“Io Donna” speciale venticinquesimo: da collezione

Domani sulla rivista interviste a personaggi celebri con 25 anni. Alcune lettrici sono le modelle del servizio di moda

0
184
orologio da donna

Un numero celebrativo quello di “Io Donna” speciale venticinquesimo in edicola domani, 15 maggio. La rivista al femminile di Corriere della Sera, uscita nel 1996, è cresciuta con le lettrici e oggi ne racconta interessi e aspirazioni.


Di Hong Yi la copertina dello speciale di Time


Cosa trovi su “Io Donna” speciale venticinquesimo?

Le interviste a donne che hanno ottenuto fama e approvazione nello sport, nel design e nello spettacolo. Non mancano poi le storie delle lettrici che parlano delle proprie esperienze e dei traguardi che raggiungono quotidianamente. Festeggiano quindi il compleanno di “Io Donna”: Marta Bassino, Lodovica Martino, Chiara Pasini, Roshelle e Nadeesha Uyangoda. Inoltre, madri e figlie sono diventate le modelle d’eccezione del servizio di moda.

I racconti delle lettrici per “Io Donna” speciale venticinquesimo

La rivista dialoga con il proprio pubblico e dà spazio alle lettrici, pubblicando le vicende personali e i commenti. Sul numero da collezione del 15 maggio compare una selezione di dieci racconti sul tema “Ri-parto da 25”. Infatti, la redazione a marzo ha chiesto di descrivere un momento di svolta che ha portato a un grande cambiamento. Gli studenti della scuola di teatro Paolo Grassi di Milano hanno poi letto e interpretato i racconti che domani sono sulle pagine della rivista. Sono poi disponibili sul sito del femminile e nello spazio dedicato al venticinquesimo.

Le copertine della rivista

Sono personaggi celebri, dive e attrici che rappresentano la femminilità contemporanea le protagoniste delle copertine di “Io Donna”. Consapevoli, creative ed eclettiche le donne scelte per presentare la rivista hanno carisma e carattere, talento e molti followers. Tra le immagini più intense ci sono i ritratti di Jasmine Trinca, Léa Seydoux, Brice Dallas Howard. Anche Kirsten Dunst, Rosario Dawson e Maria Grazia Cucinotta sono i volti di questi 25 anni di editoria.

Una rivista proiettata al futuro

Danda Santini, direttrice di “Io Donna”, nel venticinquesimo della rivista ha pensato ai cambiamenti avvenuti dal 1996 al 2021. Il primo numero del femminile nasceva alla fine del millennio con tante prospettive e un background solido che lo proiettava al futuro. Il lavoro della redazione ha conquistato un pubblico con servizi sulla società, ponendo attenzione a ciò che interessa ai lettori. Domani tra le pagine ci sono anche dei consigli di cucina e tempo libero.

Commenti