La Via degli Dei e il boom di presenze

Prenotazioni consigliate per uno dei cammini più battuti dell'estate 2020.

0
335

Un percorso storico quasi dimenticato per anni che collega Bologna e Firenze dai quattro ai sei giorni di cammino a piedi, a seconda della propria marcia. La Via degli Dei, una delle mete più ambite in questa strana estate 2020 sembra però chiedere pietà.

Già negli ultimi anni questo antico cammino che collega il capoluogo emiliano con quello toscano ha scoperto un lento e graduale risveglio. Una manna per l’economia locale dell’Appennino che da anni vive il problema della disoccupazione e del relativo abbandono da parte delle fasce più giovani della popolazione. Una piccola fortuna che fino a questo momento non aveva impattato sulla sostenibilità dei territorio coinvolti nelle tappe.

Sarà per la graduale riscoperta dei cammini e del “turismo lento” da parte degli e delle italiane, sarà per il COVID19 che inibisce molti nostri connazionali a intraprendere percorsi ben più noti e lunghi come il Cammino di Santiago, ma la Via degli Dei sembra a ridosso del Ferragosto sembra vivere un vero e proprio ingorgo che mette a dura prova la capacità ricettiva dei paesini coinvolti, in un momento storico nel quale le distanze di sicurezza e le norme igieniche diventano ancora più importanti del solito.

Un trend comunicato ufficialmente dall’agenzia di incoming Appennino Slow che stima la presenza di un numero che va dai 200 ai 300 camminatori al giorno circa e confermato dall’appello presente sul sito del cammino tosco-emiliano, gestito proprio dalla stessa agenzia:

Amici in cammino e non solo, stiamo assistendo ad un’enorme affluenza di camminatori lungo la Via degli Dei! Siete talmente tanti che le strutture e i posti tenda sono al limite! Per questo, e anche per l’attuale normativa di sicurezza per il covid, vi diciamo di prenotare sempre di mettervi in cammino!
Aiutiamo così il territorio a fare si che tutti possano essere accolti, a costo di aspettare, programmare prima il cammino e nel caso posticiparlo!
Ribadiamo anche che, se si arriva in grandi numeri presso una struttura, gli operatori non possono garantire le norme di sicurezza e prevenzione da covid e non possono accogliervi!
Ci esplode il cuore a vedervi così numerosi e siete la nostra forza ma, assolutamente, prenotate e partite se ci sono le disponibilità!


I 130 km del bellissimo percorso naturale al momento non possiedono ancora infatti le numerose strutture ricettive del ben più internazionale Cammino di Santiago, dove tra strutture private e ostelli comunali o religiosi i camminatori e le camminatrici non hanno grandi problemi a trovare un posto letto dove passare la notte anche nel mese di agosto. L’Appennino però non vuole diventare una brutta copia del percorso spagnolo. Qui il rispetto del territorio e della sua lentezza sembrano essere ancora la regola fondamentale e la prenotazione, a colui o colei che intraprenderà il percorso, non costerà nulla.


Cartello della Via degli Dei

Commenti