domenica, Giugno 23, 2024

Le migliori mostre d’arte e design a Londra nel 2023

Lo scultore queer del Rinascimento Donatello, Marina Abramović, David Hockney e un mega-museo a Manchester a lungo rimandato: la lista delle mostre d’arte e design da vedere per l’anno prossimo

Spagna e mondo ispanico

La Duchessa d’Alba si erge fieramente in nero, indicando il terreno mentre vi fissa direttamente con sguardo di sfida. Questo grande ritratto di Goya è uno dei tesori scintillanti dell’arte spagnola in una mostra della Hispanic Society di New York, che comprende anche Velázquez e il mappamondo di Vespucci. JJ
Royal Academy, Londra, 21 gennaio-10 aprile

Hockney: Più grande e più vicino

L’appetito di David Hockney per il nuovo non mostra segni di cedimento. Artigiano meticoloso e sperimentatore di tutto, dai fax (quando erano di moda) agli iPad, inizia il suo 86° anno di vita con uno spettacolo immersivo che permette di camminare all’interno del suo mondo dai colori vivaci, come una cappella elettrica. JJ
Lightroom, Londra, 25 gennaio-23 aprile

Peter Doig

In seguito al suo ritorno a Londra dopo due decenni vissuti a Trinidad, nuovi e recenti dipinti dell’artista nato a Edimburgo. L’autobiografia, il cinema e il teatro, i paesaggi e la storia dei Caraibi e dell’Ontario, dove l’artista è cresciuto, hanno informato l’arte ricca e affascinante di Doig. La sua prima grande mostra londinese dopo quella del 2008 alla Tate Britain, la prima mostra del Courtauld dedicata a un artista vivente colloca Doig nel contesto dei suoi antenati del XIX secolo. AS
Galleria Courtauld, Londra, 10 febbraio-29 maggio

Vermeer

Con soli 34 dipinti universalmente attribuiti – o sono 35? – la maggior parte dei quali in scala ridotta e che richiedono di essere visti da vicino, l’arte di Johannes Vermeer (1632-75) non si presta all’approccio da blockbuster. L’ultima grande mostra della sua arte nei Paesi Bassi è stata rovinata da un’atmosfera febbrile, da un sovraffollamento e da un’atmosfera di confusione di fronte ai suoi interni e alle sue allegorie estremamente tranquilli e contemplativi. Data la fragilità delle opere e la difficoltà di ottenere prestiti, questa è una rara opportunità di vedere circa 28 dei suoi lavori. AS
Rijksmuseum, Amsterdam, 10 febbraio-4 giugno

Donatello: scolpire il Rinascimento

Lo scultore omosessuale che stupì la Firenze del XV secolo esplode di nuovo dopo sei secoli. L’omosessualità di Donatello è attestata da fonti rinascimentali e viene ostentata nel modo di vedere il nudo maschile, eppure fu onorato dai Medici. La forza e la sottigliezza della sua arte si diffondono nei sensi e nell’anima, rendendo questa mostra l’evento artistico dell’anno. JJ
V&A, Londra, 11 febbraio-11 giugno

Alice Neel: caldo dalla piastra

Dalla Depressione degli anni Trenta alla sua morte nel 1984, l’artista newyorkese Alice Neel non ha cambiato quasi mai il suo stile. Dipingeva simpatici “quadri di persone” il cui stile senza pretese e teneramente realista cercava di trasmettere chi sono veramente. Dai colleghi artisti ai cineasti underground e agli attivisti radicali, i suoi americani sono anime vulnerabili, messe a nudo. JJ
Barbican, Londra, 16 febbraio-21 maggio

Mummie d’oro d’Egitto

Questo venerato museo riapre con una spettacolare mostra di alcuni dei suoi più bei tesori egizi. Ma non si tratta solo di oro. Utilizzando una scienza non invasiva per esplorare i corpi mummificati e i loro elaborati involucri, la mostra mostra mostra come la conservazione dei morti fosse parte di un’appassionata fede nell’aldilà. JJ
Museo di Manchester dal 18 febbraio

