Madonna: “Madame X” il nuovo album – Recensione

Madame X il nuovo album di Madonna

0
1762

Pochissimi artisti musicali e non si confrontano con Madonna per l’impatto culturale e per il suo grande “impero” musicale. Da quando ha debuttato, oltre quaranta anni fa, ha sempre fatto parlare di se, causando polemiche anche solo per il semplice fatto di esistere. Per quanto riguarda Madame X, il suo quattordicesimo album in studio, Madonna, usa vari personaggi e prende in prestito l’hip hop latino, il dancehall e il reggaeton per indirizzare il potere delle polemiche su qualcosa di positivo.

L’album inizia con Medellín , al quale è affiancata dal star della musica latina Maluma. È una canzone strana, a ritmo ridotto e molto simile a Marmite, progettata per farti muovere, il ritornello “One,Two, cha-cha-cha” che già ti dice cosa devi fare.

La giocosità di Medellín viene rapidamente oscurata da Dark Ballet e God Control, canzoni che prendono una posizione sperimentale contro l’autoritarismo e il controllo delle armi attraverso il pop distorto di stile Black Mirror.

Mentre suona come un circo del circo su Dark Ballet , God Control fa vibrare insieme un coro gospel, colpi di arma da fuoco, voci e battiti da discoteca per scrollarci di dosso le spalle e dirci di svegliarsi in modo agitato.

Registrato tra le sue case a New York, Lisbona, Londra e Los Angeles, Madame X vede Madonna diventare globale nella sua ricerca musicale di pace e uguaglianza, cantando in inglese, spagnolo e portoghese.

Mentre gli zingari provocatori di Killers Who Are Partying mancano il bersaglio (“Sarò l’Islam se l’Islam è odiato, sarò Israele se sono in carcere, sarò Indiano Indigeno se l’indiano è stato preso”), la ballata esaltante e senza trucchi di I Rise è più seria.

Aprendo con un frammento di We Call BS , il discorso virale del giovane attivista di controllo delle armi Emma González, sopravvissuto alla sparatoria della Stoneman Douglas High School l’anno scorso, canta: “La libertà è ciò che scegli di fare con ciò che ti è stato fatto “Madonna conosce il potere che esercita, e come sostenitrice di lunga data della comunità LGBTQ + e delle persone che vivono con l’HIV, lei gioca molto bene quella carta.Madonna assume numerosi personaggi e molti, molti accenti, per creare un universo selvaggio e variegato che riflette il destino generale che il mondo sta facendo.

I momenti più interessanti arrivano quando sentiamo come lei naviga il personale. Rimuovendo il marchio e la spavalderia, lei lo abbatte su “Looking for Mercy”. Mostra forza nel suo stanco grido di empatia, rimuovendo i numerosi strati di armatura che ha dovuto indossare come icona di Madonna.

Ma non bisogna confondere questo bisogno di amore come debolezza. Nel mondo della discografia degli anni ’90, “I Do not Search I Find” con un chiaro uso del sassofono in stile Vogue, ci ricorda che Madonna ottiene sempre ciò che vuole. 

La scelta dei collaboratori di Madonna è di gran lunga il vestito più forte dell’album. La pop star brasiliana Anitta si unisce a Faz Gostoso, in una traccia di seduzione dai toni latini, e il rapper americano Quavo si unisce a lei su Future , un invito baciato dal sole.

Sempre alterando la sua identità, sia fisicamente che spiritualmente o emotivamente, Madonna assume numerosi personaggi per creare un universo selvaggio e variegato che riflette il destino generale in cui il mondo si sta dilaniando. “Madame X è un agente segreto. Viaggia in tutto il mondo. Cambia identità “ dice nel video teaser dell’album. “Una suora. Una cantante. Un santo. Una puttana. Una spia nella casa dell’amore. “

La sua voce è pesantemente camuffata ovunque, spingendo ulteriormente il concetto a volte maniacale di questo album. In piedi contro le distorsioni tecnologiche, sociali e politiche, è una produzione grandiosa e bizzarra che , non si può fare a meno di essere impressionati. Voto 4/5

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here