, sostenendo le start-up a sviluppare le tecnologie necessarie a preservare la superiorità tecnologica, facilitando la cooperazione tra settore privato e realtà militari.

Gli altri temi trattati

I Direttori hanno poi discusso della trasformazione digitale della NATO e del suo effetto sui progetti di armamento oggi e in futuro; l’impatto delle tecnologie emergenti e dirompenti sulla fornitura di equipaggiamenti; i risultati dei principali programmi di armamento, tra cui il nuovo sistema Alliance Future Surveillance and Control Capability Delivery. Durante l’incontro i Direttori hanno infine parlato dei cambiamenti climatici e al modo in cui questi impattino sulle operazioni e sui futuri scenari operativi.


Leggi anche: Finlandia e Svezia verso l’adesione alla NATO