Lucia Pietroiusti e l’arte che dialoga con l’ecologia

Le curatrici dell'evento hanno pensato a una rassegna che punta allo sviluppo sostenibile della vallata

0
167
Lucia Pietroiusti
Alicja Kwade, "Absorption (Dolomite)", 2018

La Biennale Gherdëina è appena cominciata e nei prossimi mesi proporrà eventi e performance con artisti di talento. Le giornate inaugurali hanno attirato pubblico a Ortisei con iniziative curate da Lucia Pietroiusti e Filipa Ramos. Il multiculturalismo apre gli orizzonti dell’evento.


Biennale Gherdëina: la rassegna ai piedi delle Dolomiti


Chi è Lucia Pietroiusti?

Una curatrice che lavora attraverso le discipline all’intersezione tra arte eecologia, soprattutto al di fuori del formato espositivo. Pietroiusti è la fondatrice del progetto General Ecologyalla Serpentine di Londra, dove è attualmente Strategic Advisor for Ecology. Inoltre, è co-fondatrice con Ashish Ghadiali dell’organizzazione no-profit per la giustizia climatica RadicalEcology. Si sta occupando della realizzazione di festival The Shape ofa Circle in the Mind of a Fish con Filipa Ramos dal 2018, Sun & Seadi Rugile Barzdziukaite, VaivaGrainyte e Lina Lapelyte, vincitore del Leone d’oro nel 2019. Altri progeti sono: Being Mothers E-Werk Luckenwalde, 2021-2022 e Persones Persons, l’ottava edizione di Biennale Gherdeïna con Filipa Ramos. Pietroiusti è curatrice di Bodies of Water, la 13a Biennale di Shanghai (2020-2021) con Andrés Jaque, Marina Otero Verzier e You Mi. Tra le pubblicazioni, More-than-Human con Andrés Jaque e Marina Otero Verzier (2020), Microhabitable con Fernando García-Dory (2020) e PLANTSEX (2019).

Filipa Ramos

Nata a Lisbona, è scrittrice e curatrice. La sua ricerca si concentra su cultura e ecologia e come l’arte contemporanea promuove le relazioni natura-umanità. Recentemente nominata Direttrice del Dipartimento di Arte Contemporanea di Porto, Ramos è curatrice di Art Basel Film e fondatrice del cinema d’artista online Vdrome. Tiene numerose conferenze nel campo dell’arte contemporanea e della sostenibilità. È anche docente al Master dell’Istituto delle Arti della Fachhochschule Nordwestschweiz di Basilea, dove conduce i seminari Arte e Natura.

L’attività

I progetti in corso e futuri includono il festival di arti, scienze umane e scienza The Shape of a Circle in the Mind of a Fish con Lucia Pietroiusti dal 2018. Nel 2021, ha co-curato Bodies of Water, la 13a Biennale di Shanghai con Andrés Jaque, LuciaPietroiusti, Marina Otero Verzier e Mi You. Ha anche co-curato la mostra collettiva Feet of Clayalla City Gallery di Porto con Chus Martinez. In precedenza, ha curato il grande progetto espositivo Animalesque a Bildmuseet Umeå, Svezia (estate 2019) e BALTIC Gateshead (inverno 2020). Ramos era anche caporedattrice di Art-agenda (2013-20), Associate Editor di Manifesta Journal (2009-11) e ha anche contribuito a Documenta 13 (2012) e 14 (2017). Il suo prossimo libro, The Artist as Ecologist, sarà pubblicato da Lund Humphries nel 2023.

La Biennale Gherdëina

Zënza Sëida VFG è un’organizzazione senza scopo di lucro impegnata nella diffusione della cultura contemporanea. Valorizza, promulga e produce arte contemporanea come strumento fondamentale di crescita e sviluppo in Alto Adige. Una delle sue attività principali è l’evento in corso. Fondata da Doris Ghetta nel 2008 e situata nella cornice unica del Patrimonio Mondiale Unesco delle Dolomiti, la rassegna presenta gli artisti a Ortisei e nel territorio circostante. Favorisce il dialogo tra l’innovazione e la rinomata tradizione della scultura in legno della valle che ha rappresentato il punto di partenza della manifestazione. Edizione dopo edizione, il dialogo con altre tradizioni artistiche e geografiche si è ampliato e infatti oggi l’evento è un’importante istituzione radicata nella Regione.

Alcuni ospiti dell’evento

Ospita talenti pensatori e pubblico locali, nazionali e internazionali che si confrontano con le affascinanti tradizioni della Val Gardena. Hanno collaborato i curatori Adam Budak, Trilogia, Luca Beatrice, Günther Oberhollenzer. Tra gli artisti che hanno esposto: Alicja Kwade, Marzia Migliora, Anna Hulačová, Claudia Comte, Sonia Leimer, Nicola Samorì, Franz Kapfer, Christian Kosmas Mayer, Stefan Papčo. Poi: Mathilde Rosier, Egill Sæbjörnsson, Jiří Příhoda, Alessandrode Francesco, Velasco Vitali, Bruno Walpoth, Marinella Senatore, Paloma Varga Weisz, Kris Lemsalue Nicholas Party.

Immagine da cartella stampa.