L’inquinamento acustico e i danni provocati sugli oceani

0
468

Gli scienziati dicono che l’inquinamento acustico prodotto dal rumore della navigazione, della costruzione, dei sonar e delle indagini sismiche sta distruggendo il sano paesaggio sonoro dell’oceano.

Cosa comporta l’inquinamento acustico negli oceani ?

Abbiamo degradato gli habitat e impoverito le specie marine“, ha detto il Prof Carlos Duarte, che ha condotto lo studio. “Così abbiamo messo a tacere la colonna sonora dell’oceano sano e l’abbiamo sostituita con il suono che creiamo noi“. Scrivendo sulla rivista Science, il professor Duarte, della King Abdullah University, in Arabia Saudita, e i suoi colleghi sottolineano che le onde sonore possono viaggiare per migliaia di chilometri attraverso l’oceano.

Quali sono i danni per gli animali?

Il suono è uno spunto fondamentale per l’alimentazione, la navigazione, la comunicazione e l’interazione sociale nell’oceano. Gran parte dei decenni di ricerca sul suono oceanico si è concentrata sui mammiferi marini come le megattere che comunicano a grandi distanze con canti complessi e misteriosi. Ma il Prof Duarte ha detto che ci sono prove che anche le larve di pesce appena nate sono ora incapaci di sentire “il richiamo di casa” quando vanno alla deriva nel vasto oceano. “Ora sappiamo che [queste piccole larve] sentono la chiamata dal loro habitat e la seguono”, ha detto. “E quella chiamata non viene più sentita”. La scienziata marina Dr Heather Koldewey, della Zoological Society di Londra, ha detto che il regno sottomarino è una “cacofonia di suoni come gli animali si incontrano, salutano, si riproducono e usano il rumore in una varietà di modi”.


Per approfondimenti sul tema: Inquinamento acustico, come si può combattere?


È possibile risolvere il problema dell’inquinamento acustico?

Gli scienziati hanno sottolineato che il blocco globale ha rivelato quanto velocemente e facilmente il problema dell’inquinamento acustico potrebbe essere risolto. “L’anno scorso, quando il 60% di tutti gli umani erano in isolamento, il livello di rumore umano [nell’oceano] si è ridotto di circa il 20%“, ha detto il Prof Duarte. “Quella riduzione relativamente modesta è stata sufficiente per un’ondata di osservazioni. I grandi mammiferi marini – i più facili da osservare – sono stati visti vicino alle coste e nei corsi d’acqua in cui non erano stati visti per generazioni“. “Se guardiamo al cambiamento climatico e all’inquinamento da plastica, è un percorso lungo e doloroso per il recupero“, ha detto il Prof Duarte. “Ma nel momento in cui abbassiamo il volume, la risposta della vita marina è istantanea e sorprendente“.