Il lago di Aral diventa deserto: cosa si può fare per ricostituirlo?

0
1371
interventi previsti per il lago di Arala

Si estende attraverso l’Uzbekistan e il Kazakistan, il lago d’Aral era un tempo il quarto lago più grande del mondo, di dimensioni simili all’isola d’Irlanda. Da decenni, tuttavia, le sue dimensioni sono state notevolmente ridotte a causa della cattiva gestione dell’era sovietica, della scarsa manutenzione e dell’aggravarsi degli effetti della crisi climatica.

I suoi resti polverosi servono come un cupo promemoria di negligenza ambientale e uno sguardo a un futuro sempre più scarsamente idrico. Da tempo non ci sono navi e c’è sempre meno acqua.

Il lago di Aral e la gestione russa

La cattiva gestione dell’era sovietica ha creato danni monumentali. Come racconta Portia Kentish su Emerging Euroep, nel 1960, l’URSS prese la decisione di utilizzare le vaste e aride pianure della regione che circonda il lago d’Aral per la coltivazione del cotone, un raccolto ad alto contenuto d’acqua.

In mancanza di infrastrutture idrauliche sufficienti, lo stato sovietico ha avviato un immenso piano per deviare due fiumi, Sir Darya e Amu Darya, attraverso un canale lungo 500 chilometri per irrigare i campi di cotone. Deviare i fiumi – che alimentavano il lago d’Aral – ha privato il lago di gran parte del suo flusso d’acqua. Nel 1980 il danno era stato fatto. Solo il 10% del flusso d’acqua originario dei due fiumi raggiungeva il lago. Nel 1989, il lago si era dimezzato e nel 1997 era solo il 10% delle dimensioni di 40 anni prima. Fino al 95% dei bacini idrici e delle zone umide vicine si è trasformato in deserto e più di 50 laghi nei delta dei fiumi si sono prosciugati.


L’Uzbekistan pagherà 3.000 dollari a chi contrarrà il virus


Le conseguenze della siccità

Mentre il deserto circostante è fiorito per un po’, l’essiccazione del lago d’Aral ha avuto implicazioni tragiche e senza precedenti.

“Il calo dei livelli dell’acqua e l’aumento della salinità hanno portato a un forte calo della biodiversità”, spiega a Portia Kentish il professor Anson Mackay dell’University College di Londra, specializzato nell’impatto del cambiamento climatico sui sistemi di acqua dolce. “C’erano più di 20 specie di pesci registrate nel lago all’inizio degli anni ’70, ma erano tutte scomparse pochi decenni dopo. Naturalmente, anche i mammiferi, gli uccelli e altre forme di vita acquatica sono stati decimati “.

Tuttavia, come dice il professor Mackay ad Emerging Europe, l’enorme portata della distruzione si è fatta sentire anche a livello sociale ed economico, colpendo le popolazioni dei villaggi di pescatori che un tempo punteggiavano la costa. “Ciò ha avuto effetti a catena per le economie locali e regionali dipendenti da un’industria della pesca un tempo fiorente. Le acque del lago sono diventate più tossiche man mano che gli inquinanti si sono concentrati, portando a un aumento delle malattie tra le popolazioni che vivono nella regione “.

In regioni come il Karakalpakstan, insieme all’inquinamento e alle tempeste di sabbia, sono aumentati i tassi di morte per malattie respiratorie e anche aumento della tubercolosi, tifo e dissenteria per una maggiore contaminazione batterica. I tassi di cancro e l’anemia sono aumentati, così come, tragicamente, sono aumentate la morbilità e la mortalità infantile.

Il programma delle Nazioni Unite

Le Nazioni Unite hanno lanciato un programma in Uzbekistan denominato Multi-Partner Human Security Trust Fund for the Aral Sea Region. L’obiettivo del programma è aiutare le comunità, ridurre la povertà e migliorare la resilienza, il che, sebbene importante, suggerisce che non vi è alcun obiettivo per ringiovanire il mare stesso.

Commenti