sabato, Aprile 13, 2024

Il petrolio scivola mentre l’Iran fa balenare la possibilità di un accordo sul nucleare

I prezzi del petrolio sono scesi lunedì negli scambi asiatici, con il WTI che è tornato sotto i 70 dollari al barile dopo che la guida suprema dell’Iran ha dichiarato che il Paese è aperto a un accordo con l’Occidente sul suo programma nucleare, anche se con alcuni caveat.

L’ayatollah Ali Khamenei ha affermato che un accordo è possibile se l’infrastruttura nucleare iraniana viene mantenuta intatta. I suoi commenti sono giunti pochi giorni dopo che sia Teheran che Washington hanno smentito le notizie secondo cui un accordo nucleare provvisorio sarebbe vicino.

Ma i commenti di Khameni hanno riacceso i timori di un accordo sul nucleare tra i commercianti di petrolio, dato che potrebbe inondare il mercato di offerta con l’abolizione delle sanzioni sulle esportazioni di greggio iraniano.

I prezzi del petrolio vedono poco sollievo

L’ansia per l’aumento dell’offerta si è manifestata anche quando i mercati erano già preoccupati per il rallentamento della domanda e il peggioramento delle condizioni economiche. Questa tendenza ha ampiamente contrastato il taglio della produzione a sorpresa da parte dell’Arabia Saudita, con il greggio che ha chiuso la settimana precedente in rosso nonostante il taglio dell’offerta di 1,6 milioni di barili al giorno da parte del più grande produttore di petrolio al mondo.

I futures del petrolio Brent sono scesi dell’1,1% a $73,97 al barile, mentre i futures del greggio West Texas Intermediate sono scesi dell’1,1% a $69,38 al barile alle 22:05 ET (02:05 GMT).

Una serie di indicatori economici deludenti da parte dei principali consumatori di greggio, Stati Uniti e Cina, ha pesato sui prezzi del petrolio nelle ultime settimane, alimentando il timore che la debolezza delle condizioni economiche possa frenare la domanda di greggio quest’anno.

La domanda di carburante cinese ha faticato a raggiungere i livelli pre-COVID, con una ripresa economica del Paese che sembra essersi esaurita nonostante l’abolizione della maggior parte delle misure restrittive all’inizio dell’anno.

Negli Stati Uniti, la crescita economica si è raffreddata negli ultimi mesi a causa dell’inflazione e dei tassi di interesse elevati.

Fed, ansia da inflazione in gioco


I mercati petroliferi sono rimasti in tensione anche in vista di ulteriori segnali sull’economia e sulla politica monetaria degli Stati Uniti questa settimana. Martedì sono attesi i dati sull’inflazione al consumo negli Stati Uniti, che dovrebbero influenzare la decisione della Federal Reserve sui tassi di interesse di mercoledì.

Si prevede che la Fed manterrà i tassi fermi dopo circa 500 punti base di rialzo nell’ultimo anno. Ma dato che l’inflazione statunitense è ancora ben al di sopra dell’obiettivo della banca centrale, i mercati sono rimasti diffidenti nei confronti di eventuali mosse più aggressive.

Il dollaro si è rafforzato negli scambi asiatici di lunedì in vista della Fed, facendo pressione sui mercati petroliferi e rendendo il greggio più costoso per gli acquirenti internazionali.

Related Articles

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Stay Connected

0FansLike
0FollowersFollow
0SubscribersSubscribe
- Advertisement -spot_img

Latest Articles