mercoledì, Giugno 12, 2024

La tendenza “donna d’affari” è ovunque

Hailey Bieber ha presumibilmente accesso a ogni capo di abbigliamento firmato che possa desiderare. Tuttavia, quando le è stata data l’opportunità di mettere alla prova le sue capacità di designer, ha saltato i lustrini e gli abiti da ballo e ha invece sognato cappotti a doppio petto, magliette a maniche lunghe e pantaloni a pieghe. La sua capsule collection con Wardrobe.NYC è nata perché anche lei sentiva che le mancavano “gli elementi essenziali per sempre”, come ha dichiarato a Net-a-Porter. Non si tratta solo di Bieber. Molte persone del suo gruppo, come Kendall Jenner, Emma Chamberlain e Kaia Gerber, oltre a molte altre celebrità, sono state attratte da capi di abbigliamento di marchi contemporanei e minimalisti creati negli ultimi dieci anni, come Anine Bing, Toteme, The Frankie Shop e Raey. Anche loro stanno facendo grandi affari, con The Frankie Shop che ha superato i 40 milioni di dollari di vendite nette nel 2022 e una crescita del 100% rispetto all’anno precedente.

La moda di Gaëlle Drevet

“Non pensavo di poter vendere una maglietta bianca, ma a quanto pare ci sono riuscita”, afferma Gaëlle Drevet, creatrice di The Frankie Shop. L’idea alla base del marchio era quella di “servire le donne in movimento che volevano essere eleganti senza sembrare troppo artificiose”. Come molti fondatori, Gaëlle Drevet ha avviato l’azienda dopo che non riusciva a trovare i capi per sé. Non voleva indossare “un normale abbigliamento da lavoro”, dice. “Ho pensato che ci fosse una nicchia di mercato per un modo diverso di apparire curati, ma ancora disfatti”, in altre parole, un nuovo modo di fare business casual. Indya Brown, fashion editor di Who What Wear, è attratta da questi marchi perché fanno sul serio. “Ho appena compiuto 30 anni. Di recente ho ripulito il mio armadio e ho pensato: “Se voglio essere una professionista, devo prestare attenzione a ciò che indosso”. Non si tratta solo di avere lo stilista più appariscente, ma di avere un aspetto davvero curato”. Se l’era delle girlboss, definita dall’afflusso di donne CEO di start-up che indossano jeans a vita alta, felpe a girocollo e camicette morbide mentre si assicurano grandi accordi di serie A, è ormai alle spalle, il suo spirito continua a vivere a livello sartoriale. Una nuova generazione di giovani donne si presenta pronta a lavorare (non necessariamente in ufficio) e a rimboccarsi le maniche dei loro blazer squadrati, delle camicie button-down e dei pantaloni larghi. E poi indossano di nuovo il blazer nel fine settimana per un brunch con le amiche. È il look della “donna d’affari speciale”.

I capi base

Sebbene questi marchi offrano capi di base, non sono certo basici nel senso colloquiale del termine. “Si tratta di capi senza tempo e senza sforzo”, afferma Olivia Gentin, COO di Anine Bing. Ciò che li distingue sono i ritocchi e le modifiche su misura che differenziano i loro prodotti dai marchi tradizionali di abbigliamento maschile o da quelli della vecchia scuola come L.L. Bean. La maglietta bianca più venduta da The Frankie Shop è dotata di giromanica e spalline che conferiscono una silhouette affilata alla Grace Jones. (La Brown è rimasta piacevolmente sorpresa nello scoprire che anche la tuta di Frankie Shop che aveva comprato durante la pandemia aveva le spalline). Un best-seller di Bing, il blazer Quinn di ispirazione maschile, è disponibile in un colore verde kaki che rappresenta un neutro insolito ma comunque efficace.

La vestibilità oversize

Quasi tutti i marchi vantano una silhouette oversize. “C’è qualcosa nella vestibilità oversize che fa sembrare qualcosa un po’ più lussuoso e di design, nel modo in cui si muove sul corpo”, dice Jess Graves, redattore della newsletter The Love List. Per Drevet, “si tratta di rompere la perfezione con qualcosa che sembra un po’ strano, un po’ più grande, un po’ a trapezio”. Da Raey, il marchio privato di MatchesFashion, i pezzi più venduti sono i jeans ultra-borchiosi (li descrive come “giganti”), insieme a giacche sartoriali e pantaloni coordinati. Il risultato? Una forma semplice di abbigliamento pratico e uniforme che non implica l’indossare ogni giorno un dolcevita nero di Issey Miyake, in stile Steve Jobs. Queste etichette riducono al minimo la fatica di decidere, soprattutto quando gli stilisti propongono sei collezioni all’anno, molte delle quali sono molto diverse tra loro. “Le persone si vestono in qualche modo in uniforme. Il bello di queste linee è che lo incoraggiano. Prendono lo stesso blazer che amate e lo fanno uscire in un altro colore la stagione successiva. Si può aggiungere alla propria collezione e non ci si sente in colpa ad acquistarlo, perché si sa che lo si indosserà”, afferma Graves. Il direttore creativo di Raey, Rachael Proud, fa eco a questa idea: “Fin dall’inizio abbiamo sempre voluto che fosse un marchio a cui si potesse tornare più volte per trovare pezzi e colori che funzionassero insieme. Adoro vedere un vecchio paio di jeans Raey indossato con una nuova maglia. Siamo focalizzati sui capi, quindi non pensiamo a un look stagionale. Ogni capo deve guadagnarsi il suo posto”. È incoraggiato il mix di articoli con pezzi di design. “Non crediamo che Frankie sia la risposta a tutto… diamo strumenti per lo styling”, dice Drevet.

Avere sempre qualcosa da indossare

L’approccio modulare ha un fascino particolare in questo momento ibrido. Brown spiega: “Ho il mio guardaroba di Instagram e il mio guardaroba della vita quotidiana. Ogni giorno indosso pantaloni neri a vita alta e una bella maglietta bianca. Voglio avere un aspetto presentabile ma comunque divertente, ed è qui che entrano in gioco le piccole note di tendenza di marchi come The Frankie Shop”. Con l’aumentare della consapevolezza dell’impatto della moda sul cambiamento climatico, l’atemporalità di questi stili significa anche che i consumatori se li terranno stretti più a lungo. Non si tratta solo di avere lo stilista più appariscente, ma di avere un aspetto davvero curato”.
-Indya Brown E significa che avranno sempre qualcosa da indossare, indipendentemente dalle esigenze della vita o del lavoro. “Ero solita pensare di vestirmi in modo specifico per ogni evento, piuttosto che considerare anche gli aspetti più banali della mia vita come qualcosa per cui vestirmi. [Questi abiti mi fanno sentire come se mi vestissi per la vita che ho realmente”, dice Graves. “Penso che sia come avere un bar o una dispensa ben fornita. Se hai una buona base di ingredienti, sarai sempre in grado di preparare qualcosa”.

Sowmya Sofia Riccaboni
Sowmya Sofia Riccaboni
Blogger, giornalista scalza (senza tesserino), mamma di 3 figli. Guarda il mondo con i cinque sensi, trascura spesso la forma per dare sensazioni di realtà e di poter toccare le parole. Direttrice Editoriale dal 2009. Laureata in Scienze della Formazione.

Related Articles

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

- Advertisement -spot_img

Latest Articles