Mike Nelson: L’estinzione incombe

Le installazioni di Mike Nelson sono vere e proprie finzioni, con le loro tane e i loro bunker, le loro baracche e le loro officine, i loro corridoi labirintici e gli angoli segreti del mondo. Facendo riferimento alla letteratura fantascientifica e apocalittica, alle scene del crimine, alle fattorie indoor di droga e alle fantasie degli artisti, la sua arte forense dettagliata e multistrato presenta una visione di un presente nascosto. Perdetevi, ma non perdetevi. AS
Galleria Hayward, Londra, 22 febbraio-7 maggio

Lindsey Mendick

La creatività spontanea di questa artista non conosce limiti. Nel suo studio di Margate produce ceramiche bizzarre, sensuali ed esilaranti. Questa mostra è un vero e proprio carnevale di satira, indignazione e divertimento, che si apre opportunamente il giorno del pesce d’aprile. Benvenuti alla festa degli sciocchi! JJ
Parco delle sculture dello Yorkshire, 1 aprile-3 settembre

Soutine/Kossoff

Due artisti compassionevoli della condizione umana si trovano faccia a faccia. Chaïm Soutine dipinse vignette selvagge sulla fragilità umana nella tormentata Europa dell’era nazista, morendo dopo essersi nascosto come ebreo nella Francia occupata. Leon Kossoff ha ripreso il suo pennello umanista nella Londra del dopoguerra, dipingendo l’East End in modo indimenticabile. JJ
Hastings Contemporary, 1 aprile-24 settembre

Isaac Julien

La prima rassegna completa delle opere cinematografiche di Julien degli ultimi 40 anni. Le sue installazioni multischermo, spesso affascinanti e sconvolgenti, hanno abbracciato le vite di Frantz Fanon e Langston Hughes, l’esploratore polare nero Matthew Henson, l’architettura di Lina Bo Bardi e la vita interiore dello schiavo liberato e abolizionista Frederick Douglass. L’arte di Julien, ampia e spesso viscerale, abbraccia vite e tempi queer e mescola fantasia, coreografia e ritmi pulsanti. Poetica e politica, sorprendente e sexy. AS
Tate Britain, Londra, 26 aprile-20 agosto

Erwin Wurm

Fare qualcosa di stupido con una banana, infilare la testa in una siepe e maciullarsi con una sedia: Le sculture di un minuto dell’artista austriaco Wurm sono un dialogo slabbrato e assurdo tra il corpo e il mondo delle cose. Queste sculture rappresentano solo un aspetto della carriera inventiva dell’artista, alla sua prima grande mostra in un’istituzione britannica. Un buffo valzer viennese di una mostra che grida al selfie. Attenzione alle salsicce. AS
Parco delle sculture dello Yorkshire, 10 giugno-28 aprile 2024

Michael Rakowitz

Reimmaginando i Giardini Pensili di Babilonia all’ultimo piano del Baltic, Rakowitz sta creando una foresta interna di alberi, siepi, piante medicinali ed erbe tra le quali le sue sculture ad hoc riproducono il patrimonio archeologico saccheggiato e distrutto dopo l’invasione statunitense del 2003. L’artista iracheno-americano ha in programma dei workshop in cui si prepareranno tinture e cataplasmi, ricette e cibo come atti di celebrazione e guarigione. AS
Baltic Gateshead, 15 luglio-26 maggio 2024

Paula Rego: Il giardino di Crivelli

La grande pittrice figurativa scomparsa ha lasciato un’eredità unica alla National Gallery: un murale giocoso che fa parte del tessuto del luogo. Nominata prima artista associata, Rego si è immersa nella collezione della National Gallery, comprese le opere di Carlo Crivelli, ossessionate dalla frutta. Questa esplorazione del suo amorevole lavoro rivela la fede di Rego nell’arte. JJ
National Gallery, Londra, 20 luglio-29 ottobre

Marina Abramović

Due volte rimandata ma infine inevitabile: qualunque cosa facciate, non guardate negli occhi o Marina vi prenderà. Detto questo, la Abramović è una forza della natura, un fenomeno. La retrospettiva della RA su 50 anni di performance e incontri conflittuali, molti dei quali messi in scena da giovani performer, oltre a nuove opere realizzate per la mostra, sarà imperdibile. AS
Royal Academy, Londra, 23 settembre-10 dicembre 2023

Frans Hals

Questo ribelle olandese del XVII secolo può essere considerato un coetaneo di Rembrandt e Vermeer, ma con un tocco più terreno, comico e comune. I suoi ritratti di cavalieri e poveri, rispettabili ed emarginati, costituiscono una delle gallerie più vitali dell’umanità mai riunite. JJ
National Gallery, Londra, 30 settembre-21 gennaio 2024

Philip Guston


Nato a Montreal da una famiglia ebrea fuggita da Odesa, Philip Guston (1913-80) è diventato famoso dapprima come il più delicato degli espressionisti astratti, e quasi famigerato per i suoi dipinti e disegni fumettistici successivi, che spesso raffiguravano uomini del Ku Klux Klans incappucciati, un soggetto a cui si era avvicinato per la prima volta negli anni Trenta. Ricca, aspra, caustica, divertente e malinconica, l’arte di Guston ha preannunciato il trumpismo e l’ascesa della “alt-right”, insieme a una visione cupa del suo stesso temperamento. Un grande pittore per tempi terribili. AS
Tate Modern, Londra, 5 ottobre-25 febbraio 2024

Donne in rivolta! Arte, attivismo e movimento femminile nel Regno Unito 1970-90

Con oltre 100 artiste, Women in Revolt! ripercorre l’evoluzione dell’arte e della collettività in un periodo di tumulti e resistenza. Si tratta di una mostra di sospetti insoliti e di storie non raccontate, spesso ignorate o che lavorano al di fuori del mainstream. Il movimento di liberazione delle donne, Greenham Common e il movimento pacifista, il punk e il Rock Against Racism, la pandemia di Aids e la Sezione 28 fanno da sfondo. Questa mostra, da tempo attesa, è la più vicina a un’indagine sull’arte femminista in Gran Bretagna e comprende opere di pittura, performance, film e sculture. AS
Tate Britain, Londra, 8 novembre-7 aprile 2024

Centro Farrell, Newcastle

Definito “un esperimento di attivismo civico”, il Farrell Centre costituirà un nuovo forum pubblico per Newcastle, dove il futuro della città potrà essere esposto, discusso e plasmato. La trasformazione dei bei palazzi Claremont, classificati di Grado II, sarà inaugurata con More With Less, una mostra su come l’architettura può affrontare l’emergenza climatica e adattarsi a un mondo di risorse in diminuzione.
11 febbraio

Museo americano di storia naturale

Scolpita come un canyon roccioso, con caverne a picco e ponti svettanti che sembrano scolpiti da millenni di agenti atmosferici, questa nuova aggiunta al Museo Americano di Storia Naturale fornirà un’ambientazione adeguatamente spettacolare per un luogo che si occupa di ispirare stupore. Progettata dallo Studio Gang di Chicago, lascerà sicuramente a bocca aperta le folle di scolari che ogni giorno la visitano.
New York, 17 febbraio

Museo d’arte e fotografia (MAP) Bengaluru, India


Uno scintillante scrigno metallico della cultura visiva dell’Asia meridionale aprirà i battenti nella capitale tecnologica dell’India, rendendo disponibile al pubblico per la prima volta una collezione di 60.000 opere. Il museo, che spazia dalla fotografia alla pittura, dalla scultura ai tessuti, dall’arte tribale ai cimeli di Bollywood, afferma che “sfocerà i confini tra ciò che è considerato alta arte e la creatività quotidiana delle comunità della regione”.
Febbraio

