lunedì, Giugno 24, 2024

Greenpeace mette in guardia sulla sicurezza della centrale nucleare di Zaporizhzhia

I regolatori internazionali non sono in grado di monitorare adeguatamente il sito controllato dai russi, si legge nel dossier inviato ai leader occidentali

I regolatori internazionali non sono in grado di monitorare adeguatamente la sicurezza della centrale nucleare di Zaporizhzhia occupata dai russi, secondo un dossier critico compilato da Greenpeace e inviato giovedì ai governi occidentali.

Il gruppo ambientalista conclude che l’Agenzia internazionale per l’energia atomica ha un numero troppo basso di ispettori nella più grande centrale nucleare europea – quattro – e che ci sono troppe restrizioni al loro accesso.

Il gruppo sostiene che l’AIEA “non è in grado di soddisfare i requisiti del suo mandato”, ma non è disposta ad ammetterlo pubblicamente e di conseguenza non vengono denunciate le violazioni russe dei principi di sicurezza.

Shaun Burnie e Jan Vande Putte, specialisti di nucleare di Greenpeace, concludono: “L’AIEA rischia di normalizzare quella che rimane una pericolosa crisi nucleare, senza precedenti nella storia dell’energia nucleare, esagerando al contempo la sua effettiva influenza sugli eventi in loco”.

La vasta centrale nucleare di Zaporizhzhia, con sei reattori in loco, è stata conquistata dalla Russia all’inizio del marzo 2022 e da allora è in prima linea nella guerra. Si trova sul fiume Dnipro, nell’Ucraina centrale, e le forze ucraine occupano la sponda opposta del fiume, lasciando la centrale nel mirino dei militari di entrambe le parti.

Le forze russe si sono insediate all’interno dell’impianto, con un numero potenziale di 500-600 unità, secondo quanto riportato all’inizio della guerra. Le immagini del 2022 hanno rivelato la presenza di alcuni veicoli corazzati. A volte l’impianto è stato attaccato, come nell’agosto 2022, quando i bombardamenti hanno bucato il tetto di un’unità di stoccaggio.

L’AIEA ha rifiutato di commentare direttamente il rapporto di Greenpeace, ma ha sottolineato che gli ispettori sono presenti sul posto dal settembre 2022 e che senza la loro presenza “il mondo non avrebbe alcuna fonte indipendente di informazioni sulla più grande centrale nucleare europea”.

Tutti e sei i reattori sono fermi e, secondo l’AIEA, le preoccupazioni sulla disponibilità di acqua sufficiente per il raffreddamento dopo la rottura della diga di Nova Kakhovka a valle sono state attenuate dalla perforazione di nuovi pozzi.

Ma rimangono le preoccupazioni per il possibile scoppio di nuovi scontri presso l’impianto, mentre l’Ucraina cerca di riconquistare il territorio nella sua controffensiva.

Le conclusioni di Greenpeace sono integrate da una valutazione militare open-source, redatta da McKenzie Intelligence. La maggior parte delle truppe e delle difese russe sul sito sono probabilmente nascoste, e gli ispettori riportano prove che alcune aree dell’impianto sono state minate, anche se non è chiaro quanto pesantemente.

Ma basandosi sulle immagini satellitari, gli analisti hanno detto che ci sono prove che gli occupanti hanno costruito punti di tiro sangar sul tetto di quattro sale del reattore. I segni delle tracce, anch’essi rivelati dall’alto, dimostrano che la Russia spara abitualmente con i lanciarazzi Grad o Smerch contro gli obiettivi ucraini da vari siti distanti tra 1 km e 18 km dall’impianto.

Burnie e Vande Putte scrivono che è probabile che i militari russi “usino la vicinanza della centrale nucleare come scudo” per scoraggiare il fuoco di controbatteria, una violazione, sostengono, dei cinque principi di sicurezza dell’AIEA annunciati per la prima volta dal suo direttore generale, Rafael Grossi, al Consiglio di Sicurezza delle Nazioni Unite a maggio.

Grossi ha dichiarato ai membri dell’organismo delle Nazioni Unite di aver individuato cinque principi fondamentali di sicurezza relativi alla centrale nucleare di Zaporizhzhia, tra cui che “non ci deve essere alcun tipo di attacco da o contro la centrale” e che “non deve essere usata come deposito o base per armi pesanti”.

Gli autori di Greenpeace sostengono che, a distanza di cinque mesi, non c’è stato “alcun rapporto significativo da parte del DG [direttore generale] dell’AIEA sulla conformità o non conformità da parte delle forze russe o dell’Ucraina” – e sollevano preoccupazioni sul livello di accesso degli ispettori in loco alla centrale.

Un rapporto dell’AIEA di settembre ha rilevato che mentre gli ispettori hanno potuto condurre verifiche indipendenti nel sito nucleare, “alcune aree dell’impianto, come i tetti degli edifici dei reattori o le sale delle turbine, sono rimaste inaccessibili… per lunghi periodi”. I dirigenti russi hanno richiesto agli ispettori un preavviso di una settimana per tutte le richieste di accesso.

Secondo Greenpeace, queste dichiarazioni dimostrano che l’AIEA non è in grado di confermare la conformità a causa dell'”ostruzione russa”, e accusa l’ispettorato nucleare mondiale, che conta 177 Paesi membri tra cui Russia e Ucraina, di “portare troppo in là il suo impegno alla neutralità”.

Copie del dossier di Greenpeace sono state presentate mercoledì sera, prima della pubblicazione, ad alcuni membri del consiglio di amministrazione internazionale dell’AIEA. Tra questi, i rappresentanti di Stati Uniti, Regno Unito, Francia e Germania. Pare che Greenpeace abbia anche discusso con l’Ucraina sulla situazione dell’impianto.

Related Articles

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

- Advertisement -spot_img

Latest Articles