L’ordinazione episcopale di Monsignor Mazzafaro

Il nuovo Vescovo nominato da Papa Francesco prende posto nella Diocesi, in provincia di Benevento,con la cerimonia d'investitura

0
549
L'ordinazione episcopale di Mons. Mazzafaro

Il 12 giugno scorso a Cerreto Sannita(Bn) si è svolta l’ordinazione episcopale di Monsignor Mazzafaro. Papa Francesco il 7 maggio ha nominato Monsignor Giuseppe Mazzafaro vescovo della Diocesi di Cerreto Sannita-Telese-Sant’Agata de’ Goti. La celebrazione è avvenuta in Piazza S.Martino a Cerreto Sannita. A presiedere c’erano le Eminenze il Cardinale Crescenzio Sepe, Arcivescovo emerito di Napoli, Mons Domenico Battaglia, arcivescovo di Napoli e Mons Vincenzo Paglia. Ad apertura della cerimonia è intervenuto il Sindaco di Cerrete Sannita, Giovanni Parente. Questi, ha dato il benvenuto al nuovo Vescovo da parte delle istituzioni locali e provinciali. A causa delle restrizioni il pubblico presente a l’ordinazione episcopale di Monsignor Mazzafaro era limitato.

Come avviene la celebrazione?

Nel rito della Chiesa cattolica romana l’ordinazione episcopale come quella di Monsignor Mazzafaro è una celebrazione solenne di natura simbolica. L’investitura viene sempre emessa dal Papa, il quale può partecipare alla cerimonia o dare mandato pontificio. La cerimonia e la tradizione vuole che siano tre i vescovi che accolgono il nuovo membro. La celebrazione è un momento particolare. Durante la cerimonia assieme ai riti e i canti ci sono le promesse e i doni che l’ordinato riceve. Questi sono un suggello del ministero come Vicario di Cristo. Monsignor Mazzafaro dopo aver prestato giuramento, ha ricevuto lo zuccotto violaceo, il libro dei vangeli, la mitra, l’anello con cui sposa la chiesa di Cristo e il Pastorale. Da quel momento prendendo posto sullo scranno diviene la figura di riferimento, la più importante, della Diocesi.

L’ordinazione episcopale di Monsignor Mazzafaro

Monsignor Mazzafaro sino al 7 maggio, giorno della nomina di Papa Francesco era  Amministratore Parrocchiale di S. Gennaro all’Olmo, a Napoli. Nonchè Membro del Consiglio Presbiterale e Consulente del Consiglio Episcopale dell’Arcidiocesi Metropolitana di Napoli. Classe 1955, nato a Napoli, il reverendo Monsignore ha abbracciato la via della fede ecclesiale in età matura. Difatti, dopo l’istruzione superiore ha svolto per un ventennio il lavoro di agente di commercio. Ma nel frattempo operava da laico all’interno della Comunità di S.Egidio. Durante questo periodo, ha maturato la sua vocazione, spinto dall’amore provato nell’aiutare caritatevolmente gli altri. Nel 1995 ha iniziato il suo percorso verso il sacerdozio nel Seminario Arcivescovile di Napoli. Così, nell’anno 2000 Giuseppe Mazzafaro prende i voti del sacerdozio.


La preghiera del Papa per la fine delle violenze in Etiopia


L’esperienza formativa nella Comunità di Sant’ Egidio

Come ha ricordato Monsignor Vincenzo Doriano De Luca, Cappellano della Cappella di S. Gennaro a Napoli ed intimo amico del nuovo vescovo, Monsignor Mazzafaro “è un uomo buono”. Monsignor Battaglia ha detto del nuovo Vicario che è “l’amico dei poveri”. Bontà e carità sono doti necessarie per quanti si adoperano nell’aiutare l’altro, il fratello. I principi della Comunità di Sant’Egidio sono condivisi da Monsignor Mazzafaro, perchè sono radicati in lui. Con la preghiera e l’ascolto questo uomo di Dio ha saputo dialogare con quanti gli hanno chiesto aiuto durante il sacerdozio. Adesso che nella sua nuova veste affronterà nuove situazioni, sicuramente questi tratti salienti non mancheranno di manifestarsi.