Le pause: Collettivo Resolve


I musei di solito si occupano di rattoppare le loro crepe piuttosto che di metterle in mostra, ma il giovane gruppo di architettura Resolve Collective intende mettere sotto i riflettori i capricci della scricchiolante infrastruttura di cemento del Barbican questa primavera. Nella galleria Curve, creeranno un’installazione di strutture costruite in collaborazione che promettono di esplorare strategie alternative per gestire il “declino strutturale dei nostri sistemi, istituzioni ed edifici”.
Barbican, Londra, 30 marzo-16 luglio

Tartan

Sapete distinguere il vostro Royal Stewart dal vostro Mackenzie Modern? La prima grande mostra curata dal V&A Dundee svelerà la storia globale del tessuto di lana, sbirciando sotto il kilt e guardando oltre le Highlands scozzesi per esplorare come il tartan abbia influenzato l’arte, l’architettura, il design dei prodotti, la moda, il cinema e la performance in tutto il mondo. Sapevate che i leggings tartan sono stati trovati su una mummia di 3.000 anni fa nei deserti dello Xinjiang cinese?
V&A Dundee, 1° aprile-14 gennaio 2024

Museo dei senzatetto

Definito “uno spazio museale come nessun altro”, questa nuova sede sarà un centro di consulenza sugli alloggi e sui diritti legali, con uno studio artistico ad accesso libero per le persone senza fissa dimora. La sede, situata in un’ex casa del guardiano a Finsbury Park, ospiterà anche l’archivio nazionale e la collezione per i senzatetto, la povertà e l’azione sociale, attingendo alle radici radicali del parco.
Finsbury Park, Londra

Ai Weiwei: Making Sense


La prima mostra che presenta l’opera del provocatorio artista cinese come commento al design e a ciò che rivela sui nostri valori in evoluzione, promette di esplorare le tensioni tra la mano e la macchina, il prezioso e l’inutile, la costruzione e la distruzione, mettendo in dialogo l’artigianato tradizionale con la recente storia della demolizione e dello sviluppo urbano in Cina. Accanto ad alcune delle opere più importanti di Ai saranno presentate nuove commissioni.
Design Museum, Londra, 7 aprile-30 luglio

Biennale di Architettura di Venezia

Intitolata The Laboratory of the Future, la Biennale di Architettura di Venezia di quest’anno metterà l’Africa al centro della scena per la prima volta nei suoi 42 anni di storia. Curata dall’architetto e accademico scozzese del Ghana, Lesley Lokko, la mostra esplorerà come il continente più giovane e in più rapida urbanizzazione del mondo si stia dimostrando un laboratorio per l’innovazione alla faccia delle questioni climatiche, di equità e di risorse che riguardano tutti noi.

Fabbrica Internazionale

Costato quasi il doppio del budget iniziale e in ritardo di quattro anni, il nuovo grande locale musicale di Manchester aprirà finalmente quest’anno. Progettato dall’Office for Metropolitan Architecture di Rotterdam sotto forma di un gigantesco hangar, con annessa una protuberanza sfaccettata, gli architetti affermano che “conserverà il lato grezzo della città, come una sorta di resistenza all’abbellimento pervasivo dei centri urbani”. Vedremo.
Manchester, giugno

Herzog & de Meuron

Probabilmente lo studio di architettura più rispettato del pianeta, noto per la sua continua innovazione e il suo rifiuto di ripetersi, nonostante la sua crescita come studio globale, Herzog & de Meuron godrà quest’estate di un’attesa retrospettiva alla Royal Academy. La mostra promette di offrire una finestra sul meticoloso processo dello studio svizzero, con modelli, campioni di materiali e prototipi di progetti completati e in corso.
Royal Academy, Londra, 14 luglio-15 ottobre

Sowmya Sofia Riccaboni
Sowmya Sofia Riccaboni
Blogger, giornalista scalza (senza tesserino), mamma di 3 figli. Guarda il mondo con i cinque sensi, trascura spesso la forma per dare sensazioni di realtà e di poter toccare le parole. Direttrice Editoriale dal 2009. Laureata in Scienze della Formazione.

Related Articles

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

- Advertisement -spot_img

Latest Articles