Lamborghini Supercar: nel 2024 il successore dell’Aventador

0
327

Sono passati già dieci anni dal lancio dell’Aventador, il Wild Plug-In ibrido V12. Oggi (o meglio, nel 2024) la Lamborghini Supercar, suo successore, è pronta a sostituirla.

Cosa ci aspetta con la Lamborghini Supercar?

Fino a questo momento si sa che la Lamborghini Supercar subirà un cambio radicale di look, e ci sono indizi su un powertrain selvaggio. Ibrido, sì, ma ancora in possesso di un potente V12: vediamo più da vicino.


La Lamborghini Aventador diventa fucsia per Nicki Minaj


Un design diverso

Il design della nuova Supercar, al pari del suo predecessore Aventador, saprà osare ed essere diverso. Il suo punto forte è senza dubbio il frontale affilato a rasoio, con DRL a forma di Y ispirato a Sián e unità di illuminazione principali incassate dietro. In basso, invece, sono presenti le prese, incorniciate da uno splitter pronunciato dall’esterno al centro. Sui lati, invece, si riconosce il profilo a cuneo della Lamborghini, con prese laterali più grandi collegate ai contrafforti posteriori, che formano un profilo a W. La serra è simile all’Aventador e all’Huracan, con finestre laterali anteriori e posteriori e vetro laterale principale.

Uno sguardo posteriore

In ultima battuta, un occhio al posteriore. I fanali posteriori riprendono quelli anteriori, con tema a forma di Y che fiancheggiano un set di scarichi quadrupli. Guardando più in alto, possiamo notare un’estetica dual che declina sino al vano motore. Per concludere, contrafforti volanti in stile Ford GT e una bocca centrale a far parte del diffusore inferiore.

Stile interno

L’interno sarà senza dubbio selvaggio quanto l’esterno. Non ci sarà forse molto spazio, come accade nelle supercar, se non quello sufficiente per il conducente e il passeggero. Quanto all’equipaggiamento, presenta un cockpit da caccia a reazione con connettività digitale decisamente migliorata e aggiornamenti over-the-air, ricarica wireless per telefono, Apple CarPlay e Android Auto. Infine, la visibilità sarà migliorata grazie ad un sistema di visualizzazione surround a 360 gradi, unita ad una suite completa ad assistere il conducente e alla modalità di guida.

Verso l’elettrificazione totale

La nuova ammiraglia Lamborghini monterà un CO2 riduzione benzina-elettrico di installazione ibrida, diventando così il primo di questa categoria del marchio italiano. Del resto, l’obiettivo è raggiungere l’elettrico totale, al seguito di Urus e Huracan. Questo nuovo ibrido, però, utilizza un V12 con motore elettrico e batteria. Non ci sono ancora specifiche ufficiali, ma Lamborghini ha fatto sapere che il detto V12 sarà un motore del tutto nuovo, con riferimento all’ibrido Sián da 774 CV. Potrebbe, anzi, essere ancora più potente. Inoltre, indiscrezioni fanno trapelare una nuova trasmissione a doppia frizione, che invia energia alle quattro ruote. L’uscita è prevista tra il 2023 e il 2